Trebisacce: terzo Megalotto della S.S. 106, Pugliese rilancia

Terzo Megalotto della S.S. 106: fermi ancora al palo, nonostante gli impegni pubblicamente assunti dal presidente Renzi a Mormanno che i cantieri sarebbero stati aperti entro il primo luglio 2016. L’Associazione “Basta Vittime sulla S. S. 106”, avendo accertato che per quella data non sarà aperto alcun cantiere in quanto il progetto esecutivo rimane impantanato presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, è tornata a sollecitare la mobilitazione generale

chiamando in causa in primis le Organizzazioni Sindacali Cgil, Cisl e Uil ricordando loro il solenne impegno assunto a Roseto Capo Spulico in data 6 maggio 2016. «In quella manifestazione – ha scritto il presidente dell’associazione Fabio Pugliese - i sindacati si impegnarono pubblicamente che avrebbero intrapreso una forte mobilitazione nel caso in cui il primo luglio non fossero partiti i lavori, oppure se non avessimo avuto una data certa dell’avvio dei cantieri. Tutto questo – aggiunsero le OO. SS. – per rilanciare il territorio dando una risposta concreta a tutti i lavoratori impegnati nei grandi cantieri che sono ormai al termine e ai tanti giovani e disoccupati che con l’avvio del 3° Megalotto potrebbero trovare occupazione». Secondo le informazioni assunte alla fonte dall’ing. Pugliese il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici venerdì prossimo 24 giugno esprimerà dei pareri su una serie di opere ma tra queste non c’è la S.S.106. «Si tratta dunque – ha commentato Pugliese - dell’ennesima proclama del Premier Matteo Renzi che tradisce, offende e mortifica, ancora una volta, il popolo calabrese, nel disinteresse più totale della nostra deputazione politica. Ecco perché l’Associazione “Basta Vittime sulla Strada Statale 106” – ha scritto il presidente Pugliese invitando il sindacato a fare il suo mestiere - invita le OO. SS. Cgil, Cisl e Uil ad avviare al più presto una forte mobilitazione, così come promesso, affinché “la strada della morte” diventi al più presto la strada del lavoro, dello sviluppo, della legalità, della sicurezza dei cittadini e del rilancio dell’agricoltura e del turismo. Noi – ha concluso l’ing. Pugliese lanciando l’appello alle Segreterie Nazionali di Fillea-Filca-Feneal oltre al Governo Regionale, ai sindaci, alle associazioni ed ai cittadini, ci aspettiamo azioni forti, decisioni chiare, coraggiose e di rottura con chi non vuol capire che il diritto alla vita, al progresso ed allo sviluppo non può morire sulla S.S.106: la Calabria è stanca di aspettare. Tutto il resto sono solo chiacchiere da cui la nostra Associazione, ovviamente, prenderà le distanze!».
Pino La Rocca

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.