3D rendering of living room, kitchen and dining room and stair are combined in one area of chalet. Rafter beam system decorates the interior.

Quando si compra casa o si decide di rimettere a nuovo quella in cui si abita già, esistono degli accorgimenti ben precisi che chiunque dovrebbe seguire. Con questo, non si intende certo dire che tutti dovrebbero arredare il proprio appartamento allo stesso modo; tuttavia, ci sono degli step che sono validi per qualsiasi approccio.

Una casa per le proprie esigenze

In primo luogo, è necessario partire da un assunto ben preciso: una casa è fatta per essere abitata, non soltanto per essere apprezzata per il design di arredamenti e decorazioni. Bisogna dunque interrogarsi sulle proprie abitudini e su come queste possano realizzarsi all’interno dello spazio domestico. Se ad esempio si è abituati a ritagliarsi dei momenti tutti per sé, a riposo o in lettura, si potrebbe decidere per una delle vidaxl poltrone disponibili da posizionare nel proprio studio o in salotto, con la giusta luce e il giusto compromesso tra centralità e intimità. Ovviamente, bisognerà trovare l’equilibrio ideale tra la funzionalità degli arredi e il proprio gusto personale, che magari può essere soddisfatto anche mescolando stili diversi e personalizzando le scelte e le combinazioni.

Organizzare bene gli spazi

Una volta trovato il proprio stile di riferimento, è necessario fare spazio, eliminando il superfluo o sostituendo quegli elementi che non sono in linea con la propria idea di arredo. Bisogna infatti armonizzare, creando un equilibrio tra spazi pieni e spazi vuoti: non sono da desiderare né stanze eccessivamente vuote, né ambienti pieni di elementi, fino alla saturazione.

In questo senso, ogni oggetto deve avere la sua collocazione, anche se per trovarla saranno necessari diversi tentativi. Ci si può aiutare in questa operazione anche scattando delle fotografie, per paragonare tra loro le diverse posizioni degli oggetti, fino a trovare la soluzione ideale. Alcuni degli oggetti disposti, inoltre, dovrebbero essere in grado di contenerne altri: si tratta di un suggerimento estremamente valido per quelle abitazioni più piccole, che dunque hanno bisogno di elementi per salvare spazio, senza rinunciare all’ordine.

I colori da utilizzare

Non esiste ambiente personalizzato senza la scelta del colore delle pareti e degli arredi. Ovviamente, la scelta delle tinte dovrà rispecchiare il carattere degli abitanti, passando dal giallo e dal verde per i più frizzanti, fino al blu più riposante per le camere da letto o gli abitanti più calmi e riflessivi. In quest’ultimo caso, tuttavia, è necessario fare attenzione e non esagerare con i colori spenti o freddi, perché potrebbero avere delle conseguenze, oltre che sul piano estetico dell’abitazione, anche sull’umore dei suoi abitanti.

Data questa influenza che i colori dominanti nell’ambiente esercitano sulle proprie emozioni, è il caso di utilizzare tinte più calde, dal beige fino a marroni e certe tonalità di grigio, da valorizzare con accostamenti intelligenti. In questi abbinamenti possono essere coinvolte anche tine pastello e tinte più fredde, così da spezzare la monotonia e ottenere un ambiente variegato e dinamico.

Non è detto che sia facile trovare le idee giuste e gli abbinamenti più adatti al proprio gusto e alla propria persona: è tuttavia certo che scavare dentro di sé e capire quello che realmente si vuole e ci si aspetta dalla propria casa sia il primo, essenziale passo per rimettere a nuovo il proprio appartamento.