Corigliano: chiusura Ricicl’Art, boom di presenze nella Sala degli Specchi

L'ambiente è il tema più complesso. Tocca ed è trasversale a tantissime altre questioni. Il nostro debito ecologico è altissimo ed ogni tanto, si veda quanto accaduto purtroppo in Sardegna, la Natura ci richiama. Ecco perché la tutela dell'ambiente, anzi del Creato, è un problema soprattutto etico e di responsabilità personale. (CAUTERUCCIO). - In questo senso diventa importantissimo, in parallelo con l'azione delle istituzioni pubbliche locali, il contributo di ciascuno al cambio di mentalità, ad esempio sulla pratica quotidiana della raccolta differenziata. (GERACI) - Debellare la cultura dell'usa e getta. È questo il messaggio più forte che RICICL'ART affida all'Area Urbana, rafforzandone anche con queste iniziative comuni lo spirito di collaborazione su un tema, come la tutela ambientale, che in generale, in passato, non è stata affrontata nel modo giusto. (ALFIERI) - Il metro di civiltà di una comunità è anzi tutto quello ambientale. Accanto al buon governo, che dobbiamo esigere tutti e sempre, deve esserci una sempre più ampia partecipazione civile delle cittadinanze. E su questo terreno dobbiamo fare una scelta che non è affatto slegata dalle altre opportunità rappresentate da una diversa attenzione all'identità dei territori, al paesaggio, alle produzioni ed alle risorse naturali. Sono, questi, gli ingredienti del nostro sviluppo sostenibile. (DIMA).

Sono, questi, alcuni dei passaggi più importanti emersi nel 71esimo Caffè Filosofico itinerante promosso dall'associazione europea Otto Torri sullo Jonio a conclusione dell'ottava edizione di RICICL'ART ospitata, sabato 23 scorso, in una gremita Sala degli Specchi del Castello Ducale di Corigliano. 

Numerose le presenze all'agorà circolare moderata da Lenin MONTESANTO, Fiduciario della Condotta Slow Food Sibaritide - Pollino, partner, insieme alla Diocesi di Rossano-Cariati della storica iniziativa promossa dall'associazione guidata da Walter PULIGNANO: dal Sindaco di Corigliano Giuseppe GERACI, agli assessori comunali di Rossano Giuseppe LIBRANDI e Rodolfo AlFIERI, dagli assessori provinciali Leonardo TRENTO e Biagio DIANA al consigliere regionale Giuseppe CAPUTO, dai consiglieri comunali della Città del Castello Maria Francesca CEO, Marisa CHIURCO e Tommaso MINGRONE a Jole SPOSATO, consigliere comunale, al sindaco di Saracena Mario Albino GAGLIARDI, dal consigliere provinciale Luciano MANFRINATO all’europarlamentare Mario PIRILLO, da Don Pino STRAFACE in rappresentanza dell’Arcidiocesi Rossano-Cariati, partner dell’evento, ad Alfonso CAUTERUCCIO di Greenaccord ed il sottosegretario regionale alla Protezione Civile Giovanni DIMA.

Il 71° Cafè Philo, dal titolo "IO TU-TELA DEL CREATO", è stato aperto dal presidente di RICICL'ART che ha ribadito l’impegno dell’Associazione nella promozione del riuso creativo dei rifiuti, a partire dal basso. Dalle scuole, prima di tutto. Da qui il Memorandum, stilato in 10 punti, con serietà e responsabilità, dai ragazzi delle scuole superiori delle due comunità. Le due opere donate all’Area Urbana – ha ribadito PULIGNANO – un ulivo secolare realizzato con cofani e marmitte per Rossano e una prua magno greca per Corigliano, rafforzano ancora di più il rapporto di maggiore coesione tra le due Città.

