Mandatoriccio: depuratore, no a strumentalizzazioni

EMERGENZA SUBITO RIENTRATA. IL SINDACO: NON C’È STATA CONTAMINAZIONE ACQUE
MANDATORICCIO – Guasto al depuratore, il Comune è prontamente intervenuto. NESSUNA CONTAMINAZIONE DELLE ACQUE. L’emergenza è subito rientrata, ma per via precauzionale e al fine di eseguire accurati controlli, si è reso necessario confermare l’ordinanza di di divieto di balneazione (già disposta dal Ministero della Salute) alla foce del Fiume Armirò. NO A STRUMENTALIZZAZIONI, a speculazioni e ad inutili allarmismi. Così si danneggia solo il turismo e il concetto di salubrità del mare.

 

È quanto dichiara il Sindaco Angelo DONNICI che coglie l’occasione di rassicurare residenti e turisti e nello stesso tempo ringraziare i dipendenti e gli operatori comunali per il lavoro svolto, in collaborazione con il personale della ditta, ininterrottamente e anche di notte, per evitare danni.

 

Le problematiche all’impianto di depurazione comunale gestito dalla ditta MKE di Catanzaro, dovute alla probabile, imprevedibile ed improvvisa rottura della cinghia del compressore di ossidazione biologica, si sono verificate nella tarda mattinata di giovedì 18, provocando la fuoriuscita di liquido trattato ma probabilmente non del tutto depurato che pur non raggiungendo l’arenile marittimo, ha interessato la foce del torrente Armirò.

 

Il Comune è intervenuto tempestivamente, con uomini e mezzi, attivando tutte le misure di controllo e messa in sicurezza dell’area interessata, utilizzando pale escavatrici, una pompa idrovora e due auto spurghi, uno in dotazione al comune, e l’altro della ditta, per evitare lo sversamento del liquido, gradualmente e completamente aspirato.

 

Per maggiore tranquillità è stato richiesto un apposito studio chimico biologico per gli esami del caso.

 

Le operazioni sono avvenute sotto il controllo costante della Guardia Costiera, dei carabinieri e della polizia municipale.

 

L’inconveniente presentatosi è stato risolto: non c’è stata nessuna contaminazione dello specchio d’acqua antistante la foce del torrente Armirò.

 

Per soli fini precauzionali e per garantire la salvaguardia della salute pubblica e collettiva si è ritenuto di dover comunque intervenire con l’ordinanza sindacale di divieto di balneazione, comunque già precedentemente disposta, in questa area, dal Ministero della Salute.

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.