• Home
  • Notizie
  • Cronaca
  • Francavilla Marittima: i carabinieri salvano cinque cagnolini abbandonati

Francavilla Marittima: i carabinieri salvano cinque cagnolini abbandonati

 Cinque cuccioli di cani da caccia abbandonati ai margini della strada che costeggia il cimitero di Francavilla: intervengono, avvertiti da una telefonata di un giovane, i Carabinieri della locale Stazione con il Comandante Leonardo Di Leo ed il Brigadiere Giuseppe Madera (nella foto), che li rivenuti in una cassetta di plastica, bagnati, intirizziti dal freddo e avvinghiati tra di loro per riscaldarsi, ma ben nutriti e in buone condizioni di salute. 

Si tratta, secondo alcuni cacciatori intervenuti sul posto, di cuccioli di circa due mesi, frutto di un incrocio tra la razza Ariegeois e la razza Griffon che ne fanno un cane da caccia con un pedigree di tutto rispetto, tanto è vero che gran parte dei cinque cuccioli, abbandonati in modo ignobile ed esposti… al freddo e al gelo di questi giorni, sono stati già adottati e gli altri lo saranno quanto prima perché sul web si è subito scatenata una gara di solidarietà. A scoprirne la presenza e ad avvertire i Carabinieri è stato un giovane del luogo Carlo Cerchiara che, non potendo adottarli personalmente, ha fatto la cosa saggia di avvertire la Benemerita che se n’è presa cura. Apprezzabile il gesto del giovane Carlo oltre che l’interesse e la generosità di quanti si sono proposti per l’adozione, ma va ricordato che nei tanti canili comunali e privati ci sono tanti amici a quattro zampe, magari meno nobili, ma parimenti affettuosi e pronti a conquistare il cuore di un loro nuovo padrone.
Pino La Rocca 

Stampa Email

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.