Giobbe Covatta a Rossano con “Sei Gradi”

Evento organizzato dall’associazione RiCrea Rossano. 11 agosto 2016, anfiteatro Maria de Rosis
ROSSANO - Ridere con testa sull'Armageddon, l'Apocalisse, la probabile fine del mondo conosciuto. Giobbe Covatta, nel suo "Sei gradi" - scritto con Paola Catella - alla maniera calviniana, plana sulle cose dall'alto e tra una battuta e un'altra porta lo spettatore a interrogarsi su alcuni dei grandi temi ambientali del nostro secolo: la sostenibilità del Pianeta e di conseguenza delle sue popolazioni.

Dopo “7” (come i sette vizi capitali) e “30” (come gli articoli della carta dei diritti dell’uomo), il noto comico mette in scena uno spettacolo dove humour, ironia e satira si accompagnano alla divulgazione scientifica. Il numero sei rappresenta l'aumento in gradi centigradi della temperatura della Terra.
«Immagino il mondo nel 2112, un dopodomani mica troppo lontano, abitato dai nostri pronipoti - si legge in una dichiarazione rilasciata dall'artista - cosa succede con sei gradi in più sul pianeta? Cose inquietanti e ridicole. Tra le prime, per dirne una, i monsoni che scompaiono e 4 miliardi di persone costrette a ritrovarsi senza l'alimento base della loro vita: il riso. Scomparso, via. Tra le seconde, le scappatoie scientifiche che l'Uomo, che resta intelligente, inventerà per sopravvivere. Poi, se non ce la farà, alla Terra sai che gliene frega».
Far ridere coi numeri, sulla fine del mondo è possibile? «Certo che sì anche ai funerali si ride, e il morto non se la prende».
La prima messa in scena risale al 2014 ma continua a essere di assoluta attualità.

È questo lo spettacolo che l'associazione RiCrea - evento con cui festeggerà la quarta edizione della kermesse RiciCreando - porterà a Rossano, il prossimo 11 agosto, nell'ambito dell'Estate rossanese, nell'anfiteatro Maria De Rosis, con inizio alle 21.30

Giobbe Covatta nasce a Taranto nel giugno del 1956 ma è napoletano d’adozione, essendosi trasferito da bambino nel capoluogo campano. Comico, scrittore, attore, politico, testimonial di AMREF e Save the Children, portavoce nazionale della Federazione dei Verdi. I primi palchi calcati sono quelli dei villaggi turistici, dove lavora come animatore, poi il debutto al Derby di Milano nel 1983, finché nel 1987 fa la sua comparsa in tv su Odeon con il programma "Una notte all'Odeon". L'anno dopo arriva a Rai2. Dal 1990 diventa ospite regolare del "Maurizio Costanzo Show". Da lì la sua carriera non conosce più stop. Teatro, televisione, cinema, libri. A un certo punto della sua vita l'attivista che è in lui si risveglia e arriva anche l'impegno ambientalista e umanitario. Dicono di lui che è l'unico in Italia che può ironizzare sulla Bibbia senza incorrere in scomuniche.
RiCrea, con sede a Rossano, nasce dall’esperienza segnata dall'evento sul riciclo creativo e artistico dei materiali, “RiciCreando”, arrivata quest’anno alla quarta edizione. Un’associazione che nasce in un territorio alle prese con problematiche enormi in un contesto storico difficile. E nasce con la voglia di creare e diffondere buone pratiche che possano contribuire ad un cambiamento reale delle cose.
Le finalità dell’associazione “RiCrea” mostrano particolare attenzione verso la sensibilizzazione alle tematiche di tutela ambientale e salvaguardia dei territori, alla promozione e allo sviluppo dell’educazione ambientale, alla realizzazione di campagne informative ed eventi.

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / cell. 377 2799273

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.