Alto Jonio: l'acqua sorgiva finisce a mare...

 L’acqua delle sorgenti finisce in mare mentre i terreni muoiono di sete e molti comuni sono soggetti, specie d’estate, a consumare acqua di scarsa qualità proveniente da pozzi artesiani, oppure a pagare a caro prezzo l’acqua della Basilicata. E’ il caso dei comuni interni che per uso potabile vengono serviti dalla Condotta del Frida e di quelli costieri che utilizzano a scopo irriguo la Condotta del Sinni, entrambe in Basilicata.

L’acqua delle tante sorgenti locali proveniente per lo più dal massiccio del Pollino finisce invece in mare per mancanza di condotte ad uso potabile e di invasi ad uso irriguo. Basterebbe invece monitorare il territorio collinare e montano, intercettare l’acqua tante sorgenti esistenti e, dopo averla analizzata, utilizzarla negli acquedotti comunali, o invasarla a scopo irriguo. In questa direzione sta lavorando il dottor Antonio Farina di Montegiordano che, tra i suoi molteplici interessi, pur essendo uscito per motivi personali dal consiglio comunale continua nel suo impegno di collaborazione con l’esecutivo in carica e, in questo contesto, in collaborazione con il Dipartimento di Agraria dell’Università di Potenza, dopo averle monitorate per oltre un anno, si sta adoperando per valorizzare le acque di 3 antiche sorgenti di Contrada “Acquarra” nel comune di Montegiordano (nella foto) attraverso un progetto che preveda la captazione e l’invasatura delle acque che attualmente finiscono in mare. Si tratta di oltre 60mila metri cubi all’anno di acqua sorgiva che sgorga dalle viscere di Monte Soprano a cui, secondo il dottor Farina, si possono aggiungere altri quantitativi di acqua attraverso la captazione forzata. Con questo quantitativo di acqua, secondo gli agronomi della suddetta Università, si potrebbero dissetare oltre 100 ettari di terreno agricolo e una parte potrebbe essere utilizzate per integrare l’acquedotto del Frida e dissetare anche la Marina di Montegiordano che attualmente utilizza acqua “riciclata” proveniente dalla Condotta del Sinni e resa bevibile dal potabilizzatore di Rocca Imperiale. In questo discorso di captazione e invasatura è impegnato da sempre il Consorzio di Bonifica Integrale di Trebisacce interessato anche a questo progetto e ad altri progetti del genere che non sono però facili da concretizzare senza il fattivo contributo della Regione e dello Stato.
Pino La Rocca

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.