Io tu-tela del creato. Il coinvolgimento dell’io in prima persona; del TU, di tutto ciò che è fuori di me; e la tela come sinonimo di rete. A spiegare il gioco di parole del titolo dell’incontro è stata Lucia PASSAVANTI, raccontando quello che è stato l’excursus di RICICL’ART in otto anni di iniziative. Da evento ad appuntamento, destagionalizzato ed itinerante, ma fisso. Con appuntamenti frequenti nelle scuole. Sempre nella direzione della promozione del rispetto dell’ambiente, del territorio e della qualità della vita attraverso diverse attività e affiancando sempre altre associazioni, in un vero e proprio lavoro di squadra. Come nel caso di Slow Food quest’anno.

Dal Preludio n.1 di BACH alla Danza di Colombina, dal Valzer di Kabalevski alle scene infantili n.1 di Schumann, da Suonando il tamburello di Kaciaturian al River Flows di Yiruma fino al Valzer op. 64 n. 1 in re bemolle di CHOPIN. Sono i brani eseguiti al pianoforte, tra un intervento e l’altro, stuzzicati da un aperitivo tipico, dalle due giovani pianiste Sara PULIGNANO e Maria Chiara ALOE. - (Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying). 

Stampa Email

Una prua magno greca donata a città Corigliano

Dedicata a tragedia Schiavonea 1975 e vittime del mare. W.Pulignano: messaggio di recupero della memoria storica.
CORIGLIANO – Al valore identitario e valorizzazione del patrimonio culturale che le due opere intendono custodire e condividere, la tradizione millenaria dell’olivicultura a Rossano e quella marinara di Schiavonea insieme a quella magno greca di tutta la costa ionica, se ne aggiunge un altro. La prua che abbiamo inaugurato a Schiavonea, infatti, vuole essere anche un messaggio di recupero della memoria storica verso le nuove generazioni e di allarme contemporaneo sulle tante tragedie del mare e, purtroppo, del maltempo che stanno interessando anche in questi la nostra regione e, in modo drammatico, la Sardegna. A 38 anni, quindi, dalla gravissima tragedia di Schiavonea, era il Capodanno del 1975, Ricicl’art dedica quest’opera ai 12 pescatori delle famiglie CELI e CURATOLO, morti nella bufera sotto gli occhi di tutta la comunità marinara, decimando due famiglie e lasciando 22 bambini senza padre. E lo fa in omaggio alle centinaia di vittime del mare che, per ragioni diverse da allora, continuano a morire a largo delle nostre coste. Per fame, disperazione e nella ricerca di una vita migliore. 

È, questo, quanto ha dichiarato Walter PULIGNANO nella mattinata di oggi (sabato 23) a SCHIAVONEA nel corso dell’inaugurazione dell’opera (una prua magno greca realizzata con rifiuti) donata alla comunità di Corigliano e realizzata per Ricicl’art dall’artista Francesco MIRENZIO.

Alla manifestazione, oltre l’artista, il Presidente di Ricicl’art insieme ad Eugenio PULIGNANO della BIECO SRL sponsor insieme ad ECOROSS dell’evento e lo staff dell’associazione, erano presenti l’assessore all’ambiente del Comune di Corigliano Marisa CHIURCO insieme Maria Francesca CEO, assessore al turismo. All’evento ha partecipato anche il Sottosegretario regionale alla Protezione Civile Giovanni DIMA che, ha sottolineato la necessità, da parte dei cittadini delle due comunità, di sostenere l’impegno sempre più sinergico delle due amministrazione nella direzione ormai inarrestabile dell'area urbana Corigliano-Rossano  L’area urbana – ha chiosato – è realtà.

Dalle ore 17.30 in poi, prenderà il via il 71° caffè filosofico, dal titolo “Io, Tu-tela del creato: la scatola nera dei territori sostenibili”.

