Settimana storica per la stazione zoologica “Anton Dohrn” inserita tra le più importanti istituzioni al mondo. E non solo.

Pronti 2 milioni e 700 mila euro per i vincitori dei progetti di ricerca sui mari calabresi che pianificano i due anni di attività. L’importante somma, garantirà la presenza di 50 ricercatori della SZN, 100 tra CNR e dieci Università nazionali, due europee e una extracomunitaria. Ovviamente parteciperanno alle ricerche da protagonisti, l’Università di Cosenza, Catanzaro e Reggio Calabria. Lo ha detto con soddisfazione il direttore Silvio Greco che insieme alla sua equipè è pronto ad ulteriori investimenti capaci di assicurare una boccata d’ossigeno indispensabile all’economia del paese e dell’ intero Alto jonio. Intanto l’Ente partenopeo con sede distaccata nella città della Mandorla e della Secca, si gode un importante
riconoscimento, infatti l’Istituto di Biologia Ecologia e Biotecnologie marine, è stato incluso nella classifica del. Il tutto è venuto fuori da una graduatoria realizzata dall’importante e prestigiosa Expertscape, piattaforma mondiale che registra l’impatto scientifico e la reputazione di università ed enti di ricerca. La Stazione Zoologica visitata nei giorni scorsi anche dal neo Governatore calabrese Roberto Occhiuto, che l’ha ritenuto esempio di eccellenza della Calabria, ad oggi si piazza al nono posto come ente di ricerca fra i più prestigiosi al mondo per la biologia marina. Ai primi posti il Centre National de la Recherche Scientifique (Francia), l’Università del Queensland (Australlia), l’Università della California San Diego e lo Scripps Institution of Oceanography (Usa). La Stazione fu fondata nel 1872 da Anton Dohrn, considerato un pioniere dell’evoluzionismo e fra pochi mesi l’istituto celebrerà il suo 150° anniversario. Da anni operativa ad Amendolara su esplicita volontà dell’Amministrazione comunale guidata dall’allora sindaco Antonello Ciminelli e oggi gelosamente custodita ed incentivata dal suo successore e già suo vice sindaco Pasquale Aprile, sta già lasciando un’impronta importante, con oltre quaranta esperti, scienziati e ricercatori che sotto la guida del professor Silvio Greco, stanno partorendo decine di ricerche, che oltre a dare lustro al paese, portando proiettando Amendolara nel mondo.