A proposito dell'arresto a Mirto Crosia di S.A. per maltrattamenti all'anziana madre

Forse per completare la notizia si dovrebbe aggiungere che il poveretto “arrestato”è affetto di schizofrenia e qualcuno dovrebbe intervenire, e che sarebbe opportuno ricoverarlo in una struttura adeguata e non in un carcere. Sottolineo soprattutto il C.I.M.di Rossano che lo ha in cura da anni. È facile esprimere giudizi gratuiti senza conoscere il caso. Per le autorità “va analizzata e trovata una soluzione adeguata” fate presto!!!!!!!

 

Stampa Email

Tragedia del Raganello: Cerchiara piange il suo eroe Antonio De Rasis


CERCHIARA DI CALABRIA - «Perché? Ma Dio è buono? Perché proprio mio figlio? Dio, dove sei? Tante volte mi sono sentito ripetere queste domande dai genitori, dai familiari da fratelli e sorelle e dagli amici di Antonio e anche oggi ho raccolto queste stesse domande pronunciate tra il pianto e con lo sguardo perso nel vuoto. Esiste una risposta? No, non ne conosco una.

Stampa Email

Salvato un altro esemplare di tartaruga Caretta-Caretta


L’11 giugno scorso un’unità navale in forza al Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Vibo Valentia, a largo di Amantea, durante un’ordinaria navigazione di polizia, ha rinvenuto e recuperato un esemplare adulto di tartaruga marina Caretta Caretta in evidente stato di difficoltà. 

Stampa Email

Partecipazione al lutto di Civita

Vogliamo partecipare con una sentita e commossa preghiera per le dieci persone morte a Civita, nelle gole del Raganello, che ha sconvolto l'intera comunità. Esprimiamo grande vicinanza ai familiari delle vittime innocenti. Una sofferenza atroce che si rinnova alla vista ed al pensiero di quelle immagini terrificanti che la mente sembra non voler cancellare. 

Stampa Email

Tragedia del Raganello, indagini severe per rendere giustizia ai 10 morti

L’immane tragedia di morte che nel pomeriggio di lunedì 20 agosto scorso a Civita ha fatto registrare dieci vittime tra i circa quaranta escursionisti presenti nell’area delle gole del torrente Raganello non può essere catalogata come una fatale disgrazia e con tale definizione passare agli annali della cronaca o a quelli storici. Quei morti dovevano essere vivi e reclamano giustizia. Del concetto se ne fa energico interprete il procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla (foto)

Stampa Email