Otto Torri ha chiamato a confrontarsi, alle ore 17.30 di questa sera (SABATO 23), nella Sala degli Specchi, insieme al Presidente Walter PULIGNANO, anche i sindaci di Rossano e Corigliano, i primi cittadini del territorio, il Presidente di GREENACCORD Alfonso CAUTERUCCIO, insieme a rappresentanti delle istituzioni regionali, provinciali ed europee. La speciale agorà, dedicata all’importanza dei comportamenti quotidiani e dal basso nella rete di tutela del Creato ed a difesa dei territori, sarà moderata da Lenin MONTESANTO, Fiduciario della Condotta Slow Food Sibaritide – Pollino, partner dell’evento insieme alla Diocesi Rossano-Cariati. – Nel corso del dibattito a più voci ed informale, al quale sono state invitate a partecipare anche le scuole del territorio, e che concluderà il programma di iniziative dell’Area Urbana nella 5° SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI, sarà data lettura ufficiale e consegnata copia agli ospiti del Memorandum sulla tutela del Creato e sul riuso creativo dei rifiuti, elaborato dagli studenti, nel giorno dell’inaugurazione a Rossano sabato scorso. – RICICL’ART, infine, continua ad essere anche promozione delle eccellenze enogastronomiche e dell’identità del territorio. In collaborazione, infatti, con Slow Food di Rossano e Saracena, sposandone la filosofia di tutela delle produzioni e delle storie che stanno dietro ai prodotti del terroir, nell’aperitivo tipico offerto agli ospiti, dopo il Cafè Philosophique, saranno protagonisti i vini de I GRECO di CARIATI, i salumi dell’azienda agrituristica IL PARCO (Nero di Calabria) di ACRI, i formaggi della FATTORIA BIO di ROSSANO il caciocavallo CIMINÀ prodotto dal CASEIFICIO ROMANO SICILIANO ROCCO di REGGIO CALABRIA che è uno dei presidi SLOW FOOD della Calabria, i taralli ed i crostini del Forno Storico LEVANTE di ROSSANO, il pane  del Panificio COFONE di CORIGLIANO, la pizza del Panettiere di ROMEO di ROSSANO e le eccellenze ittiche di SCHIAVONEA. - (Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying). 

Stampa Email

Saracena: Domenica tutti a tartufi. Quelli del Pollino

Dal mesenterico al bianco pregiato, dallo “scorzone” a quello “uncinato”, dal nero d’inverno al “moscato”, fino al bianchetto. È scientificamente provato: l’intera area del Pollino, così come dimostra una ricerca effettuata dall’ARSAC di Castrovillari e dall’Istituto di genetica vegetale del CNR di Perugia (IGV-PG), è terra di tartufi. Il turismo enogastronomico si fiuta. Investire sul terroir per promuovere il territorio e creare occasioni di sviluppo. La condotta Slow Food Sibaritide Pollino invita al confronto. Tavola rotonda, DOMENICA 24 NOVEMBRE 2013, a NOVACCO.   

All’incontro fissato per le ORE 10 e moderato dal Fiduciario Lenin MONTESANTO, oltre al Primo Cittadino Mario Albino GAGLIARDI, parteciperanno il presidente della Coldiretti di Rossano Ranieri FILIPPELLI, i sindaci e imprenditori del territorio, le associazioni “Il tartufo e la sua cultura” e  “Tartufi e tartufai del Pollino e delle Serre”, l’assessore provinciale Biagio DIANA, i consiglieri regionali Damiano GUAGLIARDI, Gianpaolo CHIAPPETTA e Gianluca GALLO ed il Presidente del Parco del Pollino Mimmo PAPPATERRA.

“La biodiversità del tartufo del Parco nazionale del Pollino: risorsa da caratterizzare, conservare e valorizzare” è il titolo del contributo al dibattito che sarà offerto da Luigi GALLO, socio Slow Food e responsabile dell’ARSAC-Centro di Divulgazione Agricola (Ce.D.A.) n. 2 Pollino-Castrovillari. 

