In audizione i vertici del Dipartimento ambiente e dell’Arpacal e il sindaco di Cassano Ionio. La decisione assunta dal presidente Gianluca Gallo a seguito del sequestro di un nuovo sito a Sibari.
A seguito della scoperta e sequestro a Sibari di una discarica abusiva al cui interno sarebbe stata accertata dalla Procura di Castrovillari la presenza di ferriti di zinco, su iniziativa del suo presidente Gianluca Gallo la Quarta Commissione consiliare regionale “Ambiente e territorio” ha deciso di avviare, nell’ambito e nei limiti delle proprie competenze in materia, un’attività conoscitiva volta a chiarire i contorni della vicenda, nel rispetto dell’inchiesta giudiziaria condotta dalla magistratura inquirente. In particolare, si cercherà di verificare, sulla base degli elementi disponibili non coperti da segreto istruttorio, quale sia lo stato esatto della situazione e quali debbano e possano essere i rimedi da adottare, anche nel breve e medio termine, per tutelare la salute dei cittadini delle zone interessate e giungere comunque senza indugio quantomeno all’idonea messa in sicurezza del sito, in attesa dell’espletamento della caratterizzazione e successiva bonifica dello stesso.
A tal fine, già nei prossimi giorni la Quarta Commissione, nel corso dei propri lavori, procederà all’audizione dell’ingegner Bruno Gualtieri, dirigente generale del Settore Politiche Ambientali della Regione Calabria; della dottoressa Sabrina Santagati, direttore generale dell’Arpacal; del sindaco di Cassano Ionio, Gianni Papasso.
Reggio Calabria, 25 novembre 2013
Quarta Commissione Consiliare
Regione Calabria
Ufficio di Presidenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.