Trebisacce e Mormanno uniti nella Fede

TREBISACCE - L’associazione culturale “L’Albero della Memoria” ha rinnovato a Mormanno la tradizione dei canti della Settimana Santa. Lo ha fatto in occasione della Via Crucis Penitenziale “Con San Francesco di Paola” organizzata dalla parrocchia “Santa Maria Goretti” (parroco don Francesco Perrone) che ha invitato la comunità parrocchiale “San Nicola di Mira” di Trebisacce e la suddetta associazione per uno scambio culturale e identitario religioso sulla Passione di Gesù.

L’ininiziativa è stata promossa dal parroco don Francesco Perrone e dalla prof.ssa Cabiria Armentano, apprezzata organista della Chiesa S. Nicola d Mira, originaria di Mormanno, ma da anni residente a Trebisacce. La delegazione dell’associazione “L’Albero della Memoria” si è esibita all’interno della Chiesa “Santa Maria Goretti” dove ha eseguito i Canti della Settimana Santa“IL PIANTO DI MARIA”: scinne Maria e mmìttite ‘u manto”. Testi e melodie della tradizione trebisaccese recuperati, trascritti e diffusi dal presidente dell’associazione prof. Piero De Vita. Il gruppo dei cantori era composto da Angela Malatacca, vice-presidente dell’associazione e da altri membri quali Filippo Garreffa, Antonio Lizzano, Rosario Amerise, Giuseppe Malvito, Elena e Ludovica Giorgio e dalla stessa Cabiria Armentano, che hanno interpretato in modo straordinario le parti della Madonna che sul Golgota va incontro al proprio Figlio. I fedeli presenti hanno appezzato molto il repertorio canoro tradizionale e sono rimasti ammirati per i contenuti dei testi, in particolare per “Venneri Sante” e la Lauda “Figlio dughòre”, che descrive la crocifissione di Gesù e il dolore di Maria. Gli interventi sono stati inseriti ad intervallo delle letture delle 14 stazioni, prima delle preghiere rivolte a San Francesco di Paola, Fondatore dell’Ordine dei Minimi, nel VI centenario della nascita, patrono della Calabria e protettore delle genti di mare. Tutto il patrimonio dei canti popolari religiosi di Trebisacce, lo studio e l’analisi dei testi, la trascrizione fonetica e le notizie relative al faticoso “recupero” degli stessi sono stati illustrati del Prof. De Vita. L’organista Cabiria Armentano, da parte sua, ha spiegato le partiture musicali e i particolari relativi al registro delle voci mentre la dott.ssa Angela Malatacca ha letto alcune schede connesse a fatti storici della comunità. Al termine l’Albero della Memoria è stato ricevuto presso l’Oratorio dalla comunità mormannese per un affettuoso scambio di doni e di prodotti identitari delle due comunità, dai meravigliosi e noti bocconotti di Mormanno al “biondo tardivo” l’arancia tipica di Trebisacce e ai magnifici prodotti ittici, in primis il pregiato “garum” (sardella) della premiata Ditta Giovanni Garoppo. Nel ringraziare, il prof. De Vita ha ricordato che Mormanno e Trebisacce sono terre storicamente legate tra loro mentre don Francesco Perrone, soddisfatto dell’esperienza, ha ringraziato l’Albero della Memoria per la qualità della perfomance e ha inviato affettuosi saluti al confratello Don Joseph Vanson, parroco della Chiesa Madre di San Nicola di Mira di Trebisacce.

Pino La Rocca

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.