Assistenti socio-sanitari sul piede di guerra: «Part-time da oltre 10 anni»

Monta la protesta nell'ospedale Spoke di Corigliano-Rossano dove circa 100 operatori lavorano con un contratto che gli permette di guadagnare uno stipendio inferiore alla soglia di povertà. Oggi chiedono un intervento deciso dell'Azienda Sanitaria e dell'ufficio del commissario

«Il nostro salario da ormai 13 anni è inferiore alla cosiddetta soglia di povertà. In pratica guadagneremmo di più se rimanessimo a casa con il reddito di cittadinanza». Sta tutto qui il senso dell’indignazione e della protesta che da qualche giorno – da quando è partita la grande azione di sostegno al reddito voluta dal Movimento 5 Stelle - sta soffiando tra la maggior parte degli assistenti socio-sanitari che operano nell’ospedale Spoke di Corigliano-Rossano. 

CONTINUA A LEGGERE SU LACNEWS24.IT

Stampa Email

miglior sito di scommesse

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.