Il 4 agosto durante la solenne celebrazione del santo Patrono Domenico, L’Oratorio Don Bosco della Parrocchia di Santa Maria Assunta in Campana guidata dal parroco don Francesco Bomentre e dagli animatori, ha donato delle ricariche per cellulare a energia solare alle Istituzioni e associazioni del paese.

“Questo dono -ha iniziato don Francesco Bomentre – è frutto del laboratorio Green Power nato nell’estate ragazzi 2022 (tenutasi nel mese di giugno) per educare e far crescere le nuove generazioni nell’uso le fonti rinnovabili e per custodire in attenzione la salute di Madre Terra; come chiede Papa Francesco nell’enciclica Laudato Si. Nel laboratorio green Power ci si è focalizzati sull’importanza dell’energia del Sole, che aiuta a togliere alla Madre Terra i pesi dell’inquinamento che affaticano la sua vita, usando come «medicina» questa energia pulita. Ecco che -continua il Curato del paese- sono nate due idee tra gli animatori e i bambini: incominciare ad avere uno stile di vita ecologico che sappia, come insegna il Papa, essere testimonianza anche nella vita sociale del proprio paese con piccoli segni. I bambini hanno scritto al Sindaco, Agostino Chiarello. per ottenere l’autorizzazione ad illuminare, tramite una ricarica solare, un’edicola votiva con la statua di Padre Pio: opera che ha abbellito tutta l’edicola con un fascio di luce. Inoltre, sono state create e donate alla locale Stazione dei Carabinieri e al Comune due power station per ricaricare il cellulare con il sole. Identiche “stazion di energia”, verranno consegnate anche all’Associazione del paese “Salviamo Campana” e ai Padri Salesiani in Corigliano – Rossano che nei mesi scorsi subirono un brutto atto vandalico nella casa famiglia e nell’oratorio. Questa attività di riscontro sociale si inserisce nel cammino educativo dell’Oratorio Don Bosco: “buoni cristiani e onesti cittadini” che quest’anno ha avuto la gioia di avere tra gli animatori i carabinieri della locale stazione, guidata dal maresciallo Michele Granatiero, i quali hanno aiutato i bambini a saper riconoscere nei carabinieri persone di cui potersi fidare senza paura. Si è avuta anche la visita del tenente colonnello del reparto di Corigliano – Rossano, Raffaele Giovinazzo, che ha espresso il suo compiacimento per i suoi uomini a servizio dell’Oratorio e che trova nella spiritualità dell’Arma un terreno fecondo. La bellezza educativa che sa guardare al futuro piantando fin da oggi quei semi di umanità e spiritualità cristiana che quando cresceranno sapranno rendere il mondo sempre più bello e ospitale”.
Antonio Loiacono