Seconda edizione de “La Ballata di Carnevale” al Paolella

Domenica 02 marzo appuntamento con musica e comicità nel Centro storico bizantino.
Rossano - Canti, Musica e tanta Comicità questo il mix vincente che allieterà il carnevale nel centro storico rossanese. Nella suggestiva cornice del Teatro Amantea-Paolella torna a grande richiesta, dopo il successo dello scorso anno, la seconda edizione del divertente spettacolo carnevalesco de “LA BALLATA DI CARNEVALE”.  Appuntamento domenica 2 Marzo 2014, con inizio previsto per le ore 19 nel cuore del centro storico. La manifestazione carnevalesca vedrà l’esibizione di giovani coristi, strumentisti e cantanti del circondario, appositamente mascherati per l’occasione, new entry di quest’anno la comicità degli artisti della BARAONDA DI GENNARO MAGNO che si esibiranno in esilaranti sketch.  L’evento è stato promosso dall’Accademia Musicale Rossanese diretta dal Maestro Agostino BRUNETTI, direttore artistico dell’iniziativa, coadiuvato dai Maestri Giuseppe PRAINO e Bambina VISCOVO.  La “Ballata di Carnevale” tra musica e comicità sarà condotta dalla brillante presentatrice Stefania SCHIAVELLI.  L’iniziativa è patrocinata della Provincia di Cosenza con la collaborazione della Pro Loco Rossano “La Bizantina” presieduta da Federico SMURRA, la Baraonda di Gennaro Magno  e la Juliard Music School. Media partner dell’iniziativa TELE A 57 La cittadinanza è invitata a partecipare. Ingresso gratuito.

Stampa Email

56° Carnevale di Castrovillari: Motori Accesi

Castrovillari - Ancora qualche giorno prima che venga svelato completamente il programma della 56 Edizione del Carnevale di Castrovillari e Festival Internazionale del Folklore in programma dal 22 Febbraio al 4 di Marzo, manifestazione organizzata dalla locale Pro Loco, presieduta da Giovanni Amato e diretta dal vulcanico Gerardo Bonifati , in collaborazione con la locale Amministrazione Comunale e con altri Enti Calabresi nonché l’appoggio di diversi sponsor privati.  I motori sono accesi in attesa della partenza ufficiale giovedì grasso 27 Febbraio quando il sindaco della città Domenico Lo polito, consegnerà ufficialmente le chiavi a Re Carnevale” ( quest’anno tra l’altro  il Re Burlone, è l’emblema del manifesto della 56 edizione )  e ormai com’è tradizione  avrà luogo con la teatrale diatriba - in vernacolo - tra il “Re Carnevale e la Quaresima”, quindi il tradizionale rituale dell’incoronazione di quest’ultimo e la conseguente, simbolica, consegna nelle sue mani delle chiavi della città da parte del Sindaco  . Con questa chiave si aprirà la porta della gioia e del mascheramento che durerà fino a martedì grasso 4 marzo , all’or quando il “ Re” verrà bruciato sul rogo e la quaresima prenderà il suo posto.
Il Carnevale di Castrovillari è una festa a forte radicamento popolare e di antiche origini. Le più lontane si possono far risalire probabilmente alla prima metà del '600 allorquando venne diffusa la storia di Organtino (farsa dialettale di Cesare Quintana) proprio in occasione dei "riti" carnascialeschi.
In tempi più moderni, da oltre mezzo secolo, viene festeggiato con edizioni organizzate dalla Pro Loco di Castrovillari, la prima risale al 1959, promotore dell' iniziativa fu il professore Vittorio Vigiano. Nel corso del tempo la manifestazione si è ripetuta riscontrando grande successo anche oltre i confini locali,tanto da essere annoverata tra i 10 più importanti d’Italia. Abbinato al Carnevale, il Festival del folklore che viaggia di pari passo, tanti i gruppi provenienti non solo dall’italia, ma anche dall’Europa e dal Mondo che hanno fatto tappa nella città del Pollino per la manifestazione  carnascialesca . Dal 2002 il Carnevale di Castrovillari ha puntato solo su una nazione alla volta , con un focus di approfondimento tra usi,costumi,tradizioni, saperi e sapori ed è  nato il “Gran Galà del Folklore”, serata di grande richiamo dove i gruppi partecipanti  offrono il meglio, attraverso scenografie, costumi, canti e balli tipici, attraverso l’interpretazione  delle tradizioni culturali ed etniche del proprio Paese di origine e tra questi il gruppo ospitante della Pro Loco che nel corso degli anni ha riscosso innumerevoli riconoscimenti, ultimo in ordine di tempo quello consegnato nella indimenticabile e suggestiva cornice del Complesso Monumentale del Vittoriano, in Campidoglio, a Roma, in occasione della manifestazione conclusiva per le celebrazioni del 150° dell’Unità d’Italia, ricevuto dalle mani del Presidente del Comitato dei Garanti per le manifestazioni, il professore onorevole Giuliano Amato, il premio per essere il miglior Gruppo italiano nell’aver interpretato, con canti e musiche, la straordinaria stagione del Risorgimento.
 Il traguardo più importante, del Carnevale di Castrovillari, oltre alla continuità, è la massiccia partecipazione di pubblico, ogni anno sempre più numeroso, proveniente oltre che dalla Calabria anche da Puglia e Campania.
Un’altra manifestazione ormai collaudata nel variegato cartellone, è il concorso di “ Miss Carnevale” che ha fatto la sua apparizione nel 2010, in quella occasione ad essere incoronata fu la tarantina Vita La Rizza. Un appuntamento che è cresciuto negli anni, grazie alla direzione artistica di Carlo Catucci, che nella città del Pollino porta tantissime ragazze provenienti non solo dall’hinterland e dalla provincia di Cosenza  ma anche da altre regioni  .Nel 2011 la fascia del concorso è andata alla castrovillarese Brenda Tramaglino ;nel 2012 a Cristina Alfano 15 anni di Corigliano; nel 2013 a Jessica Motta 16 anni di San Marco ; e poi i colori della  “ Parata della Gioia” la manifestazione curata da Tiziana La Vitola , coinvolge le suole   materne ed elementari di Castrovillari .  L’evento raccoglie ogni anno, nella sfilata mattutina della  prima domenica  , tante mascherine spontanee , che in un grande serpentone colorato attraversa le principali strade cittadine fermandosi poi  nella centralissima Piazza Municipio dando vita a gioiose e colorate  coreografie .
Coreografie e danze anche  nell’appuntamento che si tiene al Teatro Sybaris “ Scuole di danza a confronto” giunta alla XX Edizione. Un appuntamento ormai consolidato negli anni  che offre la possibilità alle varie scuole di danza del territorio , di confrontarsi .
Balli anche  per la “Sirinata dà Savuzizza”, uno degli appuntamenti più attesi e caratteristici del Carnevale di Castrovillari, giunto alla sua XIII edizione è dedicato al compianto artista castrovillarese Gianni Francomano, in collaborazione con il Centro Anziani “A.Varcasia” . La manifestazione , che si tiene il giovedì grasso, riprende l’antico rituale carnascialesco castrovillarese delle “Mascherate”. Gruppi di persone si mascherano e accompagnati dal tradizionale suono della fisarmonica  e del tamburello  ,girano per le case dove chiedono di essere ospitati ;  in cambio di una bevuta e del tradizionale salame casereccio, intrattengono i padroni di casa e gli amici di quest’ultimo, con canti e tarantelle.
E poi le sfilate, quella della domenica e del martedì, quando il Carnevale di Castrovillari  raggiunge il suo culmine ; sulle strade cittadine , si riversano gruppi mascherati e carri allegorici che in caleidoscopio di colori rendono frizzante la manifestazione. Il concorso per maschere e carri allegorici,  è giunto alla XXI edizione ,gruppi di persone si mettono insieme e realizzano dei veri e propri capolavori di vestiti con temi che variano di anno in anno e prendono spunto dal quotidiano, da favole , da cartoni, da epoche; dei veri e propri laboratori vengono  realizzati in diverse case della città, dove uomini e donne ,si danno da fare per completare  il costume . Nei giorni delle due sfilate ,i gruppi iscritti al concorso , oltre a sfilare , creano delle vere e proprie coreografie e giunti sotto il palco ,vengono giudicati da un’apposita giuria.
Il Carnevale di Castrovillari è anche cultura, con il concorso scolastico e con il focus di approfondimento, è fotografia, dove le immagini captate dall’occhio della macchina fotografica  documentano i momenti della manifestazione  , è sport  è spettacolo , quest’anno in scena  il recital-musical di Anna Mazzamauro in “Serata d’onore e d’amore” domenica 23 Febbraio , ore 21, a Castrovillari , presso il Teatro Sybaris, uno dei volti femminili che hanno più contribuito a costruire la storia del teatro italiano dagli anni 60 sino ai giorni nostri. E’ questo il Carnevale di Castrovillari. Uno evento nell’evento,

UFFICIO STAMPA
Anna Rita Cardamone ( ARCA COMMUNICATION)

Stampa Email

Saracena: Identità, tutti pronti per San Leone

Sacro e Profano. Magia della tradizione, domani mercoledì 19 .
SAN LEONE, il Paese del Moscato Passito si prepara a festeggiare il Santo Patrono. – Turismo religioso e delle tradizioni popolari. Contribuire al recupero della memoria ed allo sviluppo dell’identità culturale attraverso la promozione e la condivisione degli eventi storicizzati. Manca un giorno alla catarsi collettiva che domani vedrà protagonista la cittadina del Pollino. Un mix tra sacro e profano che si rinnova da secoli. Tradizione popolare, musica ed enogastronomia. Numerosi sono i visitatori attesi da ogni parte della Calabria. Appuntamento per domani sera, MERCOLEDÌ 19.
Ad invitare il territorio a non perdere l’appuntamento con la tradizione è l’assessore alla promozione del turismo culturale Elisa MONTISARCHIO che sottolinea l’importanza di contribuire, anche come istituzione pubblica, alla promozione di un evento che sintetizza e rinnova identità e senso di appartenenza, soprattutto nelle nuove generazioni.


La manifestazione è stata organizzata dall’Amministrazione Parrocchiale – Sacerdote Leone BONIFACE e il Comitato “SAN LEONE” con la collaborazione dell'Amministrazione Comunale che offre, per l’occasione, una parte dei fuochi pirotecnici.

Il programma religioso ha avuto inizio lo scorso 10 febbraio con la Santa Messa e l’esposizione della statua del Santo. È proseguita l’11 con la novena della XXII Giornata del Malato, il 17 col Triduo predicato da P.Carlo, dei Missionari Oblati di Maria Immacolata e ieri (lunedì 18) con la Liturgia penitenziale. 

L’APPUNTAMENTO CLOU, QUELLO PIÙ ORIGINALE DI QUESTA FESTA, SARÀ DOMANI MERCOLEDÌ 19, SERA DELLA VIGILIA.

Dopo il Rosario di San Leone e la Santa Messa alle ore 16.30, partirà la famosa fiaccolata alle Ore 18.30. Durante tutto il percorso sarà accompagnata dai fuochi pirotecnici.

La partenza, come da tradizione, sarà accompagnata da canti festosi e musica tradizione. Dopo questa tappa, si accenderanno i falò, meglio conosciuti come “i fucarazz”, che illumineranno tutti i rioni del Paese. Con organetti, chitarre e altri strumenti tipici i gruppi suoneranno per le vie della kasbah dove verranno offerti prodotti locali. Dai dolci ai salumi, ad altre pietanze preparate al vino al celeberrimo Moscato Passito di Saracena. – In piazza XX Settembre, ci sarà la Pro Loco “Sarucha” a fare una prima accoglienza ai visitatori. Qui privati cittadini insieme ad alcuni studenti dell’Alberghiero di Castrovillari, prepareranno i fritti tradizionali fatti al momento. Inoltre, come ogni anno, offriranno ai visitatori la piccola borsettina con la scritta ”W San Leone” con dentro lo “sciannacheddo” per il vino. – All’accoglienza di sua Eccellenza  Mons. Nunzio GALATINO Vescovo di Cassano all’Jonio suonerà il complesso bandistico San Leone “Raffaele DIANA” diretto dal Maestro Antonio DI VASTO.  MERCOLEDÌ 19 i fuochi saranno sparati dalla ditta “SARRO” di San Giacomo di Cerzeto, durante il percorso della fiaccolata. L’illuminazione sarà curata dalla ditta Leone ALFANO di Saracena. I festeggiamenti si chiuderanno GIOVEDÌ 20 con le Sante Messe alle ore 8.30 e 11. Alle ore 17.30 si terrà la Messa celebrata del Vescovo di Cassano e Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana Nunzio GALATINO. In questo giorno presterà servizio il complesso bandistico San Leone “Raffaele DIANA” diretta dal Maestro Antonio DI VASTO. – (Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying).