L’ARSAC di Castrovillari e l’Istituto di Genetica Vegetale del CNR di Perugia (IGV-PG) – dichiara GALLO - hanno avviato una indagine allo scopo di caratterizzare e valorizzare il tartufo del Pollino. I primi dati di questa indagine sono stati pubblicati sulla rivista bimestrale “APOLLINEA” e, da questo primo esame, risulta che, attualmente, l’area interessata, dove si ricercano i tartufi, comprende quasi tutti i comuni compresi nel Parco nazionale del Pollino, con specie di tartufi diverse a seconda dell’altitudine e del tipo di vegetazione arborea e arbustiva presenti.

In particolare, le specie di tartufo che si ritrovano con maggiore frequenza nel versante calabrese del territorio del Parco sono il Tuber Mesentericum (tartufo mesenterico o tartufo nero di Bagnoli), il Tuber Magnatum (tartufo bianco pregiato), il Tuber Aestivum (tartufo estivo o scorzone), il Tuber Aestivum f. Uncinatum (tartufo uncinato), il Tuber brumale f. Moschatum (tartufo nero d’inverno o tartufo moscato) e varie specie di tartufi del gruppo del Tuber Borchii comunemente chiamati bianchetti.

In base ai primi dati sono già individuabili, nel territorio di ogni comune, alcune aree particolarmente vocate per il tartufo, anche se è necessario uno studio più approfondito per una vera e propria mappatura. Tali acquisizioni scientifiche sono di estremo interesse per la valorizzazione di tartufi pregiati locali, consentendo anche l’introduzione di marchi di tutela europei (IGP, DOP).

Alla tavola rotonda seguirà il workshop sulla ricerca dei tartufi, con cani a seguito, curata dalle associazioni “Il tartufo e la sua cultura” e “Tartufi e tartufai del Pollino e delle Serre”. Presso il Centro Turistico Novacco sarà possibile degustare i piatti preparati a base di tartufo del Pollino. IL PREZZO È DI EURO 25. – Per partecipare al pranzo bisogna prenotarsi all’Ufficio di Promozione Turistica al numero 0981.349647. – Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying).

Stampa Email

Ricicl’Art, Geraci: unisce Rossano e Corigliano

Sabato 23: Opera a Schiavonea e chiusura al Castello.
CORIGLIANO – RICICL’ART è intanto una manifestazione che condividiamo con la vicina Rossano ed è già per questo, motivo di grande soddisfazione: avvicina, unisce, impegna due amministrazioni comunali e due comunità a promuovere, insieme all’instancabile lavoro di questa associazione, la tutela dell’ambiente e, più in generale, del Creato. L’opera di sensibilizzazione giunge in un momento particolare, di emergenza, vista la chiusura dell’impianto di Pianopoli causata da una frana; ma giunge anche quando nelle scuole si festeggia la Festa dell’Albero. Entrambi, momenti utili per spingere i cittadini a fare ed aumentare la raccolta differenziata. Cominciando dai più piccoli. Un nuovo modo di vivere e condividere nell’ambiente, per noi stessi e per le future generazioni. È, questo, l’invito ed il messaggio più forte che l’esperienza RICICL’ART ci invita a non lasciare cadere, rivolto in primis a noi amministratori.

È quanto dichiara il Sindaco di Corigliano, Giuseppe GERACI, in vista della chiusura ufficiale di RICICL’ART che, quest’anno, sarà ospitata per la prima volta, a Corigliano, nel Castello Ducale, SABATO 23. Nella mattinata dello stesso giorno, a Schiavonea, sarà inaugurata l’opera (una prua magno greca realizzata con rifiuti) donata alla comunità di Corigliano, realizzata per Ricicl’art dall’artista Francesco MIRENZIO.

