L’evento in programma Sabato 18 settembre è stato finanziato a luglio dal Ministero della Cultura – Direzione Generale dello Spettacolo dal fondo nazionale dedicato a questo tipo di eventi.

Rievoca un preciso e documentato avvenimento storico: La donazione del Castrum di Miromanum con tutte le sue pertinenze, staccandolo dalla sua terra di Laino, da parte del Principe normanno Ugo di Chiaromonte al Vescovo di Cassano Jonio, Sasso, con atto firmato anche dal Sovrano di Puglia Ruggero Borsa e da 7 testimoni normanni il 3 dicembre dell’anno 1101. E’ la Festa della donazione (comunemente chiamata rievocazione storica) che entra di diritto all’interno dei grandi appuntamenti di Mormanno e, dopo la programmazione estiva dell’Agosto mormannese con i grandi nomi della musica e dello spettacolo, punta a diventare un altro attrattore di spessore culturale per il turismo esperienziale.

Sabato 18 settembre a partire dalle 16:30 l’evento, organizzato dall’associazione Comunalia con il patrocinio del Comune di Mormanno e la direzione artistica dell’associazione culturale Novecento, entrerà nel vivo con il raduno e il corteo storico che muoverà da Piazza Umberto i verso l’area eventi Rurà dove si svolgerà la parte recitata che focalizza l’attenzione sulla consegna delle chiavi. La rievocazione storica – che ha ricevuto anche il finanziamento del Ministero della cultura Direzione generale dello Spettacolo – vedrà la partecipazione degli Sbandieratori Besidias di Bisignano e dei Tamburi di Moncerviero e sarà trasmessa in diretta facebook sulla pagina istituzionale del Comune di Mormanno.

L’idea dell’amministrazione guidata dal sindaco, Giuseppe Regina, con il diuturno lavoro del delegato al turismo, Flavio De Barti, e la sinergia con Rosaria Vuozzo, presidente dell’associazione Comunalia, è quello di rilanciare la rievocazione storica della Festa della donazione e trasformarla in un «attrattore culturale per canalizzare turisti e visitatori all’interno del borgo e far continuare cosi la magnifica estate di grandi numeri e favolosi eventi che abbiamo saputo realizzare insieme a tante associazioni e professionisti che insieme a noi hanno collaborato a questa stagione di ripresa di momenti di spettacolo e cultura» ha affermato il primo cittadino di Mormanno.

«Con il finanziamento ricevuto – ha aggiunto Flavio De Barti – possiamo davvero arricchire di nuova vitalità questo evento che ha grandi potenzialità e rappresenta per noi un altro tassello fondamentale della nostra identità storica, culturale, da tramandare e rendere parte di ciò che siamo nel racconto del variegato panorama di opportunità che Mormanno offre durante tutto l’arco dell’anno a quanti scelgono di visitarla».