Trebisacce: nasce Sezione dei Democratici e Progressisti – Articolo Uno

Al via nella cittadina jonica il Movimento dei Democratici e Progressisti che provano a riorganizzare una Sinistra «non identitaria e con la vocazione a fare solo opposizione, ma come forza di governo destinata a recuperare il consenso perduto da parte del Partito Democratico di Renzi che, affetto da strabismo politico e avendo tradito gli ideali di partito dei lavoratori, guarda solo a destra». 

E’ con questa premessa e per dare l’avvio a questo progetto che Gianpaolo Schiumerini, già dirigente provinciale regionale dei Verdi e successivamente di SEL, ha deciso di aprire una “Sezione dei Democratici e Progressisti – Articolo Uno” e lo ha fatto promuovendo un incontro a cui hanno partecipato, oltre al sindaco Franco Mundo del PD, Berto Liguori già dirigente provinciale del PD, Armando Cirillo già responsabile nazionale del settore Turismo del Governo-Letta e l’ex consigliere regionale Mimmo Talarico. E’ stata l’occasione, per Gianpaolo Schiumerini, delegato all’Ambiente del Comune ed esponente politico di lungo corso, per chiarire le ragioni che lo hanno spinto a intraprendere questa iniziativa che, a suo dire, intende riprendere e dare continuità a un progetto politico che parte da lontano e varcando i confini municipali nei quali è impegnato a sostenere la Lista di Centrosinistra “Vivere Trebisacce” e ispirandosi ai valori dell’Articolo Uno della Costituzione, intende chiamare raccolta quanti non si riconoscono più in una politica caratterizzata dal leaderismo esasperato e poco democratico di Renzi. Già da oggi, secondo quanto ha dichiarato l’autore dell’iniziativa, partirà la campagna di tesseramento che comunque può già contare su una trentina di adesioni, soprattutto di giovani «che – ha dichiarato Schiumerini – non sono animati dal classico risentimento dei separati, ma che vogliono impegnarsi per il recupero dei valori della democrazia e della partecipazione». Da parte sua il sindaco Mundo, da esponente del PD, ha sottolineato la necessità di impegnarsi per ricomporre la frattura, al fine di dare risposte alle esigenze di tutta la società civile e di cercare tutti insieme di contrastare la deriva populistica che sta assumendo la politica nazionale. Anche gli altri ospiti, dopo aver rimarcato la qualità della politica ambientale del comune di Trebisacce, capace di portare a casa ben quattro Bandiere Blu, qualità che, secondo loro, andrebbe presa a modello, hanno apprezzato la bontà dell’iniziativa di Schiumerini incoraggiandolo ad andare avanti nel nome di valori e di ideali condivisi.

Pino La Rocca

 

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.