Il Sindacato dei braccianti della Cgil Camera del Lavoro Territoriale di Castrovillari, ha lanciato la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori del Distretto Agroalimentare di Qualità per il prossimo giovedì 19 aprile 2018, con una manifestazione che si terrà, con concentramento alle ore otto del mattino, nei pressi dello svincolo autostradale di Altomonte dell’A2.

La protesta indetta dalla Flai – Cgil di Castrovillari scaturisce dalla grave crisi che sta vivendo il Distretto Agroalimentare di Qualità in special modo riferita alla filiera della frutta estiva, che occupa annualmente diverse migliaia di lavoratori, e che si è aggravata diventando ormai quasi strutturale a seguito dell’embargo russo del 2014.La manifestazione sindacale è rivolta contro la Regione Calabria, e nei confronti del Presidente Mario Oliverio che non è stato in grado di risolvere i problemi atavici e la paralisi dell’Amministrazione Pubblica regionale che non garantisce agli agricoltori né le misure ordinarie ma neanche è soddisfacente la gestione del Piano di Sviluppo Rurale. L’assenza di adeguate politiche di sostegno all’agricoltura calabrese da parte della Giunta Oliverio e dei governi che si sono succeduti Renzi e Gentiloni.I ritardi hanno di fatto peggiorato la condizione delle aziende agricole della Calabria non supportate adeguatamente da politiche finanziarie e creditizie.Le misure di sostegno economico concordate a favore delle aziende agricole calabresi, a distanza di molti mesi non si è ancora riusciti a sbloccare l’intervento finanziario predisposto da Fincalabra SpA con l’avallo del Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria.La fragilità della rete delle aziende agricole, in mancanza di adeguate politiche pubbliche capaci di mobilitare efficacemente e in tempi congrui le risorse disponibili di sostegno agli investimenti proprio nelle aziende agricole che costituisco l’ossatura dell’economia locale e che li espone però a pericolose infiltrazioni della criminalità organizzata, favorendo nel contempo inaccettabili pratiche di illegalità e sfruttamento finora arginate dal sindacato, dal movimento dei lavoratori e con l’imprenditoria sana del distretto agricolo della Piana di Cammarata e della Sibaritide.Qualora la manifestazione annunciata, non dovesse sortire gli esiti attesi ed auspicati dal Sindacato e dai lavoratori, la mobilitazione continuerà con iniziative eclatanti e che avranno anche un carattere simbolico.
Castrovillari, 17 aprile 2018

Il Segretario GeneraleFlai – Cgil di Castrovillari
Silvano Lanciano

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo