Assolto «perché il fatto non sussiste». I giudici della prima sezione penale della Corte d’Appello di Catanzaro (presidente Loredana De Franco, a latere Adriana Pezzo ed Ippolita Luzzo) lo scorso 24 settembre hanno riconosciuto l’innocenza

del 58enne imprenditore agricolo e collaboratore scolastico di Acri Angelo Cofone, difeso dall’avvocato Pasquale Di Iacovo del foro di Castrovillari, nell’ambito del maxiprocesso anti-‘ndrangheta “Stige”. Appello d’un processo che ha visto condannate 54 persone e che in primo grado s’era celebrato col rito abbreviato. LEGGI ARTICOLO COMPLETO