Come da noi preannunciato, l’Amministrazione Greco è giunta al capolinea. Oggi, infatti, ci sono state le dimissioni congiunte di 8 consiglieri comunali (quattro di maggioranza e quattro di opposizione).Ciò è chiaramente il risultato di una crisi interna alla maggioranza che dura ormai da un anno e che è peggiorata fino a questo punto.

 Una crisi che ha influito sugli equilibri tra la stessa maggioranza e il resto del consiglio comunale e che, come tutti sanno, ha le sue radici già nella costruzione della compagine dell’”Alternativa”, vincente alle elezioni 2016.Ciò a dimostrazione, ancora una volta, che “mettersi insieme per vincere”, non è la strada giusta; a riprova di un’incapacità di dialogo tra la sindaca Filomena Greco e i suoi più stretti compagni di squadra.Un’incapacità che in 18 mesi è sfociata in gravi episodi di arroganza politica e personale, rendendo dapprima impossibile qualunque confronto tra maggioranza e opposizione e poi, con la crisi interna, immobilizzando quasi l’azione amministrativa.Un triste finale, che la sindaca Greco non ha voluto in alcun modo evitare, portando la sua amministrazione a cadere sulle proprie gambe! Altrettanto triste, inutile e falso È ADDOSSARE AD ALTRI LA RESPONSABILITÀ E METTERE IN MOTO LA MACCHINA DEL FANGO con cui da queste parti si vuole continuare a fare politica.Noi di #CariatiPulita, SEGUENDO IL NOSTRO PERCORSO DI OPPOSIZIONE ci siamo presentati in consiglio in prima convocazione, appurando l’assenza del nuovo gruppo di maggioranza “Alternativa Democratica” e del gruppo di minoranza PD. Dopo la seconda convocazione senza i quattro consiglieri e l’intera opposizione, è stato inevitabile arrivare alle dimissioni, determinate anche dalla decisione di “Alternativa Democratica” di mettere la parola fine a questo percorso amministrativo, visto che non è pervenuto alcun segnale di distensione da parte della Sindaca.La stessa Sindaca che, piuttosto che cercare di risolvere la gravissima crisi, ha invece pensato di passare sopra tutti, tappezzando Cariati e dintorni con i suoi proclami, riprendendo la sua campagna elettorale “da macello”, e UTILIZZANDO ANCORA UNA VOLTA IL MAGGIORE BISOGNO DELLA GENTE, OVVERO LA SANITÀ, PER IL SUO TORNACONTO PERSONALE e per illudere ancora una volta i cittadini.In 18 mesi, infatti, la sua amministrazione si è deresponsabilizzata nei confronti di ogni problema, dimostrando interesse e competenza solo in tema di sanità privata.Oggi si chiude una triste pagina per Cariati; ci auguriamo che l’esperienza possa far riflettere e capire quanto è importante ritrovarsi intorno alle idee e non alla conta dei voti o agli interessi di bottega.

Il Comitato #CariatiPulita

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo