Appello di adesione alla mobilitazione contro il III Megalotto della ss 106

Mercoledì, 9 maggio 2018, alle ore 12 e 30, presso la Sala Convegni del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, l'Amministratore Delegato di A.N.A.S., Gianni Vittorio Armani, e il Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, terranno l'ennesimo teatrino dei miracoli inutili: la presentazione della “Nuova 106 Jonica” e dell'avvio delle attività del III Macrolotto Sibari-Roseto Capo Spulico.

 

In realtà, ciò che illustreranno non ha proprio nulla di nuovo e siamo sicuri che i due relatori faranno ricorso alla più stucchevole e menzognera retorica paternalistica e falsamente “progressista”: l'opera sarà un'opportunità di lavoro per tutti e toglierà dall'isolamento geografico e sociale un intero territorio che finalmente potrà ottenere benefici in termini turistici e commerciali! A questo progetto e a tutte le motivazioni addotte per valorizzarlo, noi cittadini dell'alto Ionio cosentino continuiamo a opporci!

Sebbene sappiamo quanto il progetto sia scadente e ambiguo sul piano tecnico e per tutto ciò che attiene a impatto ambientale e sostenibilità economica (su questi aspetti sono stati allestiti ricorsi,osservazioni e incontri), osteggiamo quest'opera indecente per la falsa idea di sviluppo che porta con sé e per l'estromissione dai processi decisionali delle volontà territoriali, ormai escluse dalla possibilità di autodeterminare il proprio futuro.

Non ci serve un mostro di cemento e asfalto che distruggerà permanentemente l'ambiente e il paesaggio e che calpesterà ben 500 ettari di terreno già coltivato e produttivo. Non ci serve un'opera che, visto l'iter interminabile che sta seguendo e le perplessità che ha suscitato in quasi tutte le istituzioni di controllo, rischia di rimanere incompleta. Non ci serve lavoro a orologeria e concesso come merce di scambio e di ricatto sociale per poter accettare i danni permanenti conseguenti alla realizzazione della strada. Non ci serve pagare 38 km di strada 1.400.000.000 di euro e dimenticare che basterebbe una cifra molto meno ingente per rinnovare la mobilità di TUTTA la fascia ionica!

Sappiamo bene cosa serve all'alto Ionio: serve una strada sicura (sin da subito!), una strada che venga raddoppiata, laddove possibile, lungo il tracciato esistente, permettendo di non sabotare evidenze e pregi naturalistici e culturali; serve manutenzione (e in alcuni casi ripristino) della viabilità interna e rurale; serve sviluppare intermodalità dei trasporti e quindi strade interconnesse e pensate assieme a ferrovie, porti e aeroporti; serve lavoro stabile e legato a progettualità che inseguono le reali vocazioni agricole, turistico-commerciali e culturali del nostro territorio.

Invitiamo tutta la cittadinanza, tutte le associazioni e i comitati di cittadini, i sindacati e le organizzazioni politiche, tutte le realtà in lotta e attente alla difesa del territorio e ai diritti dei cittadini a mobilitarsi per esprimere il più grande e sonoro dissenso in occasione di questa presentazione-truffa! L'appuntamento è per mercoledì 9 maggio 2018, alle ore 12, presso il Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide. Si invitano i partecipanti a portare striscioni, cartelli, bandiere e tutto ciò che può sembrare utile a far capire le rispettive rappresentanze.

Per maggiori informazioni e per aderire formalmente alla mobilitazione, si prega di scrivere al seguente indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Al momento hanno aderito all'appello:

Altra Calabria
Associazione Culturale “Francesco Vuodo” − Alessandria del Carretto
Comitato Cittadini Alto Ionio
Comitato Italiano Utenti delle Ferrovie Regionali (CIUFER) − Calabria
Confederazione USB − Unione Sindacale di Base, Cosenza
C.S.O.A. Rialzo − Cosenza
Forum Ambientalista Calabria
Italia Nostra − Trebisacce
Laboratorio di Urbanistica e Architettura
Solidarietà e Partecipazione – Castrovillari

Movimento 5 Stelle − Italia
Potere al Popolo − Italia
Sinistra Italiana − Calabria

Orestes Accio, tecnico
Rosanna Anele, architetto
Rinaldo Chidichimo, avvocato
Franca Franco, architetto
Domenico Gattuso, professore ordinario di ingegneria dei trasporti dell'Università di Reggio Calabria, esperto di pianificazione dei trasporti e presidente CIUFER
Ferdinando Laghi, vicepresidente di I.S.D.E. Italia e futuro presidente di I.S.D.E. International
Mario Pisani, direttore di «Abitare la Terra. Rivista di Geoarchitettura», collaboratore di «Landscape» e di «Edilizia e Territorio»

 

Stampa Email

Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna