Librandi: Massima attenzione Esecutivo Antoniotti a categorie svantaggiate.
ROSSANO – Servizi sociali, in arrivo altri 129 mila euro, da fondi previdenziali, per l’assistenza domiciliare dei pensionati statali non autosufficienti. Una programmazione, di ampio respiro, che garantirà il servizio fino al prossimo 30 novembre 2015. Nei prossimi giorni la firma della convenzione tra il Comune di Rossano, capofila del distretto socio-sanitario, e l’Inps Gestione (ex Inpdap). Prosegue, in modo costante, l’impegno dell’Amministrazione Antoniotti a sostegno delle categorie in difficoltà.
Lo rende noto l’assessore alle Politiche sociali Giuseppe Librandi che, in stretta collaborazione con  il responsabile del settore Paolo Fontanella, ha lavorato affinché il Comune, e le altre realtà aderenti al distretto, potessero attingere al fondo previsto dal progetto “Home care premium 2014”.

Un altro grande risultato – commenta l’Assessore – raggiunto nell’ambito dei servizi sociali. L’ottenimento di questo nuovo finanziamento, va ad arricchire la grande pianificazione assistenziale, destinata ai cittadini maggiormente bisognosi, avviata dall’Amministrazione comunale. Dopo il finanziamento di circa un milione di euro, grazie al Piano di azione e coesione, abbiamo valutato e perseguito un nuovo strumento. Obiettivo, questo, raggiunto grazie alla sinergia tra il distretto socio-sanitario di Rossano e l’Inps Gestione e grazie al grande lavoro posto in essere dagli uffici comunali. Siamo soddisfatti, perché, pur essendo la prima volta che il nostro comune aderisce al progetto, siamo stati subito accreditati, mentre negli anni precedenti sono andate perdute utilissime risorse. Continuiamo a lavorare nel solco delle linee di programma – conclude Librandi – dettate dal sindaco Giuseppe Antoniotti, che pongono un’attenzione particolare alle Politiche sociali e mirano ad intercettare quanti più fondi extrabilancio per rimpinguare il capitolo dedicato all’assistenza alle categorie svantaggiate.

Il Comune di Rossano, capofila dell’ambito del distretto socio-sanitario n.1 – fanno sapere gli Uffici – figura tra i comuni accreditati del Progetto “Home care premium 2014” proposto dall’Inps-Gestione ex Inpdap, che prevede interventi e servizi di assistenza domiciliare a favore delle persone non autosufficienti. Grazie all’accreditamento, l’ambito nel quale è compreso il Comune di Rossano è stato riconosciuto beneficiario di fondi pari a 129 mila euro. Attraverso questi fondi 80 persone potranno usufruire dei servizi di assistenza previsti dal progetto. A breve sarà firmata la convenzione tra il Comune di Rossano e l’Inps-Gestione ex Inpdap che regolerà la gestione del progetto. Le persone beneficiarie dei servizi assistenziali, individuate da apposito bando, dovranno essere dipendenti o pensionati, della gestione ex Inpdap, o i loro coniugi conviventi e i loro familiari di primo grado, non autosufficienti. Il progetto di assistenza domiciliare interviene a supporto di anziani e disabili (minori e adulti) per consentire loro la permanenza a domicilio non solo con interventi economici o con servizi, ma anche a sostegno della comunità degli utenti nell’affrontare e gestire le difficoltà connesse allo status di non autosufficienza. Il progetto è articolato in prestazioni socio-assistenziali prevalenti e prestazioni socio-assistenziali integrative. Le prime vengono erogate direttamente al soggetto non autosufficiente, con un contributo mensile dall’Inps, fissato in relazione al bisogno e alla capacità economica del soggetto, che oscilla tra i 900 e i 1.200 euro. Le seconde sono, invece, a cura del Comune di Rossano cui l’INPS riconosce, per ogni soggetto assistito, un contributo annuo.