Assessore Munno: sì, oltre tare culturali. Occasione storica da Basso ad Alto ionio
ALBIDONA  – La fusione tra CORIGLIANO e ROSSANO, piaccia o meno a qualche amministratore locale pro tempore, serve a tutto il territorio. Serve alla Sibaritide. Serve al basso ed all’alto jonio.

 E serve anche e soprattutto ai tanti comuni dell’entro terra jonico, dalla Sila Greca ai comuni arbëreshë alle tante realtà interne come ALBIDONA altrimenti destinate, ancor di più dei piccoli e grandi centri costieri, a continuare a subire un lento ma inesorabile auto isolamento dalle principali dinamiche di crescita e sviluppo.

È quanto dichiara l’assessore alla sanità Caterina MUNNO esprimendo l’auspicio suo personale, condiviso dal Sindaco Filomena DI PALMA e dall’Amministrazione Comunale, che DOMENICA 22 OTTOBRE da questo territorio importante della provincia di Cosenza possa giungere – scandisce – con il maggioritario Sì alla fusione, un segnale storico ed un indirizzo inequivocabile per tutti i comuni dell’area.

In mezzo alla gente – continua – si respira aria e voglia di fusione, da ROSSANO a CORIGLIANO certo, così come nel resto del territorio. E se dubbi sussistono o perplessità assurde prendono ancora forma queste vengono sempre più interpretate, all’esterno, come sintomo insopportabile di un imperdonabile ritardo della Politica e dei suoi rappresentanti rispetto a quello che, di fatto, è ormai un sentimento comune, un auspicio condiviso ed una speranza diffusa, soprattutto tra le nuove generazioni.

Ecco perché – prosegue l’assessore – talune derive ostruzionistiche alla fusione, alle quali stiamo purtroppo assistendo ovviamente da non protagonisti diretti del confronto tra le classi dirigenti e tra le popolazioni delle due città, ci appaiono in ogni caso una testimonianza fin troppo eloquente di quel ritardo delle istituzioni locali rispetto ad un’opinione pubblica che si dimostra molto più progressiva ed aperta, perché figlia legittima di una positiva osmosi quotidiana, imprenditoriale, commerciale, sociale e culturale tra le due importanti realtà urbane della Sibaritide.

Senza voler entrare nel merito delle motivazioni legittimamente esposte dai diversi contrari alla fusione – conclude la MUNNO – esse sembrano però malcelare tutto il sapore di zavorre e tare culturali paradossali dalle quali, nel 2017, poter finalmente liberarsi andando a votare Sì al referendum popolare indetto dalla Regione sulla base del comune atto di impulso democraticamente formalizzato dai due consigli comunali. Perché il territorio crede in questa che è oggettivamente un’occasione storica imperdibile per tutti. Non soltanto per Corigliano e Rossano! - 


Aggiungi commento

Prima di commentare gli utenti sono tenuti a leggere il regolamento del sito:
I commenti che verranno ritenuti offensivi o razzisti non verranno pubblicati e saranno cancellati
VERRA' PUBBLICATO UN SOLO COMMENTO PER IP


Codice di sicurezza
Aggiorna

INVIA ARTICOLO

redazione@sibarinet.it

Crediti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’amministratore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L’amministratore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’amministratore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Ogni forma di collaborazione si intende offerta e fornita a titolo gratuito.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo