Castrovillari: a “Primafila”arriva la comicità di Giobbe Covatta

Non conosce sosta la dodicesima edizione di “PrimaFila”. La Rassegna teatrale itinerante organizzata dall’Associazione Culturale “Novecento” la cui direzione artistica è affidata a Benedetto Castriota. Otto gli spettacoli previsti nella sua sessione invernale partita il 18 Dicembre  a Castrovillari con lo spettacolo di Gianfranco Jannuzzo.  Domani sera 21 Dicembre 2013 sarà la volta di  Giobbe Covatta con lo spettacolo 6° (sei gradi), spettacolo scritto con Paolo Catella che vedrà la partecipazione  Mario Porfito e Ugo Gangheri.
Ancora una volta è un numero il titolo del nuovo spettacolo di Giobbe Covatta, dopo “7” (come i sette vizi capitali) e “30” (come gli articoli della carta dei diritti dell’uomo), questa volta tocca ora al numero “6″!  Anche in questo caso il numero ha un forte significato simbolico: rappresenta l’aumento in gradi centigradi della temperatura del nostro pianeta. Tutto ciò che vedremo nel corso dello spettacolo è collocato nel futuro in diversi periodi storici nei quali la temperatura media della terra sarà aumentata di uno, due, tre, quattro, cinque e sei gradi. I personaggi che vivranno i queste epoche saranno i nostri discendenti (figli, nipoti o pronipoti che siano) ed avranno ereditato da noi il nostro patrimonio economico, sociale e culturale ma anche il mondo nello stato in cui glielo avremo lasciato. Ma come sarà il mondo la cui temperatura media sarà più alta di un grado rispetto al 2012? E quando i gradi saranno due? E quando saranno 6?
Il grande comico napoletano se lo è chiesto: modelli matematici applicati all’ecologia creati con solide basi scientifiche ci fanno nettamente pensare che i nostri più stretti discendenti avranno seri problemi e si dovranno adattare a (soprav)vivere in un pianeta divenuto assai meno ospitale, se non cercheremo di risolvere i problemi dell’ambiente, della sovrappopolazione e dell’energia sin da oggi. Uno spettacolo da non perdere dove comicità, ironia e satira si accompagnano alla divulgazione scientifica su quelli che sono senza dubbio i grandi temi del nostro secolo: sostenibilità del Pianeta e di conseguenza delle sue popolazioni.
Un’occasione di divertimento ma anche per comprendere che la fine del mondo prevista per il 2012 potrebbe essere solo stata rimandata di… 6 gradi!
Il 22 dicembre, arriva poi a Castrovillari Alessandro Haber con il suo “Haberrante”
 __________________
Per informazioni e prevendite dei biglietti ci si può rivolgere direttamente presso la sede dell’Associazione Culturale "Novecento" in Via Boccaccio, 14 a Castrovillari, o contattare direttamente il box office ai numeri 0981.489008 e 388.0565704. I biglietti degli spettacoli sono anche disponibili presso la Dany Music di Via Mazzini, Baby Store Via S.Sebastiano e presso Antico Caffè 900 di Via Roma a Castrovillari e Cartolibreria Vignale Via Praino a Cassano all’Jonio . Ma si può anche prenotare il biglietto comodamente da casa attraverso la biglietteria automatizzata all’indirizzo www.sinfonybiglietteria.it

Stampa Email

Castrovillari: Domani tutti al Teatro Sybaris in “Primafila”, lo spettacolo lo offriamo noi

Visto il periodo di difficoltà economica l’Associazione Culturale “Novecento”, ha deciso di rendere gratuito l’ingresso per lo spettacolo della Minaccioni e Ly.
«La cultura ed il teatro devono essere accessibili a tutti. E noi operatori culturali dobbiamo venire incontro al desiderio di quanti vorrebbero, ma non possono, godere della bellezza delle opere e degli attori che circuitano nelle nostre città. Ecco perché si è deciso di far accedere GRATIS il pubblico allo spettacolo di domani, 20 dicembre, in cui avremo in scena a Castrovillari Paola Minaccioni e Awa Ly con “Un mare di nuvole”, anche per sollecitare le amministrazioni pubbliche ed altri operatori di settore e rendere accessibile il teatro a chi non ne ha la possibilità economica».
E’ una proposta provocatoria e solidale insieme quella dell’Associazione Culturale “Novecento” comunicata da Benedetto Castriota, direttore artistico della rassegna itinerante “Primafila” che nella sua sessione invernale è partita lo scorso 18 dicembre al Teatro Sibarys di Castrovillari con lo spettacolo di Gianfranco Jannuzzo. Otto spettacoli che chiuderanno il 2013 al teatro comunale di Cassano all’Jonio, dopo essere passato per Oriolo e Borgia nella parte estiva, e che vedrà in palcoscenico anche Giobbe Covatta, Alessandro Haber, i comici di Made in Sud per il XII appuntamento con il Festival di Teatro Comico inserito nella rassegna, Pamela Villoresi e Paola Quattrini.

