Albidona: riaperta la Biblioteca comunale

L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Salvatore Aurelio, in occasione della Giornata Mondiale del Libro promossa dall’Unesco e in prossimità della scadenza del proprio mandato politico, si è congedata dai suoi concittadini restituendo alla comunità una rinnovata Biblioteca Comunale che, dopo un intenso lavoro di sistemazione e di arricchimento è stata intitolata a “Sandro Pertini” e quindi riaperta alla fruibilità pubblica.

Si è trattato di un gesto simbolico molto apprezzato sia perché ha il dichiarato obiettivo di promuovere la lettura come veicolo di promozione umana e culturale, sia perché la nuova Biblioteca Comunale è il frutto dell’impegno dell’esecutivo comunale che si è affidato ad un lavoro certosino dei giovani studenti dell’ITCG “Filangieri” che hanno vi svolto un “tirocinio formativo” lavorando alla stesura dell’elenco dei libri e delle due neo-laureate albidonesi Marilena Gallotta e Laura Ventimiglia che hanno svolto un intenso lavoro di riordino e di catalogazione dei libri grazie ad una Borsa-Lavoro attivata dallo stesso esecutivo in carica. Semplice ma molto partecipata la cerimonia di inaugurazione svoltasi presso l’antica sede del Municipio di Albidona a cui hanno preso parte tutti gli studenti della Scuola dell’Obbligo e i loro docenti e, tra gli ospiti, oltre all’assessore alla Cultura Michele Urbano ed al presidente della locale Pro-Loco Francesco Salvatore, lo scrittore e storiografo locale prof. Giuseppe Rizzo, il dottor Pino Marano che ha donato alla Biblioteca due importanti documenti di storia locale e l’avv. Rinaldo Chidichimo operatore culturale e fondatore della Biblioteca “Torre di Albidona” che ha fatto dono alla Biblioteca Comunale di una serie di libri e di importanti documenti di storia locale. Nel suo discorso istituzionale il sindaco Aurelio, dopo aver ringraziato i giovani che hanno riordinato e rivitalizzato la Biblioteca ed aver invitato i giovani-laureandi a fare dono della propria tesi alla Biblioteca, ne ha illustrato il ruolo formativo augurandosi, «che essa – ha detto - possa diventare un luogo di confronto culturale, politico e civile per i nostri giovani e per tutti gli Albidonesi». Nello spiegare infine la scelta di intitolare la Biblioteca al compianto Presidente Pertini, il sindaco Aurelio, ne ha ricordato «l’integrità morale e l’alto profilo umano e politico» dicendosi sicuro che «il suo cuore di socialista romantico continuerà a battere nel cuore di chi, come noi, crede nella giustizia e nella libertà che sono stati gli ideali fondamentali del pensiero di Pertini”.
Pino La Rocca

Stampa Email

miglior sito di scommesse

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.