• Home
  • Notizie
  • Politica
  • CASSANO, CONCESSIONI BALNEARI. L’AMMINISTRAZIONE CONFONDE E CREA CONFUSIONE, MA QUAL E’ LA SUA POSIZIONE?

CASSANO, CONCESSIONI BALNEARI. L’AMMINISTRAZIONE CONFONDE E CREA CONFUSIONE, MA QUAL E’ LA SUA POSIZIONE?

Siamo rimasti allibiti dall’enorme confusione fatta ieri in consiglio comunale. Innanzitto, si è fatta un’enorme confusione tra la direttiva Bolkestein del 2006 e la sentenza della corte costituzionale 10/2021 che non riguarda la direttiva Bolkestein ma fa riferimento ai principi del Tfue, 

e riguarda la totalità dell’attribuzione delle competenze allo Stato per una legge già in vigore, la 145/2018, che disciplina tutto il settore in materia di concessioni demaniali marittime. Non riguarda, dunque, la legge 145/2018 che riguarda la proroga fino al 2033 delle concessioni, che resta attualmente in vigore, ma si è nei confronti della Regione Calabria, impugnato dinansi alla Corte Cost. la l. regionale 46/2019. Certo, la direttiva Bolkestein è di genere vincolante, e lo Stato Italiano ogni anno è sanzionato per il mancato recepimento nell’ordinamento italiano vigente, ma la volontà tutta politica di creare confusione su questo argomento è massima. Ci chiediamo se nel citare ogni volta l’Anci, come fosse il Vangelo, si è dimenticati che proprio il Presidente dell’Anci De Caro, nella città che amministra Bari, leggermente più estesa di Cassano nel litorale, sia impazzito a rinnovare le concessioni fino al 2033. A riguardo, non è chiara la posizione del Sindaco Papasso, se sia d’accordo o meno all’avvio di procedure di evidenza pubblica, dopo la pandemia e tutto quello che hanno subito i proprietari dei lidi, piva costrette a ricorrere al credito per la deludente stagione estiva 2020, a causa della situazione pandemica, che ha tagliato oltre il 70% del fatturato delle imprese. Se sia d’accordo o meno di esporre tutto questo, a grandi gruppi economici finanziari che vengono da fuori. Non è dunque chiaro se si vuole intraprendere una battaglia politica ed assumersi le proprie responsabilità o fare da scarica barile a danno del nostro commercio e degli imprenditori balneari. Questa situazione potrebbe compromettere, inoltre, il bando in uscita della Regione, che potrebbe avere tra i requisiti più anni di concessione per accedere al finanziamento del calo del fatturato, concesso proprio ai balneari.

Michele Guerrieri (Movimento civico di centro)

Stampa Email