La CGIL a difesa del diritto alla salute ed alla cura

La straordinaria partecipazione del territorio alla manifestazione tenutasi a Rossano per il “diritto alla salute nella Sibaritide” lo scorso 1° Aprile merita rispetto.

 

La dignità di chi ha avuto il coraggio di far sentire la propria voce, la partecipazione civile e democratica alla protesta, la valenza delle proposte e l’importanza del tema posto all’attenzione della collettività non possono essere non presi in considerazione dal Governo Nazionale, dalla Giunta Regionale e dal Commissario Scura.

Servono interventi subito! così come riportato sullo striscione che ha aperto il corteo della manifestazione, che ripristinino il negato diritto alla cura nel territorio della Sibaritide, così come, purtroppo, in tutta la Provincia ed in tutta la Regione.

Senza bisogno di ulteriori sollecitazioni o manifestazioni ci aspettiamo l’apertura di un immediato confronto regionale che affronti la complessità del tema “salute” nella sua interezza. Urge discutere di investimenti in risorse umane, a partire dallo sblocco delle 600 assunzioni previste dal decreto commissariale 30, serve fare il punto su medicina di base, rete territoriale e servizi socio/sanitari anche mediante una valutazione quali/quantitativa sulle risorse spese riferite al primo riparto del PAC misura anziani ed una corretta e trasparente programmazione del secondo riparto, rete dell’emergenza/urgenza e, naturalmente, discutere della fatiscente rete ospedaliera su cui, oggi ed in maniera non consona, è caricato interamente il bisogno di assistenza e cura delle popolazioni.

In una Regione in cui, dopo anni di commissariamento, i livelli essenziali di assistenza non raggiungono la quota minima prevista dalla normativa vigente, la sanità non può continuare ad essere affrontata esclusivamente dal punto di vista economico, ma bisogna concentrarsi sul fronte dell’erogazione delle cure affinché non continuino ad essere i cittadini a veder ridotta la qualità e la quantità della assistenza.

Al Governo chiediamo, inoltre, di tutelare il diritto al salario dei lavoratori e il diritto alla salute dei cittadini scongiurando il rischio che la Tecnis, azienda vincitrice dell’appalto per la costruzione del nuovo ospedale della Sibaritide, possa cessare l’attività a causa delle inadempienze della pubblica amministrazione. C’è un problema sociale che il Governo ha il dovere di affrontare e risolvere, affinchè si possa immediatamente procedere alla cantierizzazione del nuovo ospedale consentendo all’impresa, giudicata estranea dai fatti contestatigli e da cui era scaturito il sequestro per infiltrazioni mafiose, di continuare a svolgere la propria attività.
Non consentiremo che il diritto alla salute possa essere messo in discussione dai debiti accumulati nei confronti della Tecnis da parte di stazioni appaltanti pubbliche!!

A tutela del sistema sanitario pubblico ci aspettiamo immediate risposte dalle Istituzioni. Non possiamo continuare ad assistere al proliferare di strutture private e metteremo in atto ogni iniziativa politica e di lotta a difesa dei diritti dei più deboli.


Castrovillari, 04/04/2017
Giuseppe Guido
Segretario Generale 

 

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.