Stampa Email

56° Carnevale di Castrovillari: XXII Seminario di studi demoetnoantropologici

XIV Concorso scolastico-Premio - Paponetti Sovrani
Castrovillari - La Consulta scientifica della Pro Loco del Pollino di Castrovillari comunica che il tema del XXII Seminario di Studi demoetnoantropologici e connesso XIV Concorso scolastico, riservato alle Classi II, III, IV e V delle Scuole secondarie superiori di Castrovillari e dell’hinterland,  è: : Mors tua vita mea -Riso, penitenza, morte e resurrezione nel tempo di Carnevale-. Terrà la lectio magistralis, agli studenti che interverranno sabato 1 Marzo 2014, alle ore 11:00, presso il Teatro Sybaris di Castrovillari, il prof. Leonardo R. Alario, della Consulta Scientifica F.I.T.P. (Federazione Italiana Tradizioni Popolari), presidente I.R.S.D.D. (Istituto di Ricerca e di Studi di Demologia e di Dialettologia di Cassano Jonio). Interverranno: Mimmo Lo Polito, sindaco di Castrovillari, Lucio Rende, suo delegato alla Cultura, Giovanni Amato e Filomena Bloise, rispettivamente presidente della Pro loco di Castrovillari e Responsabile della locale Consulta Scientifica; Gerardo Bonifati, Direttore artistico del Carnevale di Castrovillari. Coordineranno Pasquale Pandolfi e Carmen Caravia, quest’ultima a stretto contatto con gli studenti, i quali proietteranno un video illustrativo realizzato da Emanuela Covucci e Carmen Varcasia, del Liceo Scientifico “E. Mattei”di Castrovillari,  sulla maialatura in Calabria, rito cruento e nello stesso tempo catartico e propiziatorio di ricchezza nella casa contadina tradizionale. Gli studenti, successivamente, potranno partecipare all’annesso concorso scolastico, redigendo un elaborato sul tema del Seminario, sotto forma di articolo, saggio breve o relazione di studio e far pervenire il tutto alla segreteria della Pro loco entro un mese dall’evento. Un’apposita commissione di esperti valuterà gli elaborati e, dopo la loro lettura e valutazione, attribuirà a ciascun elaborato il nome dell’autore che perverrà in una busta sigillata da allegare nella sede della Pro Loco, unitamente alla busta intestata dell’Ente, dove sarà conservato ciascun compito. La busta da allegare dovrà contenere: Nome, Cognome, Classe, Sezione, Istituto scolastico e Recapito telefonico. Ai primi tre classificati verranno consegnati premi offerti dagli sponsors disponibili. Al termine del Seminario di quest’anno, saranno premiati gli studenti vincitori della scorsa edizione.
UFFICIO STAMPA
Anna Rita Cardamone ( ARCA COMMUNICATION)

Stampa Email

Il 56° carnevale di Castrovillari prevede anche un concorso di cucina di sala

Castrovillari - L'Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione “ K.Wojtyla” del capoluogo del Pollino, guidato dal dirigente scolastico,Bruno Barreca, partecipa alla 56°edizione del Carnevale di Castrovillari e Festival Internazionale del Folklore, che si terrà dal 22 Febbraio al 4 di Marzo, con il “ I° Concorso di cucina da sala “ dal tema : “ CORIANDOLI,SAPORI e COLORI del Carnevale di Castrovillari” , in programma il 28 Febbraio alle ore 9,30 nella stessa scuola. L’obiettivo è quello di coinvolgere, come è ormai tradizione del Superiore, i giovani degli stessi Istituti in una gara di amicizia, di impegno professionale e di sana competizione. L’evento prevede la sfida di alunni delle terze e quarte classi che si "daranno battaglia" dinanzi ai fornelli per creare degustazioni in linea con la tradizione carnascialesca e dove l'elaborazione di un secondo piatto sarà il tema guida.

Stampa Email