Francavilla M.: borseggiatrice pugliese arrestata dai Carabinieri

 
Borseggiatrice pugliese con dimora occasionale a Cosenza, in trasferta nell’Alto Jonio, è stata intercettata dai Carabinieri e posta agli arresti domiciliari a seguito di provvedimento cautelare emesso dal Tribunale di Castrovillari per il reato di furto di denaro e di utilizzo indebito di carta di credito. Protagonista del furto, una donna, A. M. F. 37 anni, originaria di Castellaneta in provincia di Taranto già nota alle Forze dell’Ordine per reati di varia natura e che, secondo le indagini tuttora in corso, potrebbe aver compiuto altri reati del genere.

 In realtà i Carabinieri del Comando Compagnia di Castrovillari diretto dal Cap. Giovanni Caruso che già da alcuni giorni erano sulle tracce della borseggiatrice, alle prime ore di rieri, 9 luglio 2019, hanno bussato alla sua porta, a Cosenza, per eseguire il provvedimento emesso dal Tribunale di Castrovillari e, contestualmente, hanno fatto un’accurata perquisizione nella sua abitazione. La suddetta donna, infatti, nello scorso mese di marzo, con la proverbiale destrezza che caratterizza chi usa le mani per borseggiare, avrebbe rubato una borsa ad una signora all’interno di un Supermercato di Francavilla Marittima. All’interno della borsa c’erano soldi contanti e una carta di credito che la donna, prima che la carta venisse bloccata, avrebbe alleggerito inserendola nei bancomat di diverse filiali bancarie della zona prelevando in soli 24 ore ben 1.900 euro. In realtà la signora che era stata vittima dello scippo non si era accorta subito del furto ed aveva presentato una denuncia tardiva dell’accaduto a seguito del quale la carta è stata bloccata impedendo così ulteriori prelievi. In poco tempo però i Carabinieri del Comando Compagnia di Castrovillari, in collaborazione con i colleghi della Stazione di Francavilla Marittima diretta dal Maresciallo Leonardo De Leo hanno redatto una dettagliata informativa inviata alla Procura della Repubblica di Castrovillari che ha emesso l’Ordinanza di custodia cautelare nei confronti della donna. Quello di Francavilla M. potrebbe non essere, comunque, il solo furto effettuato dalla borseggiatrice pugliese perché all’interno della sua abitazione i Carabinieri hanno rinvenuto altri 4.800 euro di cui la donna non ha saputo indicare la provenienza, ma i militari pensano siano il bottino di altri borseggi andati a buon fine da parte della donna, per cui sono in corso ulteriori accertamenti.
Pino La Rocca    

Stampa Email