Reading di Domenico Poli al castello medievale di Morano

Ospite della serata il meteorologo di Rai Uno Girolamo Sansosti
MORANO - Piace la formula del racconto monografico intervallato da suggestioni musicali: ieri nella sala multifunzione del Castello medievale di Morano, il medico/scrittore Domenico Poli ha presentato i suoi libri e regalato al numeroso pubblico intervenuto due ore di cultura e svago.

 

La manifestazione, un moderno e prolungato “reading multimediale” imperniato sull’analisi del contesto e delle situazioni caratterizzanti le diverse opere dell’autore, progettato per incuriosire e, al contempo, stimolare la riflessione su grandi temi di attualità e casi di cronaca nazionale ancora irrisolti (Ustica, per citarne uno), offerto in maniera coinvolgente e con linguaggio schietto, pur distanziandosi dal rigido protocollo della lettura monografica, ha richiamato i processi narrativi utilizzati nell’affabulazione dei testi e svelato una spiccata attitudine del Poli a trasporre in forma dialogica storie, luoghi e personaggi a lui cari, abbinando alla forza comunicativa delle parole l’ascolto di suoni e melodie abilmente interpretate.

 

I romanzi dati alle stampe e quelli in fase di pubblicazione, quasi tutti ispirati al passato e al menage quotidiano dello scrittore, denunciano coraggiosamente, anche mediante l’ausilio di figure retoriche, la complessa realtà odierna, non esimendosi dal suggerire, seppur sommessamente, soluzioni e nuovi approcci alle problematiche trattate. La parabola ascendente di migrante vissuto lontano dall’amata terra natia, una costante che emerge con un enorme carico di nostalgia, influenza inevitabilmente gli scritti di Domenico Poli, ma non lo confina nell’alveo dei malinconici o dei pessimisti di professione. Tutt’altro. Il suo atteggiamento di ferma fiducia e rispetto per il prossimo, l’attaccamento agli affetti e alle origini, lo collocano tra gli autori moderni che pur apprezzando il passato amano guardare al domani con speranza.

 

La serata, parte integrante del cartellone estivo dell’Amministrazione comunale, realizzata in collaborazione con il polo naturalistico “Il Nibbio”, condotta con estrema professionalità e competenza da Geppo Laurito, è stata arricchita dalla partecipazione straordinaria del meteorologo di Rai Uno, Girolamo Sansosti, che nelle vesti di ottimo chitarrista ha deliziato la platea con brani e aree del repertorio classico e popolare italiano. Belli, inoltre, alcuni canti albanofoni eseguiti da Ernesto Iannuzzi e una trilogia di nenie composte dal Poli e cantate dalla pianista Caterina Romagnoli, accompagnata alla tastiera dall’arch. Flavio Poli, insieme a Nellino Cosenza e Tonino Rizzo mentore dell’evento.


 

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.