Una scelta quella dell’associazione culturale “Novecento”, presieduta da Luisa Giannotti, organizzatrice della l rassegna  che vuole dare un segnale di apertura verso le difficoltà economiche che tutti vivono in questo periodo. «Non tutti possono permettersi spettacoli di teatro tutte le sere, come prevede la nostra rassegna – continua Castriota – per questo per una sera offriamo noi per tutti».

“Un mare di nuvole” con Paola Minaccioni e Awa Ly è un viaggio oltre le nuvole per cercare di trovare se stessi, di trovarsi altrove, di trovarsi lontano. Un viaggio al di la del mondo, oltre noi stessi, stando fermi. Una esperienza da vivere con uno stile che non sia alla moda. Il 21 dicembre, poi, arriva Giobbe Covatta con “6° (sei gradi), spettacolo scritto con Paola Catella, che vedrà la partecipazione di Mario Porfito e Ugo Gangheri.
__________________
Per informazioni e prevendite dei biglietti ci si può rivolgere direttamente presso la sede dell’Associazione Culturale "Novecento" in Via Boccaccio, 14 a Castrovillari, o contattare direttamente il box office ai numeri 0981.489008 e 388.0565704. I biglietti degli spettacoli sono anche disponibili presso la Dany Music di Via Mazzini, Baby Store Via S.Sebastiano e presso Antico Caffè 900 di Via Roma a Castrovillari e Cartolibreria Vignale Via Praino a Cassano all’Jonio . Ma si può anche prenotare il biglietto comodamente da casa attraverso la biglietteria automatizzata all’indirizzo www.sinfonybiglietteria.it

Stampa Email

Sabato e domenica all’Auditorium di Morano Calabro “NATALE IN CASA CUPIELLO”

Morano Calabro – Continua la tredicesima stagione di TeatroMusica all’auditorium comunale. Questa volta tocca ai padroni di casa de L’Allegra Ribalta che, sotto la regia di Casimiro Gatto, si cimenteranno in un classico della commedia napoletana: “Natale in casa Cupiello”. Lo spettacolo sarà in scena sabato 21 dicembre alle 20.30 con replica domenica 22 dicembre alle 18,30. “Natale in casa Cupiello” è  una delle opere più apprezzate e conosciute di Eduardo De Filippo. Fu scritta nel 1931 e rappresentata dal medesimo Eduardo con l’intera sua Compagnia Teatro Umoristico “I De Filippo”, nel 1932 al Teatro Kursaal di Napoli, dove inizialmente venne inscenato il solo atto unico del dramma. In seguito, Eduardo decise di lavorare accuratamente a questa commedia sottoponendola ad un’attenta revisione e così, nel 1934, si ebbe l’opera completa in tre atti. “Il terzo atto non ebbi mai il coraggio di recitarlo a Napoli perché è pieno di amarezza dolorosa, ed è particolarmente commovente per me, che in realtà conobbi quella famiglia. - disse il grande drammaturgo - Non si chiamava Cupiello, ma la conobbi”. Da acuto osservatore della realtà, qual era, Eduardo seppe cogliere, forse più d'ogni altro artista, il sentimento che il Natale suscita nel cuore della gente mite. Nato in una città, dove tale ricorrenza è sempre stata oggetto di un culto forte, avvertito, finanche eccessivo, trovò quasi inevitabile descriverlo. Ovviamente, lo fece a modo suo, da drammaturgo, creando appunto Natale in casa Cupiello. Il contenuto della vicenda è chiaro e non ha bisogno di commenti, la casa dei Cupiello riflette le sfaccettature, spesso dolorosissime, della realtà. Il presepe, di contro, è quel luogo di pace nel quale si confida ingenuamente, magari dimenticando che è solo un artificio. La trama è nota, ma gioverà ricordarla brevemente. È il mattino della vigilia di Natale e, come ogni anno, Luca Cupiello, appena desto, comincia a lavorare al suo presepe, nell'indifferenza della moglie Concetta e dello sfaccendato figlio, Tommasino, che gli ripete, con un cinismo quasi grottesco, che a lui il presepe non piace. Ciò, ovviamente, provoca un certo disappunto in Luca, che crede tanto in quel simbolo e sta impegnandosi a fondo per realizzare un "capolavoro". Mentre è intento alla sua occupazione, scoppia una lite fra il figlio ed il fratello Pasquale. I due cominciano a beccarsi a causa di alcuni furti di vestiario commessi da Tommasino. Luca, con ammirevole pazienza, fa del suo meglio per sedare gli animi, onde trascorrere un Natale sereno. L'uomo però ignora il fatto più grave e cioè che la figlia, Ninuccia, è innamorata di un altro uomo e ha deciso di lasciare il marito.
DOMENICO DONATO
PER L’UFFICIO STAMPA DI TEATROMUSICA

