Villapiana: iniziativa in memoria di Rosalbino Rizzuto

La CISL, ad un anno dalla sua scomparsa, ha ricordato l'uomo ed il sindacalista, in una emozionante iniziativa svoltasi nella splendida cornice del centro storico di Villapiana. In una sala gremita, alla presenza di tanti amici,dei famigliari, dell'intero gruppo dirigente della CISL provonciale, e ' stata fatta rivivere la straordinaria storia di impegno Sindacale, di Rosalbino Rizzuto, una persona perbene, un dirigente sindacale che ha rivestito importanti ruoli all'interno dell'organizzazione, da segretario comprensoriale CISL a segretario provinciale della Federazione dei Pensionati.

"Nessuno muore veramente finche' vive nel cuore di chi resta, finche' viene proseguita una azione di impegno sindacale per l'emancipazione dei lavoratori e per lo sviluppo dei territori". Cosi' lo hanno ricordato Peppino Peppini, responsabile zonale della Federazione dei Pensionati, Michele Altieri, Responsabile Zonale CISL, Salvatore Marsico, gia' segretario della CISL provinciale.
"La storia di Rosalbino Rizzuto e' storia di impegno sociale per il lavoro e la persona, una testimonianza di  passione civile.E proprio di testimonianze e di esempi più che di prediche  abbiamo bisogno oggi. Raccogliere l'eredità ed il lascito di uomini come Rosalbino Rizzuto, per aprire una nuova stagione di rinsindacalizzazione, per un Sindacato capace di presidiare le periferie del lavoro e dell'esistenza".
Cosi lo ha ricordato nel suo intervento il Segretario Generale della CISL provinciale Giuseppe Lavia.
Nelle parole del figlio Roberto Rizzuto, il ricordo di un padre e di un un uomo che ha sempre considerato la CISL la sua seconda famiglia.
A rendere omaggio a Rosalbino Rizzuto, anche il Segretario Generale della CISL Calabrese Tonino Russo.
"Credo che il modo migliore per onorare la memoria di un uomo e di un sindacalista sia quello di continuarne il lavoro per il riscatto sociale dei calabresi e per lo sviluppo della Regione - prosegue Russo - per rivendicare una nuova stagione di politiche per il lavoro, investimenti per la crescita, infrastrutture per lo sviluppo. E' questo quello che dobbiamo fare nel solco di chi ci ha preceduto , da Rosalbino Rizzuto, a GIgino Caracciolo, a Pietro Martino"

 

Stampa Email