“Io, Tu-tela del creato: la scatola nera dei territori sostenibili”. È, questo, il titolo simbolico e provocatorio del 71esimo caffè filosofico itinerante proposto dall’associazione europea Otto Torri sullo Jonio, presieduta da Stanislao SMURRA, nell’ambito della storica partnership con RICICL’ART, giunta alla sua ottava edizione. Otto Torri ha chiamato a confrontarsi, alle ore 17.30 di SABATO 23 NOVEMBRE, nella Sala degli Specchi, insieme al Presidente Walter PULIGNANO, anche i sindaci di Rossano e Corigliano ANTONIOTTI e GERACI, i colleghi primi cittadini del territorio, il Presidente di GREENACCORD Alfonso CAUTERUCCIO (in rappresentanza della Diocesi), insieme a rappresentanti delle istituzioni regionali, provinciali ed europee. La speciale agorà, dedicata all’importanza dei comportamenti quotidiani e dal basso nella rete di tutela del Creato ed a difesa dei territori, sarà moderata da Lenin MONTESANTO, Fiduciario della Condotta Slow Food Sibaritide – Pollino, partner dell’evento insieme alla Diocesi Rossano-Cariati. – Nel corso del dibattito a più voci ed informale, al quale sono state invitate a partecipare anche le scuole del territorio, e che concluderà il programma di iniziative dell’Area Urbana nella 5° SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI, sarà data lettura ufficiale e consegnata copia agli ospiti del Memorandum sulla tutela del Creato e sul riuso creativo dei rifiuti, elaborato dagli studenti, nel giorno dell’inaugurazione a Rossano sabato scorso.

RICICL’ART – ha spiegato il direttore artistico Francesca SAPIA – è anche cultura del bello; quella bellezza capace di piegare il metallo e di trasmettere, attraverso una marmitta che diventa il ramo di un albero di ulivo o di un catenario che ridisegna la prua di una nave, un’emozione, uno stimolo. Per questo, RICICL’ART può definirsi, a tutti gli effetti, punto di riferimento per l’arte contemporanea, non solo a livello regionale, ma anche internazionale.

RICICL’ART, infine, continua ad essere anche promozione delle eccellenze enogastronomiche e dell’identità del territorio.

In collaborazione, infatti, con Slow Food di Rossano e Saracena, sposandone la filosofia di tutela delle produzioni e delle storie che stanno dietro ai prodotti del terroir, nell’aperitivo tipico offerto agli ospiti, dopo il Cafè Philosophique, saranno protagonisti i vini de I GRECO di CARIATI, i salumi dell’azienda agrituristica IL PARCO (Nero di Calabria) di ACRI, i formaggi della FATTORIA BIO di ROSSANO il caciocavallo CIMINÀ prodotto dal CASEIFICIO ROMANO SICILIANO ROCCO di REGGIO CALABRIA che è uno dei presidi SLOW FOOD della Calabria, i taralli ed i crostini del Forno Storico LEVANTE di ROSSANO, il pane  del Panificio COFONE di CORIGLIANO, la pizza del Panettiere di ROMEO di ROSSANO e le eccellenze ittiche di SCHIAVONEA. - (Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying). 

Stampa Email

Gli artisti della cucina si sfidano ad Altomonte!

