Che sia Natale in famiglia o sotto l’ombrellone, le persone amano giocare con le carte. I giochi di carte intrattengono grandi e bambini, con l’enorme varietà di modalità d’utilizzo. Non a caso è difficile trovare persone che non conoscono “La Scopa” o anche “Il Solitario”, giochi che hanno divertito e messo in competizione milioni di giocatori. Con il passare degli anni e la forza propulsiva della tecnologia, i giochi di carte sono passati online, prendendo sempre di più la scena. Infatti i giochi tradizionali sono passati sui nostri schermi, come la Peppa online

Prima dell’avvento del digitale, ogni volta che ci si incontrava era buon abitudine portare un mazzo di carte e fermarsi insieme per giocare, nel mentre si facevano quattro chiacchiere o perché no, sorseggiare una bevanda. Infatti i mazzi di carte venivano sempre offerti nelle locande insieme a del buon vino.

Nonostante nell’era moderna e con l’ascesa di internet di giochi online ne siano fioriti a migliaia, si è anche assistito a una sorta di revival d’interesse per i giochi di carte o anche verso i casinò online che offrono l’utilizzo di enormi varietà con le carte digitali. Viene naturale chiedersi, quindi:  Quali sono i giochi di carte più famosi di sempre?

I cinque giochi più famosi e amati dagli italiani

Briscola: la Briscola, insieme a Scopa, è uno dei giochi che quasi tutti conoscono in Italia. Il famoso gioco, infatti, è popolare nella maggior parte dei paesi del Mediterraneo. È facile da imparare, un po’ meno diventare un professionista. Lo scenario più semplice è con due giocatori, ma tradizionalmente la Briscola si gioca con quattro, ogni giocatore da solo o in due squadre.

Bestia: nato in Francia e arrivato in Italia nel 1753, deriva dalla Briscola, quindi le regole sono le stesse. È considerato uno dei giochi più amati dagli italiani e si gioca da 3 a 10 giocatori con un mazzo italiano da 40 unità. È diffuso e praticato in tutta Italia dove, però, è compreso tra i giochi proibiti nei locali pubblici.

Scopa: quasi tutti in Italia l’hanno giocato almeno una volta nella loro vita. Come la Briscola, la Scopa è facile da imparare. È giocato con un mazzo di 40 carte. Ad esse sono attribuiti valori da 1 a 10, nell’ordine elencato. Il nome del gioco si riferisce al fatto che chi vince solitamente prende buona parte delle carte in gioco, quindi le “scopa” via

Burraco: il Burraco viene dalla famiglia della Pinnacola, originato in Uruguay. Si gioca da 3 a 4 giocatori con 2 mazzi di carte francesi. Si può giocare sia in coppia che nel testa a testa e l’obiettivo è raggiungere 2005 punti.

Scala 40: gioco molto interessante diffuso dopo la 1° Guerra Mondiale,  apparentemente importato dall’Ungheria, che ha soppiantato il Ramino, gioco molto simile dal quale ha ereditato gran parte delle regole. Oggi viene considerato un gioco a sé stante .Si gioca con 2 mazzi francesi, inclusi i Jolly. L’obiettivo della partita è di eliminare tutti gli altri partecipanti attraverso una serie di mani e i punti accumulati. Durante la mano, ogni partecipante deve decidere se pescare o raccogliere.