Trebisacce: sanità, si faccia presto!

 Nonostante gli impegni solennemente e reiteratamente assunti sia dalla politica che dai vertici dell’azienda sanitaria provinciale, nella situazione della sanità dell’Alto Jonio ed in particolare nelle situazioni di emergenza-urgenza permane una situazione di stallo grave e non più sopportabile. A prendere ancora una volta posizione, attraverso una lettera indirizzata al sindaco Franco Mundo, all’on. Franco Pacenza quale consulente del Governatore Oliverio per la sanità regionale, allo stesso presidente Oliverio e al Direttore Generale Raffaele Mauro, è il presidente del consiglio comunale e Delegato alla Sanità Saverio La Regina.

«Il Commissario ad acta per il Piano di Rientro in Calabria ing. Massimo Scura, - ha scritto Saverio La Regina - con il Decreto n° 30 del marzo 2016, anche in ossequio all’analoga Sentenza del Consiglio di Stato, ha disposto il reinserimento del “Chidichimo” nella rete ospedaliera della Calabria e l’istituzione, nella cittadina jonica, di un “ospedale di zona disagiata” dotato di servizi e della pianta organica stabilita dallo stesso Decreto, ma ad oggi, nonostante siano trascorsi circa quattro mesi, al Decreto non è stata data alcuna attuazione». In realtà sia il Direttore Generale Mauro che il direttore sanitario dell’ospedale-spoke di Castrovillari Salvatore De Paola, a seguito di altrettanti sopralluoghi presso il “Chidichimo” avevano garantito che, nelle more che si proceda al ripristino delle sale operatorie per consentire la riapertura dei reparti e dei servizi previsti, si sarebbe provveduto, prima della stagione estiva, all’immediata riapertura del Pronto Soccorso o, quantomeno, al rafforzamento dell’attuale Punto di Primo Intervento. Neanche questo però, nonostante la stagione e stiva ormai sia in corso, è stato finora eseguito. «Chiedo pertanto alla SS.LL. – ha concluso il dottor Saverio La Regina - di attivare, attraverso gli organismi preposti, tutte le iniziative possibili dirette ad avviare con urgenza le attività di Pronto Soccorso, la degenza di Medicina ed i servizi annessi e connessi. Tale provvedimento – ha aggiunto Saverio La Regina - si rende necessario ed urgente al fine di dare le adeguate risposte alle necessità dei cittadini dell’Alto Jonio e dei turisti e, soprattutto, per far fronte alle emergenze-urgenze connesse all’aumento stagionale della popolazione residente. Ulteriori ritardi – ha concluso in modo perentorio Saverio La Regina - non sono più accettabili e l’omissione e/o il grave ritardo verrebbero percepiti dai cittadini come un’altra presa in giro, che creerebbe ulteriore discredito verso la politica e verso le Istituzioni».
Pino La Rocca
 

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.