Il tradizionale appuntamento annuale con l’alta ristorazione e l’enogastronomia d’eccellenza, il più importante evento nazionale di cucina competitiva per professionisti e scuole alberghiere, approda per la prima volta in provincia di Cosenza, ad Altomonte, uno dei borghi più belli d’Italia! La Rassegna di Cucina organizzata dall’Associazione Professionale Cuochi Calabresi quest’anno si svolgerà infatti il 25 novembre, presso il “Palazzo dei Giacobini”, un’antica ed elegante dimora gentilizia, situata a pochi passi dal centro storico, che si tramuterà per un giorno in una straordinaria galleria di opere d’arte culinaria. L’arrivo di questo evento ad Altomonte è il frutto della collaborazione con la famiglia Barbieri, che con lungimiranza ha desiderato ospitare una kermesse ricca di significati, non solo nel quadro di un’attività di ristorazione fortemente legata al territorio, ma anche per le peculiarità del paese stesso, sempre disponibile a divenire “ideale palcoscenico” di attività connesse alla promozione del vicino Parco Nazionale del Pollino, della cultura giovanile, dell’arte e, soprattutto, della cucina.
Alla Manifestazione è prevista come sempre la partecipazione di centinaia di cuochi, pasticceri, cake designer e scultori provenienti da tutta Italia e anche dall’estero, che si cimenteranno nelle varie sezioni del concorso: le tre classiche categorie artistiche (cucina, pasticceria e sculture), il Trofeo a squadre per le Scuole Alberghiere (unico in Italia, nato da un’idea del Presidente dell’Ass. Prof. Cuochi Calabresi, Giuseppe Sgrò, e ribattezzato per l’occasione “Parco Nazionale del Pollino”) e la terza edizione della GARA della RISTORAZIONE PROFESSIONALE, avvincente gara di cucina “calda”, in estemporanea, che alle 9.00 del mattino darà il via alla manifestazione. In questo spettacolare cooking show aperto al pubblico, 30 chef e pasticceri professionisti, selezionati in rappresentanza di tutte le regioni italiane e della Repubblica di Malta, si sfideranno a turno ai fornelli, su postazioni a vista, per preparare il loro piatto dal vivo, passaggio dopo passaggio, dalla manipolazione degli ingredienti fino alla composizione finale del piatto. Per una volta il talento dei migliori chef uscirà dalle cucine per esibirsi, senza riserve, davanti agli altri concorrenti, agli spettatori e alla stampa! A conferma dell’elevata professionalità richiesta, ogni concorrente potrà occupare la postazione assegnata soltanto per un tempo prestabilito e i piatti saranno oggetto non solo a giudizio estetico ma anche a degustazione da parte di una qualificata Giuria Tecnica, che inoltre valuterà la mise en place, le tecniche di esecuzione e di cottura, la valenza nutrizionale.

