Quel bimbo ucciso e bruciato è una macchia che sfigura la faccia del mondo.
Talora si fa fatica a rimanere contrari alla pena di morte e oggi è difficile pensare che il posto più consono agli assassini – sicari e mandanti, egualmente immondi, di tre persone, fra cui un bambino di tre anni, Nicola, ucciso e bruciato al pari degli altri – non sia la forca o altra analoga soluzione acconcia.
LEGGI TUTTO ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.