Svolto il “Forum elettorale” con i candidati a sindaco di Crosia

Alla presenza di un folto pubblico Russo e Tavernise hanno risposto alle domande. Seminario ha inviato via e-mail il proprio pensiero.
Il confronto c’è stato. Tante le tematiche trattate. Numeroso e interessato il pubblico presente. Si è trattato di un “Forum elettorale” organizzato in occasione delle prossime elezioni amministrative del 25 maggio. L’iniziativa pubblica di carattere giornalistico ha avuto luogo nella sala consiliare della delegazione municipale di Viale della Repubblica in Mirto. Un’azione pianificata dalla testata giornalistica on line IonioNotizie.it e dallo Studio di Sociologia e comunicazione Iapichino, con il supporto di cinque aziende partner: “VisionOttica Scorpiniti”, “MDMmarmi” di Luigi Madeo, orafo “Domenico Tordo”, “Mobili F.lli Madeo” e Autoscuola “La Tecnica”- agenzia pratiche auto Boccuti”. Le imprese hanno formulato proprie domande che il moderatore super partes, il sociologo e giornalista Antonio Iapichino, ha rivolto agli aspiranti alla poltrona di Primo Cittadino di Crosia. I candidati Antonio Russo (lista “Evoluzione”), e Davide Tavernise (lista “Movimento cinque stelle”) hanno risposto alla presenza del pubblico, mentre Santo Seminario ha inviato via e-mail il proprio pensiero sulle diverse tematiche. Di seguito si riportano alcuni dei numerosi argomenti trattati durante il “pomeriggio politico crosiota”.
Il primo argomento discusso ha riguardato il turismo. Essendo la stagione estiva, ormai, alle porte c’è bisogno di pianificare subito azioni di carattere turistico ricettivo. Per Russo è necessaria effettuare una ricognizione per verificare lo stato dell’arte del paese, quindi, dopo una verifica sulle risorse economiche e del personale, si partirà con ‘un’azione di pulizia delle strade, soprattutto della zona lungomare. A giudizio di Tavernise,  Crosia, un paese a vocazione turistica, deve valorizzare il suo gioiello: il lungomare “Centofontane”. Il suo gruppo punterà a un turismo sostenibile. Sarà necessario capire quanti fondi ci sono a disposizione per il turismo, quindi, bisognerà avviare apposite azioni. Per Seminario bisogna da subito assicurare una spiaggia sistemata, una pulizia costante dell’intera area di Centofontane, assicurare una costante vigilanza al bene comune in armonia con i turisti che devono percepire un ambiente in sicurezza. Altro aspetto considerato il contatto con i cittadini. L’opportunità di un contatto con l’utenza tramite internet. Per Tavernise la Casa comunale è la casa dei cittadini. Sarà necessario potenziare il sito internet istituzionale che consentirà di aumentare il rapporto con la comunità e le loro esigenze. Necessaria la riattivazione della diretta streaming del Consiglio comunale. Per Russo internet accorcia le distanze tra l’Ente e i cittadini. Nel 2005 (durante la sua amministrazione) ha attivato l’Ufficio Urp per segnalare i problemi dei cittadini ai vari uffici. Oggi sarà necessario creare un valido sito internet per interagire con il Comune e scaricare delibere, determine e verificare come vengono spesi i soldi pubblici. Per Seminario nel contatto con i propri amministrati bisogna utilizzare tutti i mezzi di informazione, ma, quando è possibile, anche il rapporto diretto. In questo ambito internet è già uno strumento utilizzato che va meglio organizzato affinché il cittadino esperto possa dialogare con gli amministratori e gli uffici. Circa i problemi legati alla viabilità, il candidato Russo ha messo in risalto che bisogna garantire la sicurezza ai cittadini. Alcune strade non sono sicure. Bisogna fare in modo che gli automobilisti non rovinino le auto in modo che il Comune non sia costretto a pagare i risarcimenti danni. Ha spiegato che nel 2005-2008 il suo esecutivo ha optato per i sensi unici, cambiati, poi, dalle amministrazioni successive. Tavernise ha detto che in paese esiste una viabilità di “Serie B”. Ci sono strade che non posseggono il manto bituminoso. Bisognerà intervenire, per rendere la viabilità migliore in ogni zona. Sarà necessario dare un apporto anche ai sensi di marcia, fra cui su Corso Italia e Via Risorgimento. Seminario ha evidenziato che bisogna fare una puntuale ricognizione delle criticità della viabilità urbana e dei pericoli che si annidano, in modo da redigere un piano di interventi, fermo restando che le emergenze avranno la priorità. A proposito dell’organizzazione del personale del Comune, Tavernise ha messo in risalto che l’efficienza della macchina comunale è la prima cosa che si può migliorare. Ha detto che attualmente cammina a metà della velocità rispetto alle sue potenzialità. Sei settori sono tantissimi per 41 dipendenti comunali e una trentina di Lpu/lsu. Cinque Stelle ha un progetto complesso che mira a creare le macro aree, con un taglio delle dirigenze, da sei a due, scendendo a due settori: uno tecnico e uno amministrativo. Russo, ritiene che l’attuale macchina comunale non sia funzionante. Tanti cittadini non sono contenti di come funziona, soprattutto sul piano amministrativo (i tempi di risposta sono lunghi). La prima azione, quindi, sarà quella di utilizzare al meglio le risorse umane presenti nei vari uffici, in modo da rendere i servizi più efficienti.  Seminario ha detto che la struttura burocratica del Comune di Crosia presenta tutte le criticità cha la burocrazia in generale. La sburocratizzazione è un punto cruciale dell’azione amministrativa della sua squadra che, per essere realizzata deve basarsi sul coordinamento degli uffici e su una robusta riorganizzazione dei servizi.