Altomonte è una delle capitali del Pane, è qui che si svolge ogni anno la famosa “Gran Festa del Pane” ( www.granfestadelpane.com ) ed ha sede l’INAP (Istituto Nazionale Assaggiatori Pani - www.assaggiatori-pani.org ). Per promuovere la conoscenza di questo fondamentale e prezioso alimento, in collaborazione con l’INAP verrà assegnato per la prima volta un particolarissimo premio speciale al piatto di cucina “calda” che proporrà il miglior abbinamento con un PANE TIPICO della regione di provenienza del suo autore! Nel primo pomeriggio entrerà nel vivo la RASSEGNA ARTISTICA, con l’esposizione dei piatti in gara nelle tradizionali sezioni di Cucina e Pasticceria, dove i partecipanti esporranno elaborati che, sebbene concepiti come verosimili piatti monoporzione di alta ristorazione, saranno particolarmente curati sotto il profilo della presentazione, per convincere e impressionare con la loro ricercatezza, raffinatezza e creatività la Giuria, in cui è prevista la partecipazione straordinaria di Francesco Mazzei, chef calabrese rinomato a livello internazionale. I piatti, presentati freddi e gelatinati, saranno delle vere e proprie creazioni artistiche, che delizieranno il pubblico con le loro sorprendenti forme, colori e abbinamenti, frutto dell’estro di cuochi ispirati, capaci di andare oltre il gusto, mediante la spettacolarizzazione delle composizioni e la trasfigurazione dei comuni ingredienti impiegati. Il genio e la creatività dei partecipanti si scatenerà come sempre nella sezione delle Sculture Artistiche, opere d’arte a tutti gli effetti, ma realizzate attraverso l’intaglio o la manipolazione di sostanze in linea di principio commestibili, quali vegetali, formaggi, margarina, pane, burro, cioccolato, zucchero, ghiaccio e tutto ciò che la genialità di un artista riesca a escogitare.
L’altissimo livello raggiunto dagli intagli vegetali presentati nelle precedenti edizioni non poteva che ricevere un’adeguata celebrazione! Un’importante novità di quest’anno sarà il conferimento del titolo di CAMPIONE d’INTAGLIO VEGETALE all’autore della migliore opera, che si aggiudicherà una scultura creata appositamente per l’occasione da un artista calabrese, in un unico esemplare, un’esclusiva creazione donata dall’Associazione Culturale Anassilaos di Reggio Calabria, da oltre 25 anni autorevole punto di riferimento nella promozione della cultura e dell’arte.
In collaborazione con l’Accademia del Bergamotto di Reggio Calabria, verrà assegnato anche quest’anno, al concorrente che meglio avrà saputo esaltare e valorizzare il Bergamotto, pregiato agrume caratteristico della provincia di Reggio Calabria, l’ambitissimo e prezioso premio speciale realizzato per la nostra Associazione dal celebre Maestro Orafo Gerardo Sacco.
In un parallelo concorso a squadre parteciperanno i tavoli o i vassoi con i menù completi, dall’antipasto al dolce, realizzati dalle scuole alberghiere e dai Centri di Formazione Professionale Turistico Alberghieri; il TROFEO “PARCO NAZIONALE del POLLINO”, che prevede requisiti regolamentari simili a quelli dei professionisti, è unico in tutta Italia e il suo nome è un omaggio ai luoghi che ospitano la competizione; costituirà un’eccezionale opportunità formativa per tutti i giovani concorrenti, che potranno osservare e studiare da vicino le raffinate tecniche sfoggiate dai numerosi professionisti presenti, con cui lavoreranno fianco a fianco per tutta la giornata. L’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione “Karol Wojtyla” di Castrovillari collaborerà inoltre, con i propri allievi, al ricevimento dei partecipanti e alla preparazione di una squisita Cena di Gala, che si svolgerà presso l’Hotel “Barbieri” (ore 21.00), sarà completamente ispirata alla gastronomia tipica calabrese e concluderà la giornata, costituendo l’ideale cornice per l’attesissimo momento delle premiazioni. Tra una portata e l’altra, saranno infatti assegnati gli ambiti premi dei concorsi individuali, il Trofeo per le scuole e alcuni riconoscimenti speciali a chi riuscirà a distinguersi in determinati aspetti della tecnica culinaria, quali l’effetto artistico e la bravura dimostrata nel valorizzare ricette tradizionali e prodotti tipici.
In questa occasione avrà luogo inoltre il conferimento della cittadinanza onoraria da parte del Sindaco di Altomonte – Gianpietro Coppola – allo chef calabrese Francesco Mazzei, nostro socio molto noto nel panorama internazionale, che a Londra, nel suo ristorante “L’Anima”, porta alto il nome della cucina e dei prodotti “made in Calabria”.
Oltre che un’avvincente competizione fra affermati professionisti e promettenti allievi delle scuole, la Manifestazione sarà anche una vetrina privilegiata per tante eccellenze dell’enogastronomia regionale e nazionale: in un evento caratterizzato da competenza e professionalità, numerose aziende troveranno il contesto più favorevole per promuovere e far conoscere da vicino i loro prodotti, anche con stuzzicanti degustazioni.
SEZIONI di CONCORSO
RASSEGNA 2013 di CUCINA, PASTICCERIA e SCULTURE ARTISTICHE Categoria “A” Cucina Fredda – Realizzazione di un piatto innovativo, monoporzione, presentato freddo e gelatinato, per l’esposizione Categoria “B” Pasticceria - Realizzazione di un dessert innovativo da ristorazione, monoporzione, gelatinato, per l’esposizione Categoria “C” Sculture Artistiche - Realizzazione di lavori artistici da esposizione con le varie tecniche di lavorazione di vegetali, formaggi, margarina, pane, burro, cioccolato, zucchero, ghiaccio etc. - CAMPIONE D’INTAGLIO VEGETALE 2013 -
6°TROFEO “PARCO NAZIONALE del POLLINO” riservato a lle SCUOLE ALBERGHIERE Categoria “D” - Concorso a squadre. Realizzazione di un tavolo o vassoio con menù così composto: antipasto, primo, secondo e contorno, dessert e mini scultura centro tavola (piatti freddi e gelatinati)
3a GARA della RISTORAZIONE PROFESSIONALE Categoria “E” Cucina Calda – Competizione ad invito. Preparazione in estemporanea, su postazioni a vista, di una ricetta innovativa di cucina o pasticceria, in 4 piatti monoporzione (3 per la valutazione della Giuria, uno per l’esposizione) Premi – In ogni categoria individuale (cat. A, B, C, E) i primi tre classificati riceveranno, secondo la loro classificazione, delle prestigiose Coppe. Sono previste medaglie d’oro, argento e bronzo per il 4°, 5° e 6° classificato in    ogni categoria della Rassegna (A, B, C).

