ASSENZA PRODOTTI CALABRESI DA SCAFFALI È PARADOSSO. OLIVO: CASO PIÙ GRAVE RIGUARDA L’EXTRAVERGINE.

CORIGLIANO-ROSSANO (Cs), giovedì 4 agosto 2022 – Da 30 anni, in maniera ciclica, si sente parlare di crisi dell’agricoltura e, in particolare per la Sibaritide, di crisi dell’agrumicoltura. Messa da parte la stagione d’oro delle clementine, che ha visto la destinazione di questo agrume della maggior parte delle nostre terre, facendola diventare, con tutti i rischi connessi quasi una monocultura, non è mai seguita da parte delle istituzioni e anche, purtroppo, del settore privato, un’attenzione strategica alla costruzione e, quindi, al rafforzamento, di una filiera produttiva completa. La chiave di svolta doveva essere e rimane una soltanto: trasformare. Senza la trasformazione, che resta l’anello debolissimo di tutto il comparto agricolo calabrese e del territorio, non potrà esserci nessuno sviluppo duraturo e nessun posizionamento competitivo di tutte le nostre produzioni della nostra terra.

È quanto dichiara l’assessore provinciale Adele Olivo complimentandosi per i contenuti di qualità valorizzati dall’evento AGENDA AGRICOLA, che nei giorni scorsi, a Palazzo San Bernardino, nel centro storico di Rossano, ha visto la partecipazione di istituzioni e associazioni di categoria e la presenza, tra gli altri, dell’assessore regionale all’agricoltura Gianluca Gallo e della senatrice Fulvia Caligiuri.

Pensando alla Sibaritide, ma il problema descritto riguarda tutto il paniere produttivo calabrese – aggiunge l’assessore Olivo – il termometro di questo gap è sicuramente dato dalla difficoltà di trovare, da parte del consumatore finale, nella piccola, media e grande distribuzione finale, trasformati da prodotti calabresi con etichetta calabrese.

Negli scaffali – prosegue – è difficilissimo trovare succhi di frutta calabresi ma, ancora più paradossale, è difficilissimo trovare extravergine con etichette calabresi. Un paradosso, soprattutto se si tratta di evo, se si considera che la Calabria, è di poco la seconda regione di Italia per produzione olivicola.

Questa fotografia, che non è rintracciabile in altre regioni italiane, ma che rappresenta un fenomeno negativo tutto calabrese, è – continua la Olivo – la vera palla al piede dell’economia agricola regionale. Non è soltanto una questione di consumo interno dei propri trasformati, che avrebbe comunque già un forte impatto culturale ed anche economico in termini di consapevolezza della qualità delle proprie produzioni e di economia circolare, ma è anche il limite più forte al potere contrattuale dell’intero comparto calabrese su scale nazionale ed internazionale.

Senza trasformazione la nostra filiera, di fatto, non esiste ed ogni altro investimento è destinato, così come accaduto negli ultimi decenni, a non produrre effetti duraturi. Ritenendo – conclude la Olivo – che sia questa la vera sfida sulla quale istituzioni, associazioni di categoria e reti di impresa, debbano concentrarsi per far sì che l’agricoltura di una terra tra le più bio-diverse d’Europa possa diventare definitivamente lo strumento di crescita e sviluppo autonomo ed eco-sostenibile dei prossimi anni, sono convinta che l’impegno e l’abnegazione dell’assessore Gianluca Gallo continueranno ad essere preziosi per il raggiungimento di questo traguardo. – (Fonte: Adele Olivo – Assessore Provinciale Cosenza – Corigliano-Rossano – Comunicazione Istituzionale/Strategica – Lenin Montesanto Comunicazione & Lobbying).