Trebisacce – “La Fillea – Cgil comprensoriale Pollino- Sibaritide – Tirreno e la camera del Lavoro Cgil di Trebisacce condannano, senza se e senza ma, il grave atto intimidatorio

ed esprimono tutta la loro solidarietà e vicinanza ai proprietari e ai lavoratori dell’impresa impegnata nei lavori di movimento terra sul 3° macrolotto della 106, Roseto – Sibari, che nei giorni scorsi un incendio, quasi sicuramente di natura dolosa, ha distrutto cinque mezzi, quatto autocarri e un escavatore cingolato”. E’ quanto scrivono in una nota, tra l’altro, Giuseppe De Lorenzo, segretario generale della Fillea Cgil comprensoriale, e Francesco Ventimiglia, responsabile della Camera del Lavoro Cgil di Trebisacce, in merito a quanto accaduto la notte di martedì scorso, quando in un capannone adibito a ricovero mezzi in località “Piano della Torre”, nel comune di Albidona, un incendio ha distrutto 5 mezzi. “Questa mattina i rappresentanti della Fillea Comprensoriale, guidati dal segretario – si sottolinea nella nota – hanno portato personalmente la propria solidarietà ai lavoratori e ai proprietari dell’impresa visitando la sede aziendale e constatando di persona i gravissimi danni subiti con l’incendio dei 5 mezzi di proprietà dell’azienda”. De Lorenzo e Ventimiglia si dicono certi che “l’azione messa in campo dagli organismi inquirenti farà piena luce su quanto accaduto e, soprattutto, sulla matrice dell’intimidazione e sui suoi eventuali mandanti. Il cordone di legalità messo in campo dall’azione del sindacato, attraverso il protocollo di legalità già operativo e gli organismi istituzionali che ne fanno parte allertati e pronti a intervenire, garantirà – concludono Giuseppe De Lorenzo e Francesco Ventimiglia – la piena agibilità e sicurezza nelle adiacenti aree di cantiere del 3 megalotto”.