Stampa Email

“Recital” di Jannuzzo, domani al via Primafila Winter

Inizia domani la serie di spettacoli che coinvolgerà Castrovillari e Cassano all’Jonio.
Tutto pronto per l’inizio di Primafila Winter. Domani, 18 dicembre, alle ore 21.30 si apre il sipario sulla Dodicesima edizione della rassegna di teatro organizzata dall’Associazione culturale “Novecento” presieduta da Luisa Giannotti e affidata alla direzione artistica di Benedetto Castriota che in quest’anno assume la dimensione itinerante coinvolgendo quattro comuni, Castrovillari, Cassano all’Jonio, Oriolo e Borgia.
Partita a il 14 agosto da Oriolo con la sessione estiva, arriva nel capoluogo del Pollino per la sua parte invernale che per ben sei serate vedrà protagonista il Teatro Sybaris del Protoconvento Francescano, per chiudere a Cassano all’Jonio la fortunata e intensa programmazione 2013. Toccherà a Recital  di  Gianfranco Jannuzzo aprire la serie di spettacoli prenatalizi. Un racconto sulla “sua” Sicilia, così come l'ha vissuta e conosciuta; la Sicilia che ha imparato ad amare grazie all'amore che ne avevano e ne hanno i suoi genitori. Una Sicilia allegra e amara, spensierata e triste, meravigliosa e spietata, solare e introversa, indolente e attiva. Isola, forse, ma sicuramente ponte per mille culture.

Il 19 dicembre, invece, sarà la volta di Grazia Scuccimarra in scena, sempre al Teatro Sybaris di Castrovillari, con “Noi ragazze degli anni 60”, che ha già ben duemila repliche all’attivo nei teatri italiani. Considerato un cult del teatro comico contemporaneo lo spettacolo narra gli anni 60 con lucidità comica che lo rende attualissimo. C’è il modo di amare, di vestire, di sognare, di studiare, muoversi e atteggiarsi dei giovani di quella generazione, il modo di fare politica. Una analisi di una generazione vista in un crescendo esilarante che la mette in stretta relazione con i giovani di oggi. Ridiamo di come eravamo sciocchi, teneri e inconsapevoli, e di come siamo oggi, sicuramente coscienti, senza più veli a coprire la realtà ma, al tempo stesso, tanto comicamente patetici nel volere far finta che tutto possa tornare azzurro e sereno come in quegli anni. Lo scopo è quello di passare due ore insieme, divertendoci da morire alle nostre spalle.
Tutta al femminile la terza serata di programmazione con Paola Minaccioni e Awa Ly che il 20 dicembre portano in scena “Un mare di nuvole”. Un viaggio oltre le nuvole per cercare di trovare se stessi, di trovarsi altrove, di trovarsi lontano. Un viaggio al di la del mondo, oltre noi stessi, stando fermi. Una esperienza da vivere con uno stile che non sia alla moda.
__________________
Per informazioni e prevendite dei biglietti ci si può rivolgere direttamente presso la sede dell’Associazione Culturale "Novecento" in Via Boccaccio, 14 a Castrovillari, o contattare direttamente il box office ai numeri 0981.489008 e 388.0565704. I biglietti degli spettacoli sono anche disponibili presso la Dany Music di Via Mazzini, Baby Store Via S.Sebastiano e presso Antico Caffè 900 di Via Roma a Castrovillari e Cartolibreria Vignale Via Praino a Cassano all’Jonio . Ma si può anche prenotare il biglietto comodamente da casa attraverso la biglietteria automatizzata all’indirizzo www.sinfonybiglietteria.it

Stampa Email

Trebisacce: avviate le iniziative pre-natalizie

Avviate, da parte delle associazioni culturali e di volontariato, le iniziative pre-natalizie destinate a creare la magica atmosfera della festa più antica del mondo e per raccogliere fondi destinati a regalare un sorriso anche agli indigenti. Ad aprire la rassegna delle iniziative è stata l’associazione “Melagrana Onlus” (presidente Silvano Romanelli) che, con la collaborazione dell’Accademia Musicale “Gustav Malher” e la scuola di danza “Scarpette Rosa”, ha organizzato, presso la vecchia Fornace, una bella manifestazione condita di musica e danza che ha registrato la partecipazione degli allievi sia dell’Accademia Musicale che della Scuola di Danza. Si è trattato di un concerto (nella foto) che è stato molto apprezzato e partecipato e che, come si diceva, è stato organizzato a scopo benefico e all’insegna dell’invito: “Regaliamo un sorriso – Allarghiamo le braccia  e contribuiamo ad offrire un briciolo di serenità a chi ne ha bisogno”. In calendario ovviamente ci sono tante altre iniziative, come quelle che promuove ogni anno la Fidapa e che prendono il via proprio oggi con “La mostra dei Presepi sulla Natività” che aprirà i battenti alle 18.30 presso il Miramare e andrà a avanti fino all’11 dicembre. Le iniziative della Fidapa, guidata dalla professoressa Lucrezia Angiò, proseguiranno il 13 dicembre presso il cinema-teatro Gatto con il tradizionale “Concerto di Santa Lucia”.
     Pino La Rocca

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.