Esordio di prestigio per Simone Iaquinta nel mondiale Porsche

Written by comunicato stampa on . Pubblicato in Sport

Risultato di grande prestigio per il campione in carica della Carrera Cup Italia Simone Iaquinta alla sua prima esperienza nel Porsche Mobil 1 Supercup. Sul circuito internazionale di Monza, Il driver calabrese ha affrontato un weekend - in parallelo a quello della Formula Uno - di assoluto arricchimento professionale e sportivo in quello che è in tutto e per tutto il campionato mondiale firmato Porsche, ottenendo un dodicesimo posto soddisfacente perché arrivato in piena rimonta.

 A Monza il campione di Castrovillari è partito dalle prove libere con l’intento di dimostrare il proprio valore su una pista non facile e contro avversari di alto profilo.

 

“Posso ritenermi soddisfatto – ha spiegato il pilota calabrese – perché fin dalle libere del venerdì ero abbastanza veloce, anche se mi sono dovuto subito abituare alla vettura senza ABS, di cui invece è provvista nel campionato italiano”. Una circostanza che non ha scalfito la voglia di stupire del driver leader del trofeo tricolore, anche perché “in queste occasioni – ha proseguito – c’è davvero tanto da imparare. Era per me la prima volta in Mobil 1 e mi sono reso conto che affrontare la pista in questa competizione è molto differente rispetto all’Italiano, perché i residui di gomme lasciati dalle auto di Formula Uno sono davvero tanti e bisogna adeguarsi al meglio e calcolare anche questi particolari”.

Venerdì, nelle libere, Iaquinta ha potuto coprire soltanto 4 giri, a causa di una girata alla variante della Roggia che lo ha costretto a fermarsi. Nelle qualifiche del sabato, il pilota calabrese stava concretizzando l’esperienza accumulata nelle libere, ma a causa di un rallentamento nel giro veloce si è trovato a perdere mezzo secondo che lo ha fatto scivolare al sedicesimo posto in griglia di partenza. “Mi sono comunque rimboccato le maniche – ha spiegato Iaquinta – concludendo una gara che considero comunque soddisfacente perché ho combattuto fino alla fine, conducendo molti sorpassi e confesso che non è facile fare gare di rimonta qui a Monza. Ci tengo a ringraziare il team Ombra Racing e il centro Porsche Padova – ha concluso – che mi ha dato la possibilità di affrontare questa straordinaria esperienza, che arricchisce in modo davvero importante il mio percorso di pilota”.

Stampa