• Home
  • Notizie
  • Attualità
  • Sanita’: la Tecnis Spa rassicura la Regione sulla realizzazione degli ospedali della Sibaritide e della Piana di Gioia Tauro

Sanita’: la Tecnis Spa rassicura la Regione sulla realizzazione degli ospedali della Sibaritide e della Piana di Gioia Tauro

Si è svolto ieri, a Roma, l'incontro programmato tra la Regione e la "Tecnis Spa", principale socio delle società di progetto concessionarie della progettazione, realizzazione e gestione dei nuovi ospedali della Sibaritide e della Piana di Gioia Tauro. All'incontro - informa una nota dell'Ufficio stampa della giunta regionale - erano presenti: per la Regione, Franco Pacenza, delegato del presidente Oliverio, il dirigente generale e responsabile del procedimento di realizzazione delle due strutture ospedaliere Domenico Pallaria ed il dirigente del dipartimento Infrastrutture Pasquale Gidaro;

per la Tecnis, il commissario straordinario nominato dalla Prefettura di Catania Saverio Ruperto, il direttore generale della Societa' Guido Babini, ed il direttore tecnico nella realizzazione dei due ospedali Daniele Naty. Ruperto, docente di diritto civile all'università "La Sapienza" di Roma, è impegnato, dal 15 dicembre scorso, nel duplice compito di amministrare della Tecnis nell'esecuzione dei contratti in corso e di svolgere funzioni di tutoraggio dell'azienda nel percorso di ristrutturazione del debito depositato presso il Tribunale di Catania nel novembre 2015. Ruperto ha dichiarato che la realizzazione dei due ospedali della Sibaritide e della Piana di Gioia Tauro rappresenta un obiettivo strategico della Tecnis e che ha la ferma intenzione di riavviare al piu' presto le attivita' previste in contratto. Ha rassicurato, altresi', la Regione che, essendo i due interventi generatori di consistenti entrate per il bilancio della società, gli istituti bancari finanziatori dei due interventi assicureranno i flussi previsti nei relativi piani economico-finanziari. Pacenza, dal canto suo, ha evidenziato a Ruperto come la Regione Calabria nutra grande interesse per la realizzazione dei nuovi ospedali, essendo essi l'unica vera risposta per migliorare l'offerta sanitaria in due territori strategici della Calabria. "Negli anni, per mille ragioni, spesso esterne, si è accumulato un ritardo non più sopportabile. La Regione - ha detto Pacenza - è impegnata a far si che si possa operare, anche con strumenti innovativi e concertati, per poter recuperare, sia pure in parte, il tempo trascorso". Da qui la richiesta di programmare frequenti incontri con il Commissario Ruperto, fino al superamento delle attuali criticità. Al fine di consentire l'immediato avvio delle attivita' progettuali, Pallaria ha comunicato l'intenzione, solo se condivisa, d'inoltrare, domani stesso, alla Prefettura di Catania, la richiesta di rilascio dell'informativa antimafia per le due società di Progetto dei nuovi ospedali, alla luce del nuovo assetto della Societa' Tecnis, al fine di procedere speditamente alla sottoscrizione dei protocolli di legalita' con le Prefetture di Cosenza e Reggio Calabria. Ruperto, nel condividere l'iniziativa, volta a sgomberare il campo da dubbi sulla legittimita' dei successivi atti da porre in essere, ha assunto l'impegno di manifestare alla Prefettura di Catania, gia' venerdi' prossimo, l'urgenza di adottare le misure necessarie al riavvio delle attivita' progettuali. Il direttore tecnico Naty ha assicurato che lo Studio Valle, incaricato dalla Tecnis della progettazione definitiva dei due ospedali, è già molto avanti nelle elaborazioni e potra' quindi consegnare il progetto anche in anticipo rispetto ai termini contrattuali. Il direttore generale Babini ha sottolineato come, "paradossalmente, quanto verificatosi, può produrre un concentrarsi di risorse umane e strumentali per opere già contrattualizzate, tra cui i due ospedali calabresi, non potendo la Tecnis, si spera momentaneamente, acquisire ulteriori commesse". Pacenza ha trasmesso al commissario Ruperto l'invito del presidente Oliverio ad incontrarlo presso la sede della Regione Calabria. Nell'accettare con piacere l'invito a tornare nella terra di origine, Ruperto si e' impegnato a concordare la data dell'incontro gia' nella prossima settimana, anche a valle delle verifiche presso la Prefettura di Catania.

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.