Entro luglio si trovi soluzione o Simonini eserciti i suoi poteri da commissario straordinario.

CORIGLIANO ROSSANO, 4 LUG. 2022 – “A valle o a monte? Da ben lunghi nove mesi, addirittura da qualche settimana prima della mia proclamazione a consigliere regionale, mi confronto nonché leggo e sento, e come me i cittadini del territorio ormai sfiduciati, dure prese di posizione che nulla rappresentano se non prove di forza politica. Stupide prove di forza politica, che oggi portano ad un solo risultato: ovvero nessun risultato. Nessun progetto della nuova statale 106 che da Sibari dovrebbe spingersi fino a Coserie, nel rossanese, con continuazione del pericolo che altri cittadini perdano la vita e la totale sfiducia verso le istituzioni”. E’ duro il monito del capogruppo del M5S Davide Tavernise, sullo stallo che avvolge il progetto della statale 106 Sibari – Rossano.

“Nei primi giorni di ottobre dello scorso anno, ho incontrato il sindaco di Corigliano Rossano e il mio messaggio è stato chiaro: sono, e resto, a disposizione di tutti i sindaci che quotidianamente cercano, tra mille difficoltà, di lavorare per il bene comune e per le loro comunità, ma sul tema della statale 106, personalmente, sono per niente interessato a posizioni di parte, perché la Sibaritide ha bisogno di infrastrutture moderne. Perché mentre la politica litiga, gli incidenti stradali aumentano”, continua Tavernise.

“Ecco perché auspico una convergenza di intenti entro luglio, diversamente è opportuno che Simonini eserciti i suoi poteri da commissario straordinario. Perché senza uno stralcio di progetto si rischia di vedersi riconosciuta nessuna risorsa nella prossima legge di bilancio, come trapela tra le righe anche dall’ultima nota di aggiornamento al def. Il rischio, che si fa sempre più concreto, è che l’opera venga realizzata in un futuro remoto. E’ un rischio troppo grande che va assolutamente evitato”, prosegue Tavernise.

“Sin dal mio insediamento in consiglio regionale ho costantemente sollecitato tutti i rappresentanti istituzionali e tutte le forze politiche perché si superino divisioni ideologiche. Un’attività questa culminata, nel febbraio scorso, nell’approvazione unanime, nella massima assise regionale, di una mozione sulla statale 106 che impegna . Una mozione che ha visto tutte le forze politiche raggiungere un primo risultato: vedersi riconosciuti, con ogni probabilità, i primi 3 miliardi nella prossima legge di bilancio. Un risultato certo ancora insufficiente ma che potrebbe segnare la strada per la risoluzione della vertenza ss 106”, continua Tavernise.

“Ma per dare il giusto seguito a quella mozione occorre anche la doverosa unità di intenti dei territori interessati. Senza questa, la domanda che resta da farci non è se il progetto debba essere realizzato a valle o a monte, ma: verrà mai realizzata la nuova statale 106? Un’ipotesi quest’ultima, che evito assolutamente di considerare, per cui se si dovesse perdere tempo in ulteriori dietrologie politiche, mi vedrò costretto ad azioni forti e dirimenti insieme ai cittadini del territorio che da ormai troppi anni chiedono infrastrutture normali”, conclude il pentastellato.

Davide Tavernise Capogruppo M5S – Consiglio Regionale della Calabria