L’autore della migliore scultura d’intaglio vegetale (cat. C) sarà insignito del titolo di CAMPIONE D’INTAGLIO VEGETALE 2013 (in collaborazione con l’Ass. Anassilaos), con la consegna di coppe al 2°e 3°classificato e di meda glie d’oro, argento e bronzo al 4°, 5°e 6°. Saranno assegnati appositi Trofei al 4°, 5° e 6° de lla 3a GARA della RISTORAZIONE PROFESSIONALE e una medaglia d’onore ad ogni concorrente di quest’ultima, come riconoscimento per aver superato la preselezione. Le prime tre scuole classificate riceveranno, nell’ordine, l’esclusivo Trofeo “Parco Nazionale del Pollino” e i trofei per il secondo e il terzo posto, premi realizzati appositamente per l’evento da artigiani locali. Saranno anche assegnati: nelle cat. A, B, C e D le medaglie o i trofei dei tradizionali premi speciali, “Valorizzazione del Territorio” ed “Effetto Artistico – Arte da gustare con gli occhi”; i PREMI SPECIALI dell’Accademia del Bergamotto e dell’INAP (Istituto Nazionale Assaggiatori Pani). Tutti i partecipanti riceveranno inoltre una Pergamena di Merito.
PROGRAMMA della Manifestazione
25 Novembre 2013 – “Palazzo dei Giacobini”
Ore 8.30 – Inizio Gara della Ristorazione Professionale (cat. E - “Cucina Calda”) Ore 11.00 – 16.30 Registrazione alla Rassegna e al Trofeo “Parco Nazionale del Pollino” Ore 15.00 – 17.00 Esposizione degli elaborati in gara e valutazioni da parte della Giuria Ore 17.00 Assemblea dei cuochi, consegna delle Pergamene di Merito e fotografie ufficiali Ore 18.30 Apertura del Salone espositivo al pubblico Ore 21.00 Cena di Gala presso l’Hotel “Barbieri” ispirata alla gastronomia tipica calabrese: nel corso di essa conferimento dei premi della Rassegna, del 6°Trofeo “Parco Nazionale del Pollino”, della 3a Gara della Ristorazione Professionale; conferimento del titolo di CAMPIONE d’INTAGLIO VEGETALE 2013; consegna del Premio Speciale Accademia del Bergamotto e del Premio Speciale INAP – Istituto Nazionale Assaggiatori Pani
Per maggiori informazioni e per contattare gli organizzatori:
Giuseppe Sgrò
Presidente dell’Associazione Professionale Cuochi Calabresi e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - telefono: 392 2335781
-- Per tutti gli aggiornamenti, seguici sulla nostra pagina Facebook! -- --- Visita la pagina internet dedicata all’edizione del 2012! ---

Stampa Email