Cassano, Guerrieri: se vince il SI una piccola casta di nominati

Written by comunicato stampa on . Pubblicato in Politica

Il referendum del 20-21 Settembre sembra passare inosservato dalla politica in città, impegnata in tutt'altro che a fare politica, sarà che gli interessi personali di un referendum costituzionale sono nulli? Questa crisi della rappresentanza è determinata dalla bassezza della proposta politico culturale e dalla mancanza di pensiero politico, che alimenta l'antipolitica ed il populismo. 

Queste ultime, sono pronte a sovvertire la democrazia e le istituzioni. D'altronde, con il taglio del Parlamento, proposto da chi come il m5s è incapace di governare, si va contro gli interessi dei cittadini, perchè riduce la rappresentanza dei territori. Inoltre una delle regioni più penalizzate sarebbe proprio la Calabria.
I cittadini già lontani dalla politica, anche a causa delle attuali modalità di scelta dei propri rappresentanti, ovvero liste bloccate e nominati dall'alto, saranno ancor più distanti dai territori. Pochi, una casta di nominati, senza dare possibilità al popolo di esprimere la preferenza verso un candidato. Questa sarà la futura classe dirigente del Paese.
Abbiamo provato il populismo del m5s nelle città, piccole e grandi, e nel Governo del Paese, ma l'unica cosa che ci ricordiamo è il reddito di cittadinanza che posticipa la povertà dopo i 36 mesi e non ha prodotto lavoro, solo debito.
Chiedo ai miei concittadini di informarsi bene sulle ragioni del si e del no, ricamarcando che il cosidetto risparmio, è di appena lo 0,007 % della spesa pubblica, un caffè all'anno per cittadino, e che come numero di Parlamentari per numero di cittadini siamo in piena media Europea.
D'altronte con la vittoria del NO, i nostri figli non leggeranno sui libri di storia che la Costituzione nel 2020 è stata cambiata da Giggino Di Maio.

Michele Guerrieri
 

Stampa