Stampa Email

Trebisacce: solo una passerella così giovani, associazioni culturali e volontariato giudicano la visita dell’On. Nencini

La visita dell’On. Riccardo Nencini a Trebisacce si è risolta nella solita passerella pre-elettorale che non ha dato alcun contributo alla soluzione dei tanti e gravi problemi che attanagliano l’Alto Jonio ed in particolare i paesi delle aree interne sempre più a rischio spopolamento. La pensano così i giovani delle associazioni culturali e di volontariato sociale che si battono come leoni, ma per la verità con scarsi risultati, contro una classe politica, di destra e di sinistra, che si dimostra sempre più inadeguata e sorda agli accorati appelli che provengono dalla società civile, soprattutto quella giovanile. In occasione della visita a Trebisacce del vice-ministro Nencini i giovani della R.A.S.P.A. che, come è noto, aggrega le “Associazioni della Sibaritide e del Pollino per l’Autotutela”, non sono riusciti a far sentire la propria voce e ad avere le risposte che tutti si aspettavano. «Sottolineiamo innanzitutto – ha scritto sul web Isabella Violante a nome dei giovani della Raspa - che il dibattito previsto sui manifesti che annunciavano l’incontro con l’on. Nencini non è stato aperto e per porre le domande abbiamo dovuto farci spazio in mezzo ai tanti fans che volevano abbracciare il signor vice-ministro... Le risposte che noi ci aspettavamo ovviamente non le ha date neanche lui. Per uno strano caso del destino noi ci rivolgiamo sempre alla persona sbagliata! Anche in questo caso, infatti, i quesiti posti, a suo dire, non erano di sua competenza... Certo chiedere di viabilità al vice-ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti è un'eresia... In realtà – ha aggiunto la portavoce dell’associazione “F. Vuono” di Alessandria del Carretto che nel mese di febbraio ha organizzato “La marcia…sul marcio…seguendo la rotta via” -  verso la fine mi è parso di sentire che con un filo di voce abbia detto che, se chi è di competenza non risponde, vuol dire che avete i delegati sbagliati!!!! E vabbè... Poi, - ha scritto ancora la Violante - volevo portare all'attenzione di tutti l'infastidita impazienza di chi aspettava... Come se stessimo parlando del più e del meno, cioè di frivole amenità. Il fastidio invece è tutto mio visto che, anzicchè approfittare della circostanza per denunciare l'assenza delle istituzioni, ci si accontenta di un comizio e tutti commossi corrono a stringere le mani al personaggio di turno... Sorridevano con superiorità, ci schernivano come se non ci rendessimo conto di cosa facevamo…». Il post di Isabella Violante è stato variamente commentato. C’è chi ha scritto di Nencini come di «un vero ominicchio buono per tutte le stagioni...» e chi invece si è chiesto «cosa vengano a fare questi personaggi qui in questo posto...cosa devono venire a vedere?! Il già fatto (il nulla!) o quello che non si realizzerà mai» e chi infine ha scritto che «si fanno vedere solo in questo periodo e non certo per prendere atto dei problemi che ci ''affliggono'', ma perché il 25 si vota per le Europee… Eppure ho notato che per l'arrivo di personalità così illustri ''sono stati tirati fuori gli abiti della domenica…». Si tratta, forse, di quello stesso malcontento generalizzato che riempie le piazze di Grillo? Il rischio però, a nostro modesto avviso, è che, per mettere all’angolo una classe politica balbettante e/o assente, non si segua il solito qualunquismo che rischia di farci cadere dalla padella nella brace.      

