Morano Calabro: Domenica appuntamento con la rassegna TEATROMUSICA

Sarà proiettato il reportage “Trentennale del gemellaggio Morano Calabro – Porto Alegre”
All’auditorium comunale di Morano Calabro continua la tredicesima edizione di TeatroMusica, la rassegna culturale organizzata da L’Allegra Ribalta. Domenica 24 novembre alle 18,30 ci sarà la proiezione del video reportage “Trentennale del gemellaggio Morano Calabro – Porto Alegre”, a cura di Valentino Paternostro. L'ingresso è gratuito.  Il borgo del Pollino è dall’inizio degli anni ottanta che si è gemellato con la città di Porto Alegre in Brasile, per l'alta concentrazione di moranesi, stimati intorno ai quindicimila, tra prima, seconda e terza generazione.  Lo scorso anno, in occasione dei festeggiamenti per il Trentennale del gemellaggio, il sindaco di Morano, Franco Di Leone, ha fatto visita alla comunità moranese a Porto Alegre. Di straordinario impatto emotivo l’incontro, svoltosi in un clima di condivisione e all’insegna dei ricordi e del legame affettivo che unisce le due comunità. Associati all’eccezionale accoglienza, i migliori sentimenti di stima e sincera reciproca amicizia, che nonostante l’impietoso trascorrere del tempo e la lontananza, appaiono saldi e ben strutturati.  Le diverse manifestazioni promosse per l’importante circostanza, hanno potuto contare sulla presenza del console italiano di quella città, Augusto Vaccaro, nonché di tutte le autorità portoalegrensi.

DOMENICO DONATO

Stampa Email

Cassano: Teatro per ragazzi, “CAPPUCCETTO ROSSO sulla via…dell’ecologia”

Domenica 17 novembre continua la Rassegna di Teatro per ragazzi al Teatro Comunale di Cassano All'Ionio organizzata dalla Residenza Teatrale Orizzonti Paralleli diretta da Massimo Costabile e gestita dalla Compagnia Lalineasottile in partnership con l'Amministrazione Comunale di Cassano. Di scena alle ore 18 la Compagnia JEU DE DAMES con lo spettacolo “CAPPUCCETTO ROSSO sulla via…dell’ecologia”, uno spettacolo scritto e diretto da Monica Rovito e interpretato da Marisa Casciaro, Giada Grandinetti e dalla stessa Monica Rovito. Il Cappuccetto Rosso è una fiaba classica molto amata da grandi e piccini, ha in sé tutti gli elementi che possono aiutare il bambino a discernere il bene dal male, l’ordine e il disordine, la sicurezza dal pericolo. I personaggi in questa versione sono allettanti e vengono interpretati e giocati con tecniche quali la narrazione e il movimento mimico. La storia mantiene lo schema classico del Cappuccetto Rosso dei fratelli Grimm, ma con interessanti inserzioni di oggetti e giochi di parole che richiamano a concetti e tematiche attuali come l’ecologia, l’ambiente, sensibilizzando il bambino al “Gioco della Raccolta Differenziata”.

Stampa Email

Cassano: grande musica con “VISSI D’ARTE

Sabato 16 novembre al Teatro Comunale di Cassano continuano gli appuntamenti con  la grande musica con “VISSI D’ARTE. Tra Opera, Concerti e grandi anniversari”, una rassegna curata dal Compositore e Direttore d’Orchestra Francesco Perri ed organizzata dalla Residenza Orizzonti Paralleli in collaborazione con SERRENSEMBLE CHAMBER ORCHESTRA e FILEinSONUS.

Sabato sera alle ore 21 saranno di scena il Tenore Federico Veltri e Francesco Perri al Pianoforte in Viva V.E.R.D.I..Quattro passi nell’opera italiana con musiche di: Verdi, Bellini, Donizetti, Cilea, Mascagni


In occasione dei grandi anniversari musicali dell’Opera, il concerto spazia nella lirica italiana attraverso i più grandi repertori internazionali come Traviata, Elisir d’amore, Cavalleria Rusticana, Arlesiana, Rigoletto ritrovando, in autori e arie, un percorso comune che è l’amore in ogni sua espressione e forma.
Il teatro è amore corrisposto, anelato, tradito, umiliato, passionale, etereo.


