Cassano: arrestato stalker sottoposto al divieto di avvicinamento


 Incurante della misura, aveva continuato a perseguitare la donna.

I Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro hanno eseguito nei confronti di un cassanese di 43 anni la misura cautelare personale detentiva degli arresti domiciliari emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Castrovillari, in relazione ai reati di violenza sessuale ed atti persecutori, in aggravamento della precedente misura del divieto di avvicinamento alla parte offesa, disposta nell’Aprile scorso.

I fatti raccontano che l’uomo, già indagato per i reati di violenza sessuale e stalking per fatti accaduti nei mesi scorsi fra Villapiana e Cassano all’Ionio, del tutto incurante della misura notificatagli qualche settimana addietro, aveva continuato a perseguitare la donna, violando sistematicamente le prescrizioni imposte dalla precedente ordinanza dell’A.G. I militari della Tenenza, infatti, avevano acclarato come nel breve periodo trascorso dall’applicazione della precedente misura, l’uomo avesse continuato a comunicare con la donna, tempestandola di messaggi e chiamate, anche in forma anonima, nonché a proferirle minacce di inaudita gravità. Ma tale escalation di atti era sfociata anche in gesti di estrema violenza, tanto da arrivare a distruggere lo specchietto retrovisore della macchina della vittima, a seguirla fino davanti la scuola frequentata dalla figlia ed infine a lasciare per il centro cassanese manifesti e volantini dal contenuto offensivo nei confronti della donna.
La successione degli eventi, rilevati in maniera inconfutabile dai Carabinieri sia mediante l’acquisizione dei tabulati telefonici e dei messaggi inviati, che tramite la visione di diversi impianti di videosorveglianza che riprendevano l’uomo durante le sue azioni, caratterizzata dalla progressione delle condotte verso una sempre maggiore gravità, evidenziava la totale indifferenza dell’indagato verso i provvedimenti dell’A.G., l’insofferenza nei confronti di ogni vincolo e di una sicurezza verso l’impunità per le condotte tenute.
Sulla base del grave impianto accusatorio, il G.I.P. riteneva necessario sostituire nei confronti dell’uomo la precedente misura del divieto di avvicinamento, con quella maggiormente afflittiva degli arresti domiciliari, eseguita dai Carabinieri durante questo fine settimana.

Stampa Email