Pino La Rocca

Stampa Email

Castrovillari: svolte le elezioni RSU e RLS Italcementi spa

Rinnovo Rappresentanza Sindacale Unitaria (RSU) Elezione Rappresentante lavoratori per la sicurezza (RLS) Stabilimento ITALCEMENTI di Castrovillari.
Nei giorni scorsi si sono svolte le elezioni per il rinnovo della Rappresentanza Sindacale Unitaria (RSU) presso lo stabilimento di Castrovillari (CS). L’ esito delle elezioni ha sancito una grande affermazione della lista della FILLEA CGIL che ha ottenuto una percentuale molto alta di consensi, assicurandosi la elezione di tre rappresentanti sindacali su quattro da eleggere. I lavoratori risultati eletti RSU per la Fillea Cgil sono Bartolini Antonio, D’ Assisi Gaetano e Lo Prete Carmine. Anche le successive elezioni del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) hanno visto prevalere la lista Fillea Cgil con una grande affermazione per il candidato D’Assisi Gaetano confermatosi il più votato in assoluto. In un momento difficile per lo stabilimento e per l’ intero settore è stato molto importante registrare una grande partecipazione delle maestranze che ha superato il 90% e che testimonia la volontà dei lavoratori di vivere da protagonisti il loro futuro nel sindacato e con il sindacato. Questi anni per lo stabilimento di Castrovillari (CS) sono stati anni duri caratterizzati da molti prepensionamenti che hanno ridotto l’ organico e soprattutto dal ricorso alla CIGS che ha toccato il reddito dei lavoratori. Importanti sono stati gli accordi raggiunti dal Sindacato e dalla direzione aziendale per ridurre l’ impatto della Cassa Integrazione ciò a comprova delle ottime relazioni sindacali instauratesi nel tempo a livello Nazionale e Territoriale. Il nostro auspicio ed il nostro obbiettivo per questo nuovo mandato è quello di accendere i riflettori sul rilancio di questo stabilimento non solo per proteggere i livelli occupazionali ma per generare nuovo lavoro. La concentrazione di grandi opere (circa 2 miliardi di investimenti pubblici fra S.S. 106, A3 Sa/Rc, S.S. 534 ed ospedale della Sibaritide) nel nostro territorio riteniamo sia una occasione irrinunciabile che può e deve rappresentare motivo di rilancio e di benessere per i lavoratori che in questi anni con molto sacrificio hanno affrontato un momento difficile. Lo stabilimento Italcementi per noi non è il passato ........rappresenta ancora il futuro. La Segreteria della Fillea Cgil Comprensoriale ringrazia tutti i lavoratori per la grande fiducia accordata alla nostra organizzazione ............ma un ringraziamento particolare va al nucleo storico dei nostri militanti di fabbrica che ha svolto un ruolo eccezionale ed encomiabile. Un augurio anche al rappresentante della Filca Cisl con cui come ormai da tradizione consolidata lavoreremo insieme per il bene dei lavoratori e del mondo del lavoro organizzato.
Castrovillari (CS), 20.05.2014
Il Segretario Generale Antonio Di Franco

Stampa Email

Cassano: il Sindaco interviene sulla questione 106 jonica

Il Sindaco di Cassano All’Ionio Giovanni Papasso interviene sulla questione 106 jonica: “L’avvio dei lavori per la costruzione della nuova 106 jonica  3° Mega lotto Sibari-Roseto Capo Spulico potrebbe creare un indotto importantissimo nel nostro territorio, afflitto da una fortissima disoccupazione. Prima partono i lavori prima parte un processo economico che favorirà anche lo sviluppo”, ha scritto il primo cittadino cassanese, aggiungendo: “Ho chiesto esplicitamente  al vice ministro maggiore attenzione verso la Piana di Sibari Concordando in buona parte con quanto sostenuto dalla Cisl. La nostra priorità ora è quella di aprire il nostro territorio al resto del paese. Con la nuova 106 jonica sarà più agevole il collegamento dello Jonio con l’Adriatica e la Sicilia ed uscire così dall’isolamento che da anni ci attanaglia”, ha poi aggiunto. “In una realtà in cui la ferrovia è stata abbandonata, l’aeroporto ancora un progetto, la nuova 106 jonica è davvero la nostra priorità per collegarci anche all’Europa. Per questo dobbiamo fare fronte comune, tutti sindaci del territorio nel rivendicare giuste proposte. Dal vice ministro Nencini sono arrivate delle aperture importanti nei confronti dei sindaci che al momento della presentazione del progetto avevano espresso perplessità. Perplessità che condivido e spero che l’Anas possa superare e procedere così con speditezza all’avvio dei lavori. Però il tempo stringe – ha concluso -  e dobbiamo al più presto superare le difficoltà e realizzare un’opera che potrebbe cambiare il destino di questa parte di Calabria”.
Cassano All’Ionio, lì 18 maggio 2014
                                                                                                            Ufficio Stampa del Sindaco

