A settembre, dopo cantiere Calabria, come Cgil abbiamo proposto l’estensione dei benefici della Zes (zona economica speciale) ai porti ricadenti nell’autorità portuale di Gioia Tauro ed alle aree industriali contigue. Ieri abbiamo appreso con soddisfazione che il Governatore della Calabria ha colto il suggerimento.

 Ora occorre riempire di contenuti la Zes con investimenti pubblici, attività produttive, lavoro. Il sistema imprenditoriale calabrese ha bisogno di essere sostenuto, in legalità, per questo insistiamo che ci vuole da parte del Governo nazionale e regionale un piano di investimenti per la Calabria, con una redistribuzione del fondo ordinario ed in conto capitale per il Sud per almeno il 35 % e con la rimodulazione della spesa comunitaria, con il coinvolgimento delle partecipate pubbliche a sostegno delle Imprese calabresi(Finmeccanica, Fincantieri, Anas, Enel, Eni, ferrovie). Sono queste alcune rivendicazioni fatte nella piattaforma dell’altro cantiere Calabria da parte di Cgil e Uil, quello del 16 novembre con seimila lavoratori sotto la cittadella regionale, che chiedevano lavoro, un salto di qualità delle politiche regionali ed un cambio di passo. Basterebbe terminare la politica delle passerelle e degli interventi minimi ed aumentare una visione di campo, di sistema, di Calabria. E soprattutto, chiedere ai Ministri, quando vengono in Calabria, di assumere impegni concreti.
Catanzaro, 5 dicembre 2017

Angelo Sposato
Segretario generale Cgil Calabria

 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo