TREBISACCE| MUNDO: SBLOCCARE I FONDI PER I PICCOLI BORGHI

 

Il Sindaco di Trebisacce, Avv. Franco Mundo, ha scritto una missiva indirizzata al Quotidiano del Sud, che da tempo sta portando avanti un’inchiesta relativa al Bando per la Valorizzazione dei Borghi della Calabria, pubblicato sul Burc n.71 del 11-.07.2018, per segnalare uno strano immobilismo in merito, da parte della Regione Calabria.


“Il Comune di Trebisacce – scrive il primo cittadino - è stato individuato tra i beneficiari dell’avviso pubblico relativo al sostegno di iniziative di valorizzazione dei Borghi della Calabria. Tale riconoscimento risale al 13 novembre 2019, come il verbale d’intesa siglato dal Sindaco di Trebisacce e dal Dirigente Generale del Dipartimento di Urbanistica e Beni Culturali della Regione Calabria conferma. Nonostante a tale atto siano seguiti, come da accordi, la trasmissione del cronoprogramma e del progetto di fattibilità Tecnico Economica, ad oggi mancano ancora le relative convenzioni da parte della Regione Calabria. Tale cortocircuito nello sviluppo delle comunità non riguarda solo il comune di Trebisacce ma anche tanti Centri Storici della regione. Questo immobilismo blocca di fatto la nascita di quell’indotto che i marcatori identitari generano, mortifica la creatività e boccia la voglia di riscatto di molte comunità che negli antichi borghi riconoscono tanto le radici del proprio passato quanto le proiezioni del proprio futuro, taglia le ali a quel turismo che si immagina destagionalizzato e fonte di crescita costante per le piccole comunità. Le difficoltà legate al contesto del rilancio dei Centri Storici, non appartengono solo a Trebisacce, ma sono proprie di tutta la Calabria, tanto che oltre cinquanta Comuni in rappresentanza di 325.000 abitanti hanno sottoscritto la proposta di legge ‘Prima che tutto crolli’, progetto di cui sono il primo firmatario e che si colloca nell’ambito della strategia della Regione Calabria sul recupero dei centri storici e sullo sviluppo sostenibile, in accordo con l’Agenda Urbana Europea e con i patti territoriali già sottoscritti. Nel momento attuale, con la violenta quanto imprevista crisi sociale ed economica conseguente a quella sanitaria del Coronavirus, tanto lo sblocco dei fondi legati al Bando per la Valorizzazione dei Borghi, quanto il sostengo alla proposta di legge “Prima che tutto Crolli” diventano passaggio fondamentale da cui dipende il rilancio della nostra Regione, che nel proprio passato può e deve ritrovare il suo futuro!

Noi chiediamo di dare seguito immediato al bando, trasferire ai comuni le risorse, di consentire gli interventi, realizzare le opere, e quindi creare un indotto turistico lavorativo. Tutto ciò deve essere il giusto prologo alle legge di iniziativa popolare “Prima che tutto crolli”, strumento politico e finanziario, finalizzato a far risorgere le nostre comunità e soprattutto quei piccoli centri con una popolazione inferiore ai 3000 abitanti, realtà importanti tanto che nella nostra regione se ne contano oltre 200. Ciò consentirà il ritorno di tanti nostri giovani, vere eccellenze, che potranno contribuire a creare un turismo di qualità!”

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.