Raduno nazionale gruppi folklorici… terza serata


Tutto il popolo del folklore era in piazza Municipio a Castrovillari e soprattutto un “angelo” che con discrezione ha suonato per loro, Benedetto Marino, componente del “ Gruppo Folk Città di Castrovillari”. La terza serata della 30^ Estate Internazionale del Folklore e del Parco del Pollino, in corso di svolgimento a Castrovillari, manifestazione organizzata dall’Associazione Culturale “Gruppo Folk Città di Castrovillari”

e sostenuta dalla locale Amministrazione Comunale, dal Parco del Pollino, dalla Regione Calabria, dalla Provincia di Cosenza, dall’Associazione ACT ( Ambiente, Cultura, Turismo) e da numerosi sponsor privati,
si è aperta ricordando il chitarrista che amava la vita e soprattutto gli piaceva divertirsi insieme alla gente. Così è stato ricordato dal direttore Artistico Antonio Notaro, il chitarrista castrovillarese che dall’ 86 e fino allo scorso anno, ha fatto parte  del sodalizio folkloristico prima di dare inizio al Raduno Nazionale dei Gruppi  Folklorici con  Mormanno, Pellaro, Ostuni e Nicastro. Seduti tra il  pubblico, visibilmente commosse, le due figlie di Benedetto, Tiziana e Cinzia che a fine serata hanno premiato con una targa ricordo i gruppi che hanno allietato la serata dedicata al loro papà. Ma il Patron Notaro, coadiuvato nella presentazione dalla giornalista e antropologa, Genevieve Makaping, ha voluto ricordare altri due componenti del gruppo che prematuramente hanno lasciato questa vita, Gianni Francomano, e Barbara Malomo , a lei è dedicato il concorso fotografico , inserito nel cartellone della manifestazione, “ I Colori del Mondo”.
Ad aprire la serata il Gruppo “ Miromagnum” proveniente dalla vicino Mormanno;  innumerevoli successi nazionali ed internazionali, il segreto  del sodalizio sta: nel nome “ Miromagnum” ovvero “ vedo il meglio” e la voglia di portare avanti le tradizioni sta nella forza e nella passione dei suoi componenti, la “ Mission”  la promozione territoriale nata già con l’opera “ Adotta la tradizione”.
Poi gli usi, i costumi, i colori e i canti della Calabria degli anni ’20 e 30 con un Gruppo giovanissimo
 “ Nicastru C’abballa” nato  nel 2008 .  Giovani lametini hanno messo insieme la loro passione per le tradizioni popolari , in costante attività di ricerca, valorizzazione  e conservazione del patrimonio artistico, culturale e locale che si è tradotto sul palco in uno spettacolo ricco variegato carico di una forte valenza culturale.
Da Lamezia a Reggio Calabria, con il Gruppo  Folk “ I Peddaroti” di Pellaro  a rappresentare la nostra bella Calabria , meravigliosa Terra,  ricca di storia, cultura , tradizione. Con i loro canti e danze, hanno dato vita a quadri di vita quotidiana d’altri tempi  delle tradizioni popolari e reggine e nello specifico, pellaresi, tradizioni da salvaguardare e da trasmettere alle future generazioni.
Gran finale con la danza proveniente  dalla “ Città Bianca” ovvero Ostuni, la “ Taranta”. A  promuovere  i valori dell’antica cultura dell’Alto Salento, 30 elementi del Gruppo Folk “ Città di Ostuni”.  E tra tarantelle, quadriglie e serenate,  in un increscendo di emozioni che hanno contagiato il popolo del festival, non  poteva mancare il gran finale, ovvero la “ Pizzica Tarantata” , in passato eseguita come principale accompagnamento del rito etnocoreutico del tarantismo, in quanto, fino a pochi decenni fa, era considerata l’unica medicina contro il morso delle tarante.
Castrovillari “ Città Festival” continua con i suoi appuntamenti in cartellone, questa sera è la volta dei gruppi provenienti dal Perù e dalla Macedonia, che si esibiranno nella centralissima  Piazza Municipio, e tra storia, cultura, tradizione, canti e  danze, anche loro porteranno  un messaggio di Pace.
Castrovillari 20 agosto 2015

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.