Cassano: salve le quattro autonomie scolastiche

Written by comunicato stampa on . Pubblicato in Attualità

Salve le quattro dirigenze e quindi l’autonomia delle scuole di ogni ordine e grado presenti e operanti sul territorio del Comune di Cassano All’Ionio. La Giunta Regionale della Calabria, in data 13 gennaio 2017, ha discusso e approvato il Piano della Rete Scolastica e della Programmazione dell'Offerta Formativa per l'anno 2017/18. In particolare, sono stati salvaguardati dal rischio del sottodimensionamento l'Istituto Comprensivo Lanza-Milani di Cassano e l'Istituto Comprensivo Zanotti-Bianco di Sibari. 

Con il deliberato della giunta regionale, sono state accolte le istanze a sostegno di tale tesi, espressa con atto della giunta municipale presieduta dal sindaco Gianni Papasso, derogando a quanto previsto dalle normative vigenti e in concordanza con il dettame delle linee guida contenute nel deliberato della Regione Calabria, del 26 dicembre dello scorso anno. Pertanto, gli Istituti Comprensivi del comune di Cassano All’Ionio, “Lanza-Milani”, con un numero di 390 alunni e l’Istituto Comprensivo “Zanotti Bianco” di Sibari, con un numero di 538 alunni, nonostante sottodimensionati nel numero di studenti, non saranno oggetto di modifiche, in quanto, riporta la motivazione, “il comune di Cassano All’Ionio, è dichiaratamente area soggetta a un forte tasso di devianza giovanile e di dispersione scolastica, nonché territorio caratterizzato da alto tasso di micro e macro criminalità”. Tale sottolineatura, peraltro, era riportata nell’atto deliberativo adottato il 28 novembre 2016 dall’organo esecutivo cassanese, con i relativi pareri delle scuole di riferimento. Viva soddisfazione, per il buon fine della pratica, è stata espressa dal sindaco Gianni Papasso e dall’assessore delegata alle problematiche del pianeta scuola, Rossella Iuele. Un risultato, hanno commentato che conforta e sostiene le nostre tesi, finalizzate al mantenimento di tutte le quattro dirigenze, su un territorio vasto e disarticolato, caratterizzato da non poche criticità di diversa natura. La scuola, è stato, infine rimarcato, nel nostro territorio riveste un ruolo fondamentale, non solo per la funzione formativa, ma anche e soprattutto per la funzione sociale che è chiamata a svolgere.
Lì, 17.01.2017 Il Capo Ufficio Stampa – Mimmo Petroni -

Stampa