Nota di Solidarietà & Partecipazione su risultati Referendum Confermativo

CASTROVILLARI - Noi di Solidarietà & Partecipazione siamo stati, sin dal primo momento della campagna referendaria, impegnati in prima fila per sostenere le ragioni del NO! Ci siamo attivati con raccolta firme, banchetti informativi, riunioni, volantinaggi, sensibilizzazione dei cittadini, convegni diretti a spiegare nel merito, insieme a personalità di spicco del panorama politico nazionale, tra cui il Sindaco di Napoli, De Magistris ed altri illustri costituzionalisti, come la “riforma Renzi-Boschi” avrebbe devastato la nostra Costituzione.

Sempre ci siamo battuti e ci batteremo per preservare un’autentica partecipazione democratica dei cittadini alla vita politica ed amministrativa; sempre ci siamo battuti e ci batteremo, con senso di responsabilità, per garantire e tutelare i diritti dei cittadini contro chiunque li metta in pericolo. Questa volta abbiamo dato il nostro contributo fattivo e reale per tutelare la nostra Costituzione dal tentativo posto in essere dal Governo di stravolgerne i contenuti.
Un eccessivo, ma eloquente silenzio tenta maldestramente di coprire il grandissimo risultato che il NO alla riforma targata “Boschi” ha avuto anche a Castrovillari!  Eppure l’esito referendario ha determinato uno tsunami politico in ogni sede Istituzionale. Il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ad appena un’ora dalla chiusura dei seggi, ha dichiarato di rassegnare le proprie dimissioni, poi accettate dal Presidente Mattarella subito dopo l’approvazione della Legge di Bilancio; la Direzione nazionale PD ha convocato d’urgenza una seduta straordinaria per decidere cosa fare dopo la sonora sconfitta di domenica scorsa; in Regione Calabria, il Governatore Oliverio e il segretario regionale del PD Magorno, sono in evidente e grandissima difficoltà; tutto il panorama politico nazionale è in subbuglio. Invece, nell’isola felice di Castrovillari tutto tace! A pochi giorni dall’esito referendario, osservando alcuni canali di informazione locale, sempre attenti a bacchettare ed a stigmatizzare le presunte sconfitte altrui, nulla è stato scritto per “commentare” ciò che si è registrato nelle urne castrovillaresi!
Eppure, a ben vedere, argomentazioni ce ne sono e anche copiose, a partire dai rapporti interni alla maggioranza di cui alcuni esponenti di spicco, detentori della “golden-share” amministrativa, si sono schierati contro la riforma, esultando per le dimissioni di Renzi. È evidente che c’è un problema politico che aleggia nella maggioranza, ma questo, per alcuni che vorrebbero e dovrebbero fare “informazione” in Città, è argomento troppo spinoso. Quindi meglio non parlarne! Il termine “accozzaglia” vale solo per chi ha sostenuto le ragioni del NO, ma non altrettanto per le maggioranze che sostengono amministrazioni locali!
I Castrovillaresi attenti ed informati, più di quanto intimamente ed erroneamente credano la classe dirigente del PD e le sedicenti “intellighenzie” locali, votando NO alla riforma costituzionale, con quasi il 70% delle preferenze, hanno sgretolato le false convinzioni di chi li amministra.

I Consiglieri Comunali delle Liste Civiche di Solidarietà & Partecipazione
Maria Antonietta Guaragna Ferdinando Laghi Giuseppe Santagada
 

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.