Castroregio: cagnolina uccisa a fucilate

 Cagnolina randagia uccisa a colpi di fucile: ennesimo episodio di violenza contro un animale indifeso. Così, mentre la ricerca scientifica ha confermato proprio in questi giorni che la presenza di animali domestici è fodamentale per la salute psico-fisica degli umani, c’è chi usa violenza contro un povero animale indifeso.

L’ultimo episodio di crudeltà verso gli amici a 4 zampe di cui si è occupata la cronaca si è verificato a Castroregio dove Nerina, una povera e ­indifesa cagnolina randagia, (nella foto) è stata uccis­a a colpi­ di fucile in pieno centro, nelle vicinanze del Comune. A diffondere la notizia è stata l’associazione “Gli invisibili dei canili-rifugio” di Cosenza che, essendo in contatto con chi si occupava di Nerina, ha chiesto alla cittadinanza di denunciare questo scempio e agli amministratori che si occupano tra l’altro dei cani randagi ha chiesto in primis di denunciare l’accaduto e poi di rendersi parte attiva per intercettare e denunciare i responsabili di questo gesto vile ed esecrabile che, a loro insaputa, hanno commesso un reato oggi punibile per legge. C’è anche chi, indispettito e rattristato per l’accaduto ha promosso sul web una sottoscrizione per chiedere al sindaco F.F. di Castroregio «quali sono stati i provvedimenti adottati a riguardo della brutale uccisione della cagnolina Nerina soppressa a colpi di fucile».Pino La Rocca
 

 

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.