Cassano | Ecco che fine fa (a volte) il “pacco alimentare”


Scatolame alimentare vario, ancora sigillato, ai margini della strada vicino a un cassonetto dei rifiuti (foto). Sono scatole del minestrone fornito nel “Pacco alimentare” distribuito dal Comune alle famiglie bisognose. Succede a Cassano Jonio. La distribuzione del “Pacco alimentare” è tra gli obiettivi del “Programma di lotta alla povertà”, un progetto dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Gianni Papasso, attraverso il quale vengono distribuiti alimenti alle famiglie in possesso dei requisiti previsti nel bando. All’interno, generi alimentari di prima necessità.


Evidentemente – almeno in questo caso - il cibo non ha riscosso il gradimento di chi l’ha ricevuto.
L’intero pacco è stato infatti buttato sul ciglio della strada vicino ai rifiuti, alla mercè dei cani randagi che ne hanno sparpagliato il contenuto. Un fatto gravissimo, che penalizza chi vive realmente situazioni di disagio e per dignità nasconde il proprio stato. Grave per tutti coloro che s’impegnano in prima linea per aiutare i meno fortunati. Dietro ogni alimento c’è infatti la generosità delle persone che lo hanno donato e delle associazioni di volontariato che s’occupano della distribuzione. A Cassano sono oltre cinquecento le famiglie che usufruiscono del “pacco”.

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.