ALTO JONIO – Non c’è due senza tre e così alla “Prova del cuoco”, il popolare “Cooking Show” condotto su Rai Uno da Antonella Clerici, Trebisacce e la Calabria dopo aver sfidato e battuto prima il Friuli Venezia Giulia e successivamente il Lazio preparando un primo piatto a base di pesce, questa volta, a ruoli invertiti e quindi con un piatto forte di tradizione non proprio marinara, hanno avuto la meglio nei confronti del piatto della regione Liguria, 

un primo a base di “seppia con fagioli e funghi”, preparato in diretta dagli chef di una città famosa come Sanremo che, anche a ragione della sua storia festivaliera, è conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Un successo che vale doppio, dunque, e che la dice lunga sulla bravura e sulla professionalità dei campioni ancora in carica Giancarlo Mazzei e Rosa Pinelli, i magnifici chef della “Trattoria del Sole” di Trebisacce e sulla qualità e la specificità dei prodotti eno-gastronomici “forti” della cucina calabrese ormai conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Una Regione, la Calabria che, al di là dei beceri stereotipi a cui viene accostata da taluni, e da ultimo da Matteo Salvini che nei giorni scorsi ha detto di vergognarsi per il fatto che l’Italia annovera tra sue regioni la Calabria, la quale gode invece di tanta simpatia e di tanta ammirazione per la generosità dei suoi abitanti e per le sue straordinarie e uniche risorse ambientali, paesaggistiche e culinarie. La dimostrazione più efficace questa volta l’ha fornita Lorenzo Branchetti, co-conduttore della popolare trasmissione il quale, pur giocando in casa da ligure, ha dichiarato di essere stato letteralmente rapito, nel corso del suo viaggio effettuato con la troupe di “Linea Verde”, dalla bellezza selvaggia e incontaminata del Parco del Pollino ed in particolare dal piccolo e suggestivo borgo di San Lorenzo Bellizzi e del grande Canion naturale del Raganello tra le quali, nel corso dei secoli, per farsi largo verso il mare il fiume ha spaccato a due la montagna creando uno scenario struggente come le Gole del Raganello. Anche questa volta, i sapori “forti” della Calabria ed il primo piatto cucinato dagli chef della “Trattoria del Sole” fondata dal compianto Vincenzo Pinelli e oggi gestita dai figli, maccheroni (ferrazzùli) preparati in diretta da Rosa secondo la tradizione popolare, e quindi con l’uso dell’antico “ferretto”, e conditi con i sapori forti (‘dujia, ricotta “tosta” e aromi naturali) ha spopolato e, grazie al televoto dei calabresi, ha fatto vincere, con una percentuale schiacciante del 78% contro il 22%, ancora una volta Trebisacce e la Calabria che si sono dunque confermati campioni per la terza volta consecutiva.

Pino La Rocca

 

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo