#iorestoacasa, l'ora del tè: da domani tradotto nel linguaggio dei segni

  

Stare in casa tutto il giorno può essere pesante se non si hanno i giusti espedienti per trascorrere bene il tempo. Le rubriche di Informazione & comunicazione che in questi giorni stanno allietando le giornate dei nostri amici delle pagine social vogliono essere una possibilità di scelta per usufruire di contenuti allettanti per essere intrattenuto. Alle cinque del pomeriggio, l'invito è quello di prendere un tè e farsi trasportare dalla lettura entusiasmante di un bel libro.

Leggi tutto

Stampa Email

Pubblicato il libro di Alfano: “Cassano nelle vicende del Regno di Napoli”


Il professore Pasquale Alfano, cassanese, classe 1940, ha pubblicato l’opera: “Cassano nelle vicende del Regno di Napoli”, Susil Edizioni. Si tratta di un poema storico narrativo che ricostruisce con un certosino fare scientifico e cronologico le fasi che hanno caratterizzato nel periodo di riferimento la vita, nelle diverse articolazioni, di Cassano, suo paese natio. 

Leggi tutto

Stampa Email

Tutti gli ospiti intervenuti a "La panchina dei versi", festival online contro il coronavirus

In tempi di coronavirus l'arte si è trasferita sul web, con incontri, concerti, lezioni e approfondimenti.
Nato con la finalità di tenere compagnia in questi giorni di quarantena in casa, il festival online "La panchina dei versi - festival contro il coronavirus" è diventato un appuntamento molto gradito dagli utenti in rete, per la qualità artistica degli ospiti intervenuti. 

Leggi tutto

Stampa Email

Il professore dell'Università della Calabria Mario Caligiuri partecipa oggi al festival online "La panchina dei versi"

Continua, con grande successo e partecipazione degli utenti in rete, il festival online della condivisione contro il coronavirus "La panchina dei versi", trasmesso in diretta sulla pagina Facebook "Il Paese della Poesia - Il Federiciano" http://www.facebook.com/ilpaesedellapoesia

Leggi tutto

Stampa Email

Trebisacce: “Tra i reticolati dei lager tedeschi”, dal manoscritto del compianto M.llo Rizzo

“…Usciti dal cancello veniamo ancora contati e poi, inquadrati per tre, ci portano in uno stanzone buio e qui, entrando a uno a uno, veniamo sottoposti alla perquisizione e al sequestro degli oggetti ritenuti superflui, tra cui la fede e l’unica maglia di lana che avevo e veniamo quindi immatricolati… Da quel momento non siamo più persone ma un numero, niente altro che un numero. 

Leggi tutto

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.