Francesco Perri (1972) è compositore e direttore d’orchestra. Dopo aver conseguito gli studi classici a 16 anni, si è diplomato in Composizione, Strumentazione, Pianoforte e in Direzione d’orchestra. E’ laureato al D.A.M.S. e Filosofia con il massimo dei voti e la lode. Nel ’97 è stato borsista presso la Scuola di musica e filosofia del corso Metafisica della voce di Napoli: Simbolica, Ermeneutica, Analisi musicale.
E’ giornalista pubblicista e critico musicale. Ha scritto dal 1995 al 2002 su “Strumenti e musica”, “Panorama Calabrese”, “Teatro Rendano”, “Il Quotidiano”, “Mezzoeuro”, con le riviste di cultura “Calabria Letteraria”, “Il Filorosso”, “Sonus”, “Il Serratore”, e, dal 1997 al 2003, quotidianamente con l’emittente radiofonica “RLB”. E’ stato direttore responsabile del periodico di cultura “Il Fermento”.
Dal 2001 al 2004 è stato Direttore dell’Istituto di Alta Formazione Musicale P.I.Tchaikovsky della Provincia di Catanzaro. Attualmente è docente di Teoria, Ritmica e Percezione Musicale presso il Conservatorio Statale “S. Giacomantonio” di Cosenza.
Parallelamente all’attività musicale, ha svolto intensa attività di ricerca sperimentale nel campo della musica elettronica presso il D.A.M.S. dell’Università della Calabria per ciò che riguarda il campo musica generativa ed automatismi musicali e presso l’University Parkside - Wisconsin (Usa). Periodicamente tiene masterclass di composizione presso enti e prestigiose accademie nazionali.
E’ autore di numerosi saggi per ciò che riguarda la Semiologia della musica e l’Estetica musicale: “L’Urlo dei dannati” (97), “Il Concetto di possessione in musica”(98), “La leggenda di Canio Saggi sulla musica nel ‘900 cosentino”(2000), Cronache Musicali (2002 – Premio Nazionale Valentini), "Musica da Film nel vecchio millennio: da Bach ad Hollywood con il Synthetizer Moog" (2003 vincitore al 56° Festival Internazionale del Cinema di Salerno), "Bela Bartòk Piano Works Vol I° (2004), "Maurizio Quintieri ed il teatro musicale calabrese (2005), Argentina : Il Tango come linguaggio Multietnico, (2007) Musicisti calabresi nel ‘500 (2009),
Come direttore d’orchestra ha al suo attivo 250 concerti in Italia ed all’estero (Francia, Bulgaria, Canada, Germania e, negli Stati Uniti). Allievo di Bellugi, Pavlov, Gergiev, ha molto approfondito, sotto l’aspetto compositivo e strumentale, il repertorio Sinfonico tedesco tra ‘800 e ‘900 (Beethoven, Mahler, Schoenberg, Berg) e quello russo (Prokofiev e Shostakovich), avendo, infine, particolare predilezione verso il repertorio wagneriano e del Verismo italiano.Nel 2000 è stato tra i fondatori, in Calabria, della Orchestra Sinfonica Calabrese SerrEnsemble, premio Sallentum 2001, con la quale ha diretto più di cinquecento concerti in dieci anni di attività e di cui è il direttore stabile.
Come pianista sta dedicandosi, con concerti e con ricerche ed incisioni discografiche, allo studio critico e musicale per la riscoperta del patrimonio musicale calabrese (Giacomantonio, Cilea, Manfroce, Rendano, Quintieri, Salfi).
Come compositore ha partecipato, con opere prime, alla Stagione musicale ’92 del Fokstudio di Roma, alla XXVI Stagione concertistica ’93 presso l’Università di Camerino, al X e XIV Festival di Musica d’Oggi presso l’Università della Calabria ed ancora nel 2000, alla XXV Stagione dei concerti della Scuola di Musica di Fiesole, alla rassegna di Musica Contemporanea presso l’Associazione Belli di Roma (1996). Ha ideato e curato, nel 1999, con patrocinio del Comune di Cosenza Kontemporaneamente’99 appuntamenti dedicati alla musica d’oggi con Manzoni, Pennisi, Clementi. Nel’99 è stato chiamato a collaborare come consulente musicale del “Giffoni Film Festival” ed alla Biennale di Cinematografia di Venezia nel 1998 e 1999. Per il 2006, anno mozartiano, è stato impegnato in iniziative di natura culturale e musicale per i percorsi mozartiani in Italia. Ha composto musiche per il Teatro Noctu (’99), per il Teatro sperimentale di Messina, il Filorosso (‘95,’97,’98), per il documentario “Texas al di là del buio” (’99), per l’Associazione “Cosenza che Vive”, per Il Gruppo Strumentale Musica d’Oggi, per l’Università di Parkside Winsconsin con la composizione Passi per viola ed orchestra sinfonica (2005), per la Biennale d’arte del Bambino di Treviso (2010) per l’Orchestra Italiana di Arpe con Onde per 6 arpe soliste e orchestra d’arpe (2010).
Come revisore e critico musicale , per conto dell’Accademia Musicale della Calabria, ha curato l’edizione critica della produzione pianistica del musicista Francesco Saverio Salfi (2006) e gli inediti di Enrico Salfi (2007), Alfonso Rendano e l'opera lirica Consuelo (2008) Emilio Capizzano ed Alessandro Longo (2008).


Federico Veltri –Tenore
Giovanissimo è considerato tra le promesse della lirica italiana. Conseguita la laurea di I° Livello in Canto lirico presso in Conservatorio “F. Torrefranca” di Vibo, sotto la guida di Patrizia Patelmo, Veltri riscuote sempre grandi successi:
da ricordare tra i più significativi:
Premio “San Francesco Saverio” come miglior cantante lirico emergente calabrese 2011
Premio dell' Associazione degli  Imprenditori Italiani di Nola 2012
Finalista al Concorso Internazionale di Canto Lirico “Giacinto Prandelli” 2013
II° classificato al Concorso Internazionale di Canto Lirico “Città di Polistena” 2013
I classificato
Miglior giovane tenore al prestigiosissimo Concorso Internazionale di Canto Lirico “Riccardo Zandonai” Riva del Garda 2013
Dal timbro lirico associato ad  tecnica vocale di grande rilievo Veltri si è confrontato con ruoli di assoluta difficoltà da quello lirico del bel canto italiano al tenore drammatico del repertorio verista. Ha al suo attivo diverse incisioni discografiche. Prima incisione assoluta delle liriche di Enrico Salfi (2012), Via Crucis di Francesco Perri (2013), ed attualmente sta completando il ciclo integrale delle Romanze di Tosti su testi di D’Annunzio. Collabora con i maestri Marco Boemi, Antonella Barbarossa, Angelo Guaragna e Francesco Perri.
Tiene concerti  in Italia e all’estero.

Stampa Email