Stampa Email

Una giornata dedicata al rispetto della natura

Il Costituendo WWF Rossano e i Verdi Calabria hanno partecipato alla Giornata delle Oasi WWF  a Vibo. Insieme per festeggiare i 30 anni del WWF Italia.
“Rispettare la natura che ci circonda significa rispettare noi stessi e le generazioni future” sono queste le parole usate dalla Presidente del costituendo circolo WWF di Rossano, fascia Jonica e Sila Greca, Immacolata FEDERICO per commentare l’esperienza vissuta con il WWF. Domenica 18 Maggio il circolo locale, accompagnato da una nutrita delegazione di attivisti e di membri del partito Verdi Calabria hanno preso parte con entusiasmo alla giornata delle Oasi WWF tenutasi sulle sponde del lago Angitola.  L’oasi rappresenta una zona umida di utilità internazionale, tappa fondamentale di una vasta rotta migratoria di uccelli. L'oasi del Lago dell'Angitola si trova in un Sito d'importanza Comunitaria nei Comuni di Monterosso Calabro e Maierato (VV). L'area si estende per circa 875 ettari e comprende un lago artificiale sul fiume Angitola che offre un rifugio sicuro a molte specie di uccelli. Nonostante le minacce agli ambienti naturali, in questo territorio è nata un’oasi WWF dove l’alternanza di paesaggi crea una ricchezza di biodiversità unica.
Ritrovare il contatto con la natura, imparando a rispettarla è questa la mission del costituendo circolo WWF Rossano. Un’attività di promozione e sensibilizzazione che parte dal basso per insegnare a grandi e piccini semplici gesti di rispetto dell’ambiente che possono essere fondamentali per garantirci un futuro migliore, più pulito e quindi più salubre.  Una giornata intensa quella di domenica 18 a cui hanno partecipato i vertici del WWF Calabria tra questi il referente regionale Giuseppe ROGATO. Un programma ricco che è partito di buon mattino con l’apertura al pubblico e la prima visita guidata. Poi la premiazione Nucleo Guardie WWF e celebrazione 30° anniversario Fondazione WWF Calabria.  La liberazione simbolica degli uccelli e delle tartarughe a cura dei Centri di Recupero Fauna Selvatica di Catanzaro e Cosenza. A seguire sono stati raccolti fondi per la foresta Amazzonica.
Grande soddisfazione per l’esperienza vissuta è stata espressa dalla Presidente del costituendo Circolo WWF di Rossano-Fascia Jonica e Sila Greca, Immacolata Federico che ha affermato che: “per garantire un futuro sostenibile al nostro pianeta è necessario ridurre lo sfruttamento delle risorse naturali”.
Le oasi WWF sono il baluardo dell’associazione ambientalista del Panda, rappresentano infatti il progetto di conservazione più importante del WWF Italia. Oltre 100 habitat composti da biodiversità per un totale di 35.000 ettari di natura protetta dalle Alpi alla Sicilia. Attraverso le oasi WWF si conservano campiono rappresentativi di ecosistemi rari o minacciati. Un obiettivo coraggioso che afferma Immacolata Federico: “Va supportato e diffuso su tutto il territorio. Come circolo costituendo su Rossano vogliamo sposare a pieno questa filosofia per proteggere le tante bellezze del nostro habitat”.
Per Vincenzo RATTI rappresentante dei Verdi Calabria: “la natura è depauperata a causa della mano umana, che troppo spesso ha sfruttato in modo intenso le sue risorse. Il nostro impegno come Verdi Calabria – ha proseguito- vuole segnare un cambiamento di rotta verso un futuro   ecologicamente sostenibile e improntato sul riuso dei materiali e il rispetto dell’ambiente principi spesso sottovalutati dai cittadini”.

Stampa Email