Lo chiede il circolo rossanese del movimento “La Calabria che vuoi”, rilanciando le preoccupazioni espresse nei giorni scorsi dal consigliere regionale Gianluca Gallo e confermate, nelle ultime ore, dalle richieste di aiuto lanciate da imprenditori e lavoratori del settore. 

“Sono migliaia, all’incirca 10.000 – ricorda la sezione rossanese della “Calabria che vuoi” – i lavoratori che rischiano di perdere il posto per la crisi che sta interessando e rischia di travolgere molte delle grandi aziende agricole del comprensorio, alle prese con problemi finanziari imposti dalle difficoltà incontrate sui mercati o dal ritardo nella liquidazione dei finanziamenti ottenuti per progetti di innovazione, coperti però intanto con fondi propri>>. Si aggiunge: “Già nelle prossime settimane, in mancanza di interventi risolutori, potrebbero aver luogo i primi licenziamenti o la riduzione delle assunzioni stagionali solitamente programmate. Il risultato sarebbe drammatico, in un territorio che già sconti gravi problemi di disoccupazione e forte presenza di criminalità organizzata”. Seguono suggerimenti e richieste: “Invitiamo il commissario prefettizio che guida la città unica Corigliano-Rossano a voler interessare della questione anche la Prefettura e tutte le autorità istituzionali, in primis la Regione, per favorire l’immediata convocazione, insieme alle organizzazioni di categoria ed ai sindacati, di un tavolo di concertazione attorno al quale ragionare e discutere della situazione come pure delle iniziative necessarie per prevenire quello che sarebbe un disastro sociale senza precedenti”.
Rossano, 9 Aprile 2018

La Calabria che vuoiCircolo di